fbpx

Challenge: Jens Fahrbring in volata su McGowan Bertasio 13°, Tadini 17°

Nino Bertasio
  31 Maggio 2015 News
Condividi su:

Con un rimarchevole giro finale in 65 (-7) colpi, miglior score di giornata, Nino Bertasio (278 – 68 69 76 65, -10), nella foto, ha ottenuto un buon 13° posto, risalendo dal 48°, nel D+D REAL Czech Challenge, evento del Challenge Tour svoltosi sul percorso del Golf & Spa Kunetická Hora (par 72), a Dritec nella Repubblica Ceca.   Ha vinto con 271 colpi (66 70 67 68, -17) lo svedese Jens Fahrbring dopo un acceso duello con l’inglese Ross McGowan (272, -16). In terza posizione con 273 (-15) lo scozzese Andrew McArthur, in quarta con 275 (-13) lo statunitense John Hahn, il francese Sebastien Gros e il cileno Nico Geyger, leader dopo tre turni e tradito da un 74 (+2), in settima con 276 (-12) il finlandese Jaakko Makitalo e lo svedese Joel Sjoholm.   Hanno terminato nella prima metà della graduatoria Alessandro Tadini, 17° con 279 (69 70 70 70, -9), Matteo Delpodio, 24° con 281 (70 70 71 70, -7), Andrea Rota (67 73 74 68) e Niccolò Quintarelli (67 69 76 70), 30.i con 282 (-6). Un colpo in più per Andrea Pavan, 38° con 283 (71 70 71 71, -5), e in retrovia Leonardo Motta, 63° con 288 (71 70 76 71, par) e Filippo Bergamaschi, 68° con 289 (69 72 77 71, +1). Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (-3), Nicolò Ravano, 73° con 142 (70 72, -2), Lorenzo Gagli (73 70) e Andrea Romano (70 73), 84.i con 143 (-1).   Fahrbring, 31enne di Sollentuna, ha siglato il secondo titolo nel circuito, dopo quello nel Norwegian Challenge (2013), che gli ha reso 27.200 euro su un montepremi di 170.000 euro. Ha avuto partita vinta grazie a un 68 (-4) con cinque birdie (decisivo quello alla buca 16) e un bogey. A McGowan non è bastato un 66 (-6) con sette birdie e un bogey. Bertasio ha firmato il suo 65 con otto birdie e un bogey, Tadini ha guadagnato una posizione con un 70 (-2) dovuto a sei birdie, due bogey e a un doppio bogey. Stesso score per Delpodio e Quintarelli con quattro birdie e due bogey e 68 colpi per Rota con un eagle, tre birdie e un bogey. Infine un 71 (-1) per Pavan (due birdie e un bogey), per Motta (tre birdie e due bogey) e per Bergamaschi (cinque birdie e quattro bogey).   TERZO GIRO – Alessandro Tadini, 18° con 209 (69 70 70, -7), Matteo Delpodio, 28° con 211 (70 70 71, -5), e Andrea Pavan, 36° con 212 (71 70 71, -4), hanno guadagnato posizioni nel D+D REAL Czech Challenge, torneo del Challenge Tour che si conclude sul percorso del Golf & Spa Kunetická Hora (par 72), a Dritec nella Repubblica Ceca.   E’ rimasto da solo al comando il cileno Nico Geyger (201 – 68 66 67, -15), 29 anni e ‘carta’ per il circuito conquistata nella Qualifying School 2014, che inizierà la volata finale con due colpi di vantaggio sullo svedese Jens Fahrbring (203, -13) e con quattro sul francese Sebastien Gros e sull’americano John Hahn (205, -11). Pure se al quinto posto con 206 (-10), sembrano minime le possibilità di inserirsi nella corsa al titolo per lo scozzese Andrew McArthur, per lo spagnolo Alvaro Velasco e per gli inglesi Ross McGowan e Steven Brown, quest’ultimo leader con Geyger dopo due turni.   Hanno ceduto Niccolò Quintarelli (212 – 67 69 76, -4), scivolato dal settimo al 36° posto dove ha la compagnia di Pavan, e Nino Bertasio, da 13° a 48° con 213 (68 69 76, -3). Più attardati Andrea Rota, 53° con 214 (67 73 74, -2), Leonardo Motta, 67° con 217 (71 70 76, +1), e Filippo Bergamaschi, 69° con 218 (69 72 77, +2).   Geyger ha realizzato otto birdie e ha pagato due momenti di difficoltà con un bogey e un doppio bogey (67, -5). Tadini ha segnato un 70 (-2) con tre birdie e un bogey, Delpodio e Pavan hanno girato in 71 (-1), entrambi con tre birdie e due bogey. Per Quintarelli 76 (+4) colpi con quattro bogey e stesso score per Bertasio con tre birdie, cinque bogey e un doppio bogey. Per Rota 74 (+2) con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey, per Motta 76 con due birdie, tre bogey e un triplo bogey e per Bergamaschi 77 (+5) con un birdie e sei bogey. Non hanno superato il taglio, caduto a 141 (-3), Nicolò Ravano, 73° con 142 (70 72, -2), Lorenzo Gagli (73 70) e Andrea Romano (70 73), 84.i con 143 (-1). Il montepremi è di 170.000 euro con 27.200 euro che saranno appannaggio del vincitore.   SECONDO GIRO – Niccolò Quintarelli, settimo con 136 (67 69, -8), e Nino Bertasio, 13° con 137 (68 69, -7), hanno continuato la loro corsa in alta classifica nel D+D REAL Czech Challenge, torneo del Challenge Tour che si sta disputando sul percorso del Golf & Spa Kunetická Hora (par 72), a Dritec nella Repubblica Ceca.   