fbpx

WGC: titolo a Justin Rose exploit di F. Molinari (13°)

  12 Marzo 2012 News
Condividi su:

 

  Autentico exploit di Francesco Molinari nel giro finale del WGC Cadillac Championship, vinto con 272 colpi (69 64 69 70, -16) dall’inglese Justin Rose – nella foto –  sul percorso del Blue Monster (par 72) al Doral Golf Resort di Miami in Florida. Il giocatore torinese, 42° dopo 54 buche, si è espresso con un gran 65 (-7), miglior score di giornata ottenuto anche dall’australiano John Senden, e ha colto un ottimo 13° posto con 279 colpi (75 68 71 65), nove sotto par. E’ stato costretto al ritiro Tiger Woods: si è fermato dopo 11 buche per problemi al tendine d’Achille della gamba sinistra che gli aveva già causato un lungo stop. In un combattuto giro finale Rose ha prevalso di misura su Bubba Watson (273 – 70 62 67 74) al quale rendeva tre colpi sul tee di partenza. Ha tentato di recuperare il nordirlandese Rory McIlroy, numero uno mondiale, ma una frenata nel finale, sia pure nel contesto di un rimarchevole 67 (-5), ha fatto terza piazza (274, -14). Ha concluso con 275 (-13) al quarto posto, dove è rimasto per tre turni, lo svedese Peter Hanson, agganciato dal sudafricano Charl Schwartzel, mentre l’inglese Luke Donald, che provava a riprendersi la leadership mondiale dopo averla ceduta la scorsa settimana a McIlroy, ha dovuto accontentarsi del posto con 276 (-12) affiancato da John Senden. Ha ceduto Keegan Bradley, secondo dopo tre giri insieme a Rose: ha assommato 75 (+3) colpi per l’ottava posizione con 277 (-11) in compagnia di Bo Van Pelt, Steve Stricker e di Matt Kuchar. Hanno realizzato lo stesso 279 di Molinari anche il nordirlandese Graeme McDowell, l’australiano Adam Scott e Johnson Wagner e non sono mai stati in partita il tedesco Martin Kaymer, e l’australiano Jason Day, 20.i con 281 (-7), l’inglese Lee Westwood, 29° con 283 (-5), e Phil Mickelson, 43° con 285 (-3). Molto deludenti lo spagnolo Sergio Garcia, 60° con 293 (+5), e il fijano Vijay Singh, 66° con 295 (+7). Rose, 32enne nato a Johannesburg in Sudafrica ma come detto di nazionalità inglese, ha firmato il primo titolo in un torneo del World Golf Championships per un palmares dove figurano tre vittorie nel PGA Tour e quattro nell’European Tour, l’ultima nel 2007 prima di trasferirsi oltre Oceano. Nel giro finale ha iniziato con due birdie in quattro buche, poi ha perso un colpo con un bogey, ma si è portato in vetta con altri due birdie (10ª e 14ª). Sull’ultima buca, dopo un drive sbilenco e il relativo bogey, ha lasciato una porta aperta a Bubba Watson, che ha effettuato un gran secondo colpo con palla a circa tre metri dalla bandiera, ma ha fallito il putt per il birdie e per il playoff facendo tirare un sospiro di sollievo al suo avversario che era entrato in club house convinto di aver vinto e che era stato invece costretto ad andare di gran carriera in campo pratica. Molinari ha tenuto un ritmo altissimo sin dall’inizio segnando un 32 (-4) sulle prime nove buche grazie a quattro birdie, poi ha proseguito con eguale intensità per un 33 (-3) sulle seconde nove con altri tre birdie. Rose ha guadagnato un consistente assegno di 1.400.000 dollari su un montepremi di 8.500.000 dollari. Alla gara hanno preso parte 74 giocatori tra i migliori del mondo.   I risultati