fbpx

Vision Cup: vince il Resto del Mondo con tre italiani

  25 Giugno 2015 News
Condividi su:

La selezione del Resto del Mondo ha battuto per 14,5 a 9,5 quella del Nord America nella seconda edizione della Vision Cup, una sfida che può essere considerata una versione della Ryder Cup per giocatori non vedenti disputata sul percorso del Circolo Golf Villa d’Este. Anche nella prima (2013) aveva prevalso il Resto del Mondo per 13,5-12,5 al Green Island Golf Club di Columbus in Georgia. In quell’occasione fecero parte del team vincitore Andrea Calcaterra e Chiara Pozzi Giacosa, mentre questa volta gli azzurri presenti sono divenuti tre per l’ingresso in squadra (12 elementi) di Mirko Ghiggeri. Il torneo si è articolato su tre giornate con due sessioni di doppi (formula greensome modificata) e dodici singoli a chiudere. Presente una lady per compagine.   I nordamericani sono stati costretti a un vano inseguimento sin dalla prima giornata chiusa in passivo per 3,5-2,5. Ghiggeri, insieme ad Ally Reid, ha portato un punto alla propria causa (7/6 su Jeremy Poincenot/Greg Hooper), mentre Calcaterra e Pozzi Giacosa sono stati superati da Linda Port, l’altra lady in campo, e da Mario Tobia (2/1). Nel secondo turno il Resto del Mondo ha allungato ulteriormente (7,5-4,5) con il contributo di Chiara Pozzi Giacosa/John Eakin (3/2 su Linda Port/Ty Thomson) e di Andrea Calcaterra/Garret Slattery (6/5 su Harry Hester/Jim Baker). Mirko Ghiggeri, invece, insieme ad Ally Reid, ha ceduto il passo a Derek Kimblewhite/Doug Penner (2/1).   Anche nei singoli c’è stata superiorità del Resto del Mondo (parziale di 7-5) Ancora successi di Pozzi Giacosa (3/2 su Linda Port) e di Calcaterra (3/2 su Harry Hester), mentre Derrik Sheridan ha prevalso su Ghiggeri (2/1). Hanno contribuito al successo anche Andy Sellars (8/7 su Jeremy Poincenot), Sharon Zoar (7/5 su Jim Baker), John Eakin (5/4 su Ty Thomson), Cameron McDiarmid (7/6 su Doug Penner) e Garret Slattery (1 up su Derek Kimblewhite). Per i nordamericani le vittorie di Douma Darren (3/2 su Ally Reid), Greg Hooper (3/1 su Steve Beavers), Mario Tobia (2/1 su Billy McAllister) e di George Thirkill (3/2 su Andy Gilford). Prima di questo torneo si è disputato l’Austrian Blind Open dove si è imposto con 148 colpi Andrea Calcaterra che ha superato Kurt Li Russi, stesso 148, ma score peggiore nel secondo giro.   Prima giornata – La Selezione del Resto del Mondo è in vantaggio per 3,5-2,5 su quella del Nord America nella Vision Cup, che si sta disputando sul percorso del Golf Club Villa d’Este a Montorfano (CO). E’ la seconda edizione di una sfida che può essere considerata una versione della Ryder Cup per giocatori non vedenti e dove i nordamericani debbono cancellare la sconfitta subita nel 2013 al Green Island Golf Club, a Columbus in Georgia (13,5-12.5).   In quell’occasione fecero parte del Resto del Mondo Andrea Calcaterra e Chiara Pozzi Giacosa, mentre questa volta gli azzurri presenti sono divenuti tre per l’ingresso nel team (12 elementi) di Mirko Ghiggeri. Il torneo si dipana su tre giornate con due sessioni di doppi (formula greensome modificata) e dodici singoli a chiudere. Presente una lady per squadra.   Ghiggeri insieme ad Ally Reid ha portato un punto alla propria causa (7/6 su Jeremy Poincenot/Greg Hooper) mentre Calcaterra e Pozzi Giacosa hanno lasciato strada a Linda Port, l’altra lady in campo, e a Mario Tobia (2/1). Gli altri due punti del Resto del Mondo sono stati firmati da Zoar Sharon/Cameron McDiarmid (2/1 su Darren Douma/Doug Penner) e da Billy McAllister/Andy Gilford (4/3 su Ty Thomson/Harry Hester). Pari tra Steve Beavers/Andy Sellars (RM) e Derek Kimblewhite/Derrik Sheridan e secondo punto pieno americano con George Thirkill/Jim Baker (1 up su Garret Slattery/John Eakin). Prima di questo torneo si è disputato l’Austrian Blind Open dove si è imposto con 148 colpi Andrea Calcaterra che ha superato Kurt Li Russi, stesso 148, ma score peggiore nel secondo giro.