L’inglese Steven Brown è rimasto al comando con 134 colpi (65 69, -10), ma ora è affiancato dal cileno Nico Geyger (134 – 68 66). Li seguono con 135 (-9) lo spagnolo Alvaro Velasco, il finlandese Jaakko Makitalo e gli inglesi James Robinson e Ross McGowan, quest’ultimo leader dopo un giro con Brown e con lo scozzese Andrew McArthur, scivolato al 13° posto. Hanno lo stesso 136 di Quintarelli anche gli svedesi Jens Fahrbring e Jacob Glennemo, l’iberico Carlos Del Moral e gli inglesi Garrick Porteous e James Heath.   Ha tenuto un buon ritmo Alessandro Tadini, 26° con 139 (69 70, -5), e sono rimasti in gara Andrea Rota (67 73), e Matteo Delpodio (70 70), 42.i con 140 (-4), Filippo Bergamaschi (69 72), Andrea Pavan (71 70) e Leonardo Motta (71 70), 56.i con 141 (-3). Non hanno superato il taglio, caduto a 141, Nicolò Ravano, 73° con 142 (70 72, -2), Lorenzo Gagli (73 70) e Andrea Romano (70 73), 84.i con 143 (-1).   Geyger ha rimontato grazie a un 66 (-6) con sette birdie e un bogey e sono andati di pari passo Brown e Quintarelli, con un parziale di 69 (-3) frutto di cinque birdie e di due bogey. Stesso punteggio per Bertasio con quattro birdie e un bogey. Per Tadini 70 (-2) colpi con quattro birdie e due bogey, per Rota 73 (+1) con due birdie, un bogey e un doppio bogey, per Delpodio 70 con cinque birdie e tre bogey, per Bergamaschi 72 (par) con due birdie e due bogey, per Pavan 70 con un eagle due birdie e due bogey e medesimo score per Motta con tre birdie e un bogey. Il montepremi è di 170.000 euro con 27.200 euro che saranno appannaggio del vincitore.   PRIMO GIRO – Buon primo giro complessivo dei giocatori italiani nel D+D REAL Czech Challenge, torneo del Challenge Tour in svolgimento sul tracciato del Golf & Spa Kunetická Hora (par 72), a Dritec nella Repubblica Ceca, dove guidano la graduatoria con 65 (-7) colpi lo scozzese Jamie McLeary e gli inglesi Steven Brown e Ross McGowan.   Sono al nono posto con 67 (-5) Niccolò Quintarelli e Andrea Rota, è al 15° con 68 (-4) Nino Bertasio, quindi al 29° con 69 (-3) Alessandro Tadini e Filippo Bergamaschi e al 50° con 70 (-2) Andrea Romano, Matteo Delpodio e Nicolò Ravano, Sulla linea del taglio Andrea Pavan e Leonardo Motta, 69.i con 71 (-1), e oltre Lorenzo Gagli, 105° con 73 (+1).   Il trio di testa è seguito a in colpo dagli svedesi Bjorn Akesson e Jens Fahrbring, dal francese Anthony Snobeck e dagli inglesi James Robinson e Daniel Gaunt (66, -6), mentre Quintarelli e Rota hanno la compagnia  degli svedesi Steven Jeppesen e Jacob Glennemo, dell’inglese Garrick Porteous e dello statunitense Daniel Woltman.   Brown e McLeary hanno messo insieme nove birdie e due bogey e McGowan ha risposto con un eagle, sei birdie e con un bogey. Rota e Quintarelli hanno fatto percorso netto con cinque birdie, senza bogey, e Bertasio a cinque birdie ha aggiunto un bogey. Per Tadini e Bergamaschi cinque birdie e due bogey, per Romano quattro birdie e due bogey, per Delpodio tre birdie e un bogey, per Ravano cinque birdie e tre bogey, per Pavan quattro birdie e tre bogey, per Motta un eagle, due birdie e tre bogey e per Gagli tre birdie e quattro bogey. Il montepremi è di 170.000 euro con 27.200 euro che saranno appannaggio del vincitore.   PROLOGO – Il Challenge Tour si trasferisce nella Repubblica Ceca per il D+D REAL Czech Challenge (28-31 maggio) sul tracciato del Golf & Spa Kunetická Hora a Dritec.   Undici i giocatori italiani in gara tra i quali Alessandro Tadini e Andrea Pavan, che non hanno molte possibilità di giocare nell’European Tour e che quindi stanno prevedendo una via di fuga nel secondo circuito europeo per assicurarsi a fine anno una ‘carta’ che consenta loro più chances. Li affiancheranno Lorenzo Gagli, Filippo Bergamaschi, Nicolò Ravano, Nino Bertasio, Matteo Delpodio, Andrea Rota, Niccolò Quintarelli, Leonardo Motta e Andrea Romano.   Tra i possibili protagonisti lo spagnolo Nacho Elvira. già due volte a segno in stagione, l’ultima la scorsa settimana nel Kärnten Golf Open, e leader della money list, gli inglesi Max Orrin, Daniel Gaunt e William Harrold, il francese Sebastien Gros, il portoghese Ricardo Gouveia, il belga Pierre Relecom, il tedesco Bernd Ritthammer, lo svedese Bjorn Akesson, lo scozzese Andrew McArthur e gli statunitensi John Hahn e Sihwan Kim. Il montepremi è di 170.000 euro con 27.200 euro che saranno appannaggio del vincitore. I risultati