fbpx

PGA Tour: dopo cinque anni Jim Furyk torna a vincere

  20 Aprile 2015 News
Condividi su:

Jim Furyk (nella foto), dopo cinque anni di tentativi, è riuscito finalmente a cogliere la vittoria numero 17 nel PGA Tour. Si è imposto con 266 colpi (71 64 68 63, -18) nel RBC Heritage, sul percorso dell’ Harbour Town GL (par 71), a Hilton Head nel South Carolina, superando con un birdie alla seconda buca di spareggio Kevin Kisner (266 – 68 67 67 64) con il quale aveva terminato alla pari la gara. Al terzo posto con 268 (-16) Troy Merritt, leader nei due turni centrali, al quarto con 269 (-15) Brendon Todd, al quinto con 270 (-14) Matt Kuchar, campione uscente, al sesto con 271 (-13) Sean O’Hair e al settimo con 272 (-12) i sudafricani Branden Grace e Louis Oosthuizen.   Si è classificato undicesimo con 274 (74 62 68 70, -10) Jordan Spieth, che pur non avendo recuperato completamente le energie mentali e fisiche spese per vincere il Masters, ha comunque dato spettacolo nel secondo turno con un 62 (-9) a un passo dal record sul giro del torneo, stabilito con 61 (-10) dal sudafricano David Frost nel 1994 ed eguagliato in corso d’opera da Merritt. Alti e bassi per gli inglesi Luke Donald, 15° con 275 (-9) e Ian Poulter, 18° con 276 (-8), e per il nordirlandese Graeme McDowell, 25° con 277 (-7). Bassa classifica per Webb Simpson e per il fijiano Vijay Singh, che ha ceduto nel finale, 51.i con 281 (-3), e per il sudafricano Charl Schwartzel, 55° con 282 (-2).   Furyk, 45enne di West Chester (Pennsylvania) nel cui curriculum figura anche un major (US Open, 2003), è risalito  dalla quinta posizione percorrendo le ultime 20 buche, due supplementari comprese, con uno score di “meno 10” realizzando undici birdie. Nei cinque anni intercorsi senza successi era partito per nove volte da leader dopo 54 buche fallendo l’obiettivo. Ha rimontato grazie a un 63 (-8) con nove birdie e un bogey, ma quando sembrava aver vinto, è rinvenuto Kisner che lo ha agganciato con tre birdie nelle ultime cinque buche (in totale 64, -7, con un eagle e cinque birdie). Alla prima buca di pareggio entrambi hanno segnato un birdie, poi Furyk ha avuto partita vinta con un altro birdie, contro il par dell’avversario, 31enne di Aiken (South Carolina) che ha invano cercato il primo titolo praticamente in casa. A Furyk è andato un congruo assegno di 1.062.000 dollari su un montepremi di 5.900.000 dollari.   TERZO GIRO – Troy Merritt (199 – 69 61 69, -14) ha mantenuto il comando e affronterà il giro finale del RBC Heritage (PGA Tour) con tre colpi di vantaggio su Brendon Todd, su Kevin Kisner e su Matt Kuchar (202, – 11), campione uscente.   Sul percorso dell’Harbour Town GL (par 71), a Hilton Head nel South Carolina, hanno chances di successo anche Brice Garrett, Jim Furyk e il sudafricano Branden Grace, quinti con 203 (-10), e Jordan Spieth, vincitore la scorsa settimana del Masters, primo major stagionale, ottavo con 204 (74 62 68, -9) insieme a Bo Van Pelt. Difficile un recupero dei giocatori al decimo posto con 205 (-8), tra i quali si trovano l’inglese Luke Donald, il nordirlandese Graeme McDowell e il sudafricano Louis Oosthuizen, e sicuramente fuori gioco l’inglese Ian Poulter, 17° con 206 (-7), e il fijiano Vijay Singh, 27° con 208 (-5). Bassa classifica per Webb Simpson, 43° con 210 (-3),  e per il sudafricano Charl Schwartzel, 66° con 213 (par).   Troy Merritt, 30enne di Osage (Iowa) con un successo nel Web.com Tour, ha realizzato un parziale di 69 (-2) colpi, frutto di quattro birdie e di un doppio bogey. Spieth ha segnato un colpo in meno con quattro birdie e un bogey. Il montepremi è di 5.900.000 dollari con prima moneta di 1.062.000 dollari.   Il torneo su SKY – La giornata finale del RBC Heritage andrà in onda in diretta, in esclusiva e in alta definizione sulla TV satellitare Sky con collegamento dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD). Commento di Alessandro Lupi, Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.   SECONDO GIRO – Jordan Spieth show nel secondo turno del RBC Heritage (PGA Tour) sul percorso dell’Harbour Town GL (par 71), a Hilton Head nel South Carolina. Il vincitore del Masters, dopo un inizio in sordina (93° con 74, +3) in cui sembrava accusare quanto gli era costato nella scorsa settimana in energie fisiche e nervose il successo nel major, ha effettuato un giro in 62 colpi (-9, nove birdie) ed è balzato al settimo posto con 136 (-6), candidandosi nuovamente al titolo dopo che nelle ultime quattro uscite ha colto due vittorie e due secondi posti.   