fbpx

Junior World Match Play: domina Guido Migliozzi Lipparelli semifinalista

  16 Dicembre 2014 News
Condividi su:

Guido Migliozzi (nella foto con il trofeo) ha vinto il Junior World Match Play, disputato sul percorso del Longboat Key Club & Resort (par 71), a Longboat Key in Florida. Il portacolori del Golf della Montecchia si è assicurato il prestigioso titolo battendo in finale per 1 up il colombiano Ivan Camilo Ramirez Velandia, mentre in semifinale aveva eliminato per 2/1 lo statunitense Matt Corio. Altro protagonista dell’evento è stato Edoardo Raffaele Lipparelli, che è arrivato fino alle semifinali dove ha poi ceduto per 1 up a Ramirez Velandia  in  un incontro equilibrato e tiratissimo.  In finale Migliozzi è passato 1 down alla nona buca, svantaggio che è raddoppiato alla 12ª, ma come già era avvenuto nei quarti contro l’americano Xuzhong Li ha avuto una grande reazione e ha riequilibrato il match con birdie alla 13ª e alla 16ª. L’epilogo alla 18ª, dove con un forte vento contrario, che peraltro ha influito sul gioco nelle parte conclusiva, il veneto ha effettuato un drive di circa 250 metri e poi ha posto la palla in green a sei metri dall’asta. Ramirez Velandia, più corto dal tee, ha tirato al green rialzato da circa 150 metri e la palla gli è scivolata in un avvallamento, poi con l’approccio è andato oltre l’asta. Il putt dell’azzurro ha invece prodotto una palla “data” e il colombiano, sotto pressione, ha fallito il colpo per prolungare l’incontro. Nel suo cammino verso la finale il vincitore ha eliminato nell’ordine lo statunitense di origine colombiana Diego Ovalle (4/2), lo svizzero Lucas Dinouard per 4/3, Xuzhong Li per 3/2 e appunto in semifinale Matt Corio per 2/1. Migliozzi ha dominato sin dalla qualificazione su 36 buche medal che ha concluso in prima posizione con 137 colpi (67 70, -5) davanti a Ramirez Velandia (139, -3) e a Lipparelli (144, +2). Il 17enne veneto è al terzo successo stagionale in campo internazionale, dopo essersi imposto a marzo nell’European Nations Championship al RCG Sotogrande, in Spagna, e ad aprile nel  French International Boys Amateur Championship, al Medoc Golf Club di Le Plan Medoc in Francia. E’ anche la quindicesima vittoria individuale della azzurri in una annata veramente straordinaria in cui sono arrivati anche l’oro nell’individuale di Renato Paratore ai Giochi Olimpici Giovanili e il titolo europeo a squadre Boys, con lo stesso Migliozzi e Paratore nel team. Il trionfo azzurro è stato completato dall’ottima prestazione di Lipparelli, 17 anni e tesserato per il C.G. Torino, che si è fermato davanti a Ramirez Velandia dopo aver superato l’americano Brandon Wang per 1 up, l’inglese Daniel List per 4/3, e l’altro statunitense Kale Reynolds per 4/3. Ha accompagnato gli azzurri Giovanni Migliozzi. Secondo turno match play – Guido Migliozzi ed Edoardo Raffaele Lipparelli sono approdati in semifinale nel Junior World Match Play, che si sta disputando sul percorso del Longboat Key Club & Resort (par 71), a Longboat Key in Florida. Nel doppio turno giornaliero Migliozzi ha superato lo svizzero Lucas Dinouard per 4/3 e lo statunitense Xuzhong Li per 3/2 e Lipparelli ha avuto ragione dell’inglese Daniel List e dell’americano Kale Reynolds con l’identico 4/3. Il portacolori del Golf della Montecchia avrà di fronte nel prossimo match lo statunitense Matt Corio (3/1 sul cinese Zi Wei Liu e 4/3 sull’altro cinese Yi Long Chen), mentre Lipparelli, tesserato per il C.G. Torino, competerà con il colombiano Ivan Camilo Ramirez Velandia (2/1 sull’inglese Lucas Stewart e 3/2 sull’americano Kengo Aoshima). Negli incontri del mattino i due azzurri non hanno avuto particolari problemi. Migliozzi, che si è imposto nella qualificazione su 36 buche medal con 137 colpi (67 70, -5) davanti a Ramirez Velandia (139, -3) e allo stesso Lipparelli (144, +2), ha espresso un ottimo gioco lungo supportato poi dal putter. Sei i birdie nelle 15 buche giocate contro Dinouard.  Sulla stessa linea Lipparelli, che è stato costantemente in vantaggio, anche lui assistito da un putter piuttosto “caldo”. Nel pomeriggio Xuzhong Li ha messo in difficoltà Migliozzi, 2 down dopo nove buche. L’azzurro, però, è divenuto assoluto protagonista nel rientro. Con due birdie (10ª e 11ª) si è portato in parità, poi con la sequenza birdie-par-birdie dalla 14ª alla 16ª ha vinto le tre buche e il match. Lipparelli, molto determinato e sempre lucido nel suo gioco, non ha invece concesso nulla a Reynolds. Nel primo turno di match play (32 nel tabellone) Migliozzi aveva sconfitto lo statunitense di origine colombiana Diego Ovall (4/2) e Lipparelli aveva messo fuori gioco lo statunitense Brandon Wang superandolo per 1 up sull’ultima buca. Accompagna gli azzurri Giovanni Migliozzi. Primo turno match play –  – Guido Migliozzi ed Edoardo