fbpx

PGA Tour: coppia al vertice nel Sony Open, out Thomas

thomas-justin
  11 Gennaio 2020 News
Condividi su:

Nel secondo giro del Sony Open in Hawaii, disputato tra scrosci di pioggia e vento con raffiche fino a 40 miglia orarie, sono saliti al vertice con 134 (-6) colpi, Brendan Steele (68 66) e l’australiano Cameron Davis (68 66).

Sul percorso del Waialae CC (par 70), a Honolulu nell’isola hawaiana di Oahu, in una classifica molto corta, sono al terzo posto con 135 (-5) nove concorrenti: Ryan Palmer, il redivivo Keegan Bradley, Sam Ryder, Bo Hoag, Rob Oppenheim, Collin Morikawa, leader dopo un turno, l’australiano Cameron Smith, lo scozzese Russell Knox e il sudafricano Rory Sabbatini, che ha qualche tempo ha preso la cittadinanza slovacca.

Scarse le possibilità di assicurarsi ii terzo titolo in stagione per Brendon Todd, 24° con 138 (-2), già a segno nel Bermuda Championship e nel Mayakoba Classic, e bassa graduatoria per il giapponese Hideki Matsuyama e per l’emergente 21enne cileno di Santiago Joaquin Niemann, 57.i con 141 (-1), ultimo punteggio utile per superare il taglio.

Sono usciti di scena i tre giocatori più attesi: Matt Kuchar, campione in carica, 67° con 142 (+2), Justin Thomas (nella foto), vincitore la scorsa settimana del Sentry Tournament of Champions, e Patrick Reed, 82.i con 143 (+3)

Brendan Steele, 37enne di Idyllwild (California) con tre vittorie sul circuito, ha realizzato un 66 (-4) con un cammino molto altalenante fatto di un eagle, sei birdie, due bogey e un doppio bogey. Più lineare Cameron Davis, 25enne di Sydney a caccia del primo alloro, che ha siglato lo stesso score con cinque birdie e un bogey. Il montepremi è di 6.600.000 dollari.

Il torneo su GOLFTV – Il Sony Open in Hawaii viene trasmesso in diretta e in esclusiva su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it) con collegamenti ai seguenti orari: domenica 12 gennaio, dalle ore 1 alle ore 4,30; nella notte tra domenica 12 e lunedì 13 dalle ore 24 alle ore 4. Commento di Maurizio Trezzi e di Isabella Calogero.

I RISULTATI