Ha fatto meglio, però, Troy Merritt, 30enne di Osage (Iowa), con un successo nel Web.com Tour, il quale con un 61 (-10, dieci birdie) ha eguagliato il record sul giro stabilito dal sudafricano David Frost nel 1994 e ha preso il comando con 130 (69 61, -12), lasciando a ben quattro lunghezze Matt Kuchar, campione uscente, e John Merrick (134, -8). In quarta posizione con 135 (-7) Kevin Kisner, Jim Furyk e il nordirlandese Graeme McDowell, leader dopo 18 buche insieme a Matt Every che ora alla pari con Spieth e con Morgan Hoffmann, Kevin Streelman e con il sudafricano Louis Oosthuizen.   Sono indietro il fijiano Vijay Singh, 22° con 138 (-4), gli inglesi Ian Poulter e Luke Donald, 29.i con 139 (-3), Webb Simpson, 48° con 141 (-1), e il sudafricano Charl Schwartzel, 67° con 142 (par), ultimo score utile per rimanere in gara. Sono usciti il sudafricano Ernie Els (144, +2), Patrick Reed e lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño (145, +3), e Zach Johnson (148, +6). Il montepremi è di 5.900.000 dollari con prima moneta di 1.062.000 dollari.   Il torneo su SKY – Il RBC Heritage va in onda in diretta, in esclusiva e in alta definizione sulla TV satellitare Sky con collegamenti ai seguenti orari: sabato 18 aprile e domenica 19, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD). Commento di Alessandro Lupi, Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.   PRIMO GIRO – Matt Every e il nordirlandese Graeme McDowell sono al comando con 66 (-5) colpi nel RBC Heritage (PGA Tour), iniziato sul percorso dell’Harbour Town GL (par 71), a Hilton Head nel South Carolina. Non ha risposto alle attese Jordan Spieth, 93° con 74 (+3), ma era prevedibile che si presentasse con le batterie scariche dopo quanto gli era costato nella scorsa settimana in energie fisiche e nervose il successo nel Masters.   La coppia di testa è seguita con 67 (-4) dal coreano Sang-Moon Bae e con 68 (-3) da Matt Kuchar, campione uscente, Kevin Kisner, Scott Langley, Morgan Hoffmann e dall’australiano Cameron Smith. Al nono posto con 69 (-2) l’inglese Ian Poulter, il canadese Graham DeLaet e il sudafricano Louis Oosthuizen, al 36° con 71 (par) Jim Furyk, Patrick Reed, Charley Hoffman, Webb Simpson, il sudafricano Ernie Els e il fijiano Vijay Singh, al 55° con 72 (+1) l’altro sudafricano Charl Schwartzel e al 78° con 73 (+2) Zach Johnson e l’inglese Luke Donald.   Every e McDowell hanno marciato di pari passo con sei birdie e un bogey, Spieth ha segnato un birdie, due bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 5.900.000 dollari con prima moneta di 1.062.000 dollari.   Il torneo su SKY – Il RBC Heritage va in onda in diretta, in esclusiva e in alta definizione sulla TV satellitare Sky con collegamenti ai seguenti orari: venerdì 17 aprile, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); sabato 18 e domenica 19, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD). Commento di Alessandro Lupi, Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.     PROLOGO – Non si concede pause Jordan Spieth e subito dopo il trionfo nel Masters, primo major stagionale. partecipa al RBC Heritage (16-19 aprile) sul percorso dell’Harbour Town GL, a Hilton Head nel South Carolina.   Il quasi 22enne texano di Dallas, salito al secondo posto nella classifica mondiale, prova a guadagnare ulteriori punti per avvicinare il nordirlandese Rory McIlroy, attuale numero uno. Successo all’Augusta National a parte, Spieth attraversa un periodo di grande forma come raccontano i due successi (appunto Masters e Valspar Championship) e i due secondi posti (Texas Open e Houston Open) nelle ultime quattro uscite.   Naturalmente è il grande favorito, anche se potrebbe avere dei problemi di concentrazione come spesso accade dopo grandi imprese, in un torneo nel quale difende il titolo Matt Kuchar. Sono nel field anche Jason Dufner, Jim Furyk, Bill Haas, Charley Hoffman, Zach Johnson, Webb Simpson, gli inglesi Ian Poulter e Luke Donald, lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño, il nordirlandese Graeme McDowell, i sudafricani Ernie Els, Charl Schwartzel e Louis Oosthuizen, il canadese Graham DeLaet e il fijiano Vijay Singh. Il montepremi è di 5.900.000 dollari con prima moneta di 1.062.000 dollari.   Il torneo su SKY – Il RBC Heritage andrà in onda in diretta, in esclusiva e in alta definizione sulla TV satellitare Sky con collegamenti ai seguenti orari: giovedì 16 aprile, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD); venerdì 17, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); sabato 18 e domenica 19, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 HD). Commento di Alessandro Lupi, Silvio Grappasonni e di Massimo Scarpa.   I risultati