fbpx

WGC Accenture Match Play: titolo a Matt Kuchar

  25 Febbraio 2013 News
Condividi su:

  Matt Kuchar ha battuto in finale per 2/1 Hunter Mahan, campione uscente, e ha vinto il WGC Accenture Match Play Championship, la prima delle quattro gare stagionali del World Golf Championships svoltasi sul percorso del Golf Club at Dove Mountain, a Marana in Arizona. Nella finale di consolazione, tra i due giocatori usciti in semifinale, l’australiano Jason Day ha prevalso sull’inglese Ian Poulter per 1 up. Kuchar, 35enne di Winter Park (Florida), ha colto il quinto titolo in carriera e il primo in un evento del WGC, mettendo subito in difficoltà Mahan con un 4 up dopo otto buche approfittando di due errori dell’avversario e di due birdie. Mahan ha reagito con vigore nel rientro portandosi sull’1 down alla 16ª, ma alla 17ª prima ha mandato la palla in bunker, poi tra i cespugli e ha dovuto alzare bandiera bianca. Nell’altro match Day ha subito inizialmente la supremazia di Poulter (2 up), poi ha conquistato cinque buche tra la 7ª e la 14ª (3 up) e ha contenuto l’estremo tentativo dell’inglese di recuperare. In semifinale i due americani si sono imposti con l’identico 4/3. Kuchar ha sofferto la buona partenza di Day (1 up), ma dalla quarta buca ha impresso all’incontro un ritmo che l’australiano non ha saputo contenere. Dopo il 3 up all’ottava Kuchar non ha più avuto problemi. Mahan, che aspirava ad emulare Tiger Woods unico capace di vincere per due volte di fila la gara (2003/2004), ha subito aggredito Poulter che dopo aver pareggiato alla 4ª il primo vantaggio del rivale, non ha poi più trovato contromisure. Nella corsa al titolo Kuchar ha eliminato il giapponese Hiroyuki Fujita (3/2), lo spagnolo Sergio Garcia (2/1), il belga Nicolas Colsaerts (4/3), Robert Garrigus (3/2) e Day. Mahan ha messo fuori gioco nel primo turno Matteo Manassero (5/4), quindi il sudafricano Richard Sterne (4/3), il tedesco Martin Kaymer (5/4), Webb Simpson (1 up) e Poulter. Oltre a Manassero non ha superato il turno iniziale anche l’altro italiano Francesco Molinari (2 up dall’iberico Gonzalo Fernandez Castaño). Stessa sorte per il nordirlandese Rory McIlroy, numero uno mondiale (1 up dall’irlandese Shane Lowry), e per Tiger Woods, numero due (2/1 da Charles Howell III) Al vincitore è andato un assegno di 1.500.000 dollari su un montepremi di 8.750.000 dollari.   I risultati