fbpx

Internazionali di Francia: in qualifica l’Italia grande protagonista

nations-cup-femminile
  31 Marzo 2018 News
Condividi su:

Alessia Nobilio ha realizzato una “hole in one”

alla buca 8 (par 3) del Saint Cloud Golf Club

Gli azzurri sono stati assoluti protagonisti nella qualificazione su 36 buche medal ai Campionati Internazionali di Francia. Infatti Pietro Bovari e Clara Manzalini l’hanno conclusa al vertice nei rispettivi tornei e in entrambi i team italiani hanno vinto la Nations Cup.

Nel French International Boys Championship/Michel Carlhian Trophy, sul percorso del Golf de Saint Germain (par 72), a Saint-Germain-en-Laye, Pietro Bovari (137 – 67 70, -7) ha concluso alla pari con l’olandese Kiet Van der Weele, che avrà il numero uno sul tabellone per il miglior secondo giro. Al terzo posto con 139 (-5) il belga Jean De Wouters d’Oplinter e al quarto con 140 (72 68, -4) Andrea Romano. E’ entrato tra i 32 ammessi ai match play anche Massimiliano Campigli, 15° con 144 (71 73, par). Non hanno superato il taglio Riccardo Leo, 35° con 147 (75 72, +3), Kevin Latchayya, 40° con 148 (78 70, +4), Gianmarco Manfredi, 57° con 150 (72 78, +6), Pier Francesco De Col (74 77), e Lorenzo Bruzzone (72 79), 65.i con 151 (+7), Filippo Celli (77 75) e Gregorio De Leo (74 78), 76.i con 152 (+8).

Nel primo turno di match play scontro italo-francese: Pietro Bovari-Lucas Abrial; Massimiliano Campigli-Nathan Trey (Fra); Andrea Romano-Claude Churchward. Se Bovari e Campigli vincono sarà derby azzurro.

Nella Nations Cup Italia 1 (Bovari, Romano, Manfredi) ha prevalso con 277 (138 139, -11) colpi davanti a Inghilterra 2 (281, -7), Olanda (286, -2) e Inghilterra 1 (289, +1). Quinta con 291 (146 145, +3) Italia 2 (Campigli, Leo, Celli) insieme a Francia 1. Assistono il team gli allenatori Giovanni Gaudioso e Giorgio Grillo.

Nel French International Lady Juniors Amateur Championship/Esmond Trophy, al Saint Cloud Golf Club (par 71) di Garches, Clara Manzalini ha condotto vittoriosamente la sua corsa di testa con 135 (64 71, -7) colpi, due di vantaggio sulla svedese Frida Kinhult (137, -5). In terza posizione con 139 (-3) l’altra svedese Beatrice Wallin e la francese Lilas Pinthier. Ai match play, per l’Esmond Trophy, altre quattro azzurre: ai numeri otto e nove del tabellone Benedetta Moresco (142 – 72 70, par) e Alessia Nobilio (142 70 72), che ha impreziosito la sua prova con una “hole in one” alla buca 8 (par 3), quindi Letizia Bagnoli, 17ª con 144 (72 72, +2), ed Emilie Alba Paltrinieri, 18ª con 145 (74 71, +3). Competeranno per il Trophée Claude Roger Cartier, sempre match play, le prime sedici ragazze under 18 terminate oltre il 32° posto, tra le quali vi saranno Caterina Don, 37ª con 147 (73 74, +5), e Anna Zanusso, 51ª con 150 (78 72, +8). Out Alessandra Fanali 47ª con 149 (73 76, +7), Maria Vittoria Corbi, 76ª con 154 (79 75, +12), e Carolina Caminoli, 85ª con 156 (84 72, +14).

Nel primo turno di match play: Clara Manzalini-Amanda Linner (Sve); Letizia Bagnoli-Puk Lyng Thomsen (Dan); Alessia Nobilio-Yael Berger (Svi); Benedetta Moresco-Mairead Martin (Irl); Emilie Alba Paltrinieri-Sofie Kibsgaard Nielsen (Dan). Per una bizzarria del tabellone le prime quattro italiane, se supereranno tutte il primo turno, dovranno affrontarsi tra di loro. Per il Trophée Cartier: Anna Zanusso-Candice Mahé (Fra); Caterina Don-Adela Cernousek (Fra).

Nella Nations Cup si è imposta Italia 1 (Clara Manzalini, Alessia Nobilio, Alessandra Fanali) con 277 (134 143, -7) colpi precedendo Francia 2 (285, +1) e Francia 1 (286, +2). In quarta posizione con 288 (145 143, +4) Italia 2 (Letizia Bagnoli, Caterina Don, Emilie Alba Paltrinieri). Con la squadra l’accompagnatore Stefano Sardi e l’allenatore Roberto Zappa.

(Nelle foto: le azzurre vincitrici della Nations Cup insieme a Stefano Sardi)

 

I RISULTATI