Raffaele Lipparelli hanno superato il primo turno a eliminazione diretta (32 concorrenti nel tabellone) nel Junior World Match Play, che si sta disputando sul percorso del Longboat Key Club & Resort (par 71), a Longboat Key in Florida. In una bella giornata soleggiata Migliozzi ha sconfitto per 4/2 lo statunitense di origine colombiana Diego Ovalle, studente dell’IMG Accademy, mentre Lipparelli ha battuto per 1 up l’americano Brandon Wang. Il rappresentante del Golf della Montecchia, dopo le prime quattro buche pareggiate con tre par e un birdie, ha preso il controllo dell’incontro che ha condotto sempre in vantaggio. Avanti 1 up a metà tracciato, Migliozzi ha allungato con birdie alla 12ª e alla 14ª. La svolta alla 16ª (par 5): l’azzurro ha effettuato un drive di 280 metri con palla sotto gli alberi a sinistra, poi con un ottimo tiro effettuato con un ferro 2 e con accentuato fade, ha posto la pallina a quattro metri dall’asta per l’eagle. Ovalle ha provato il birdie approcciando da 40 metri, ma è andato lungo di tre metri e a quel punto ha concesso la buca alzando bandiera bianca. Lipparelli, che difende i colori del CG Torino, ha sofferto Wang per dieci buche, accusando un 2 down, ma dall’11ª ha cambiato marcia. Vinta la buca, ha pareggiato i conti alla 16ª, poi ha avuto ragione alla 18ª quando il suo avversario ha mancato il putt per il par. Migliozzi, che si è imposto nella qualificazione su 36 buche medal con 137 colpi (67 70, -5) davanti al colombiano Ivan Camilo Ramirez Velandia (139, -3) e allo stesso Lipparelli (144, +2), avrà quale prossimo avversario lo svizzero Lucas Dinouard, che ha eliminato alla 19ª lo statunitense Ryan Rodriguez. Lipparelli se la vedrà con l’inglese Daniel List, che ha sconfitto per 3/1 l’americano Eric Meng. Accompagna gli azzurri Giovanni Migliozzi. Secondo giro di qualifica – Guido Migliozzi si è classificato al primo posto con 137 colpi (67 70, -5) nella qualificazione su 36 buche medal nel Junior World Match Play, che si sta disputando sul percorso del Longboat Key Club & Resort (par 71), a Longboat Key in Florida. Ottima prestazione anche dell’altro azzurro in campo, Edoardo Raffaele Lipparelli, terzo con 144 (72 72, +2), preceduto al secondo posto dal colombiano Ivan Camilo Ramirez Velandia con 139 (-3). Al quarto con 145 (+3) il giapponese Shuhei Takahashi, al quinto con 146 (+4) il thailandese Champion Kornpatlerdsin, al sesto con 147 (+5) lo statunitense Kale Reynold e al settimo con 148 (+6) il connazionale Michael Butler e il francese Sam Dumez. E’ stato squalificato Niccolò Nespoli, che ha preso parte all’evento a titolo personale. In una giornata di sole, ma ventosa, Migliozzi è stato praticamente perfetto sulle prime 11 buche, condotte con cinque birdie, poi complice un cambio repentino della direzione del vento ha spedito la palla in acqua alla buca 12, un par 3 di 198 metri, con relativo doppio bogey. Poco dopo due bogey in fila hanno portato lo score a 70 (-1) ampiamente sufficiente, comunque, per contenere il ritmo del colombiano Ramirez Velandia, autore di un 67 (-4), miglior punteggio del turno. Lipparelli ha raddoppiato l’iniziale 72 (+1, con tre birdie, due bogey e un doppio bogey) con una condotta molto ragionata che gli ha fatto guadagnare una posizione. La gara proseguirà con i match play ai quali sono stati ammessi i primi 32 classificati. Accompagna gli azzurri Giovanni Migliozzi. Primo giro di qualifica – Inizio sprint degli azzurri nel Junior World Match Play dove Guido Migliozzi, dopo il primo dei due giri di qualifica su 36 buche medal, è in vetta con 67 (-4) colpi ed Edoardo Raffaele Lipparelli è quarto con 72 (+1). Sul percorso del Longboat Key Club & Resort (par 71), a Longboat Key in Florida, Migliozzi precede di ben tre colpi l’inglese Freddie Sexton (70, -1) e di quattro il messicano Carlos Tercero (71, par). Il colombiano Ivan Camilo Ramirez Velandia affianca Lipparelli, sono in sesta posizione con 73 (+2) il canadese Matt Suarez, il francese Sam Dumez, il cinese Yi Long Chen e il ceco Tomas Navrata, e si trova in 22ª con 76 (+7) Niccolò Nespoli, che partecipa a titolo personale. Si è giocato in una giornata piuttosto fredda con vento al mattino. Migliozzi ha realizzato sette birdie e tre bogey, Lipparelli due birdie e tre bogey. Dopo la qualificazione i primi 32 concorrenti classificati accederanno alla fase match play a eliminazione diretta. Accompagna gli azzurri Giovanni Migliozzi. Prologo – Edoardo Raffaele Lipparelli e Guido Migliozzi compongono il team azzurro in gara nel Junior World Match Play (12-16 dicembre) sul percorso del Longboat Key Club & Resort, a Longboat Key in Florida. La formula del torneo prevede la qualificazione su 36 buche medal i successivi match play tra i primi 32 classificati. Accompagna i due giocatori Giovanni Migliozzi.