fbpx

Eurotour: Brett Rumford prevale nel playoff, Delpodio 40°

  28 Aprile 2013 News
Condividi su:

L’australiano Brett Rumford (nella foto) ha vinto con 277 colpi (73 67 69 68, -11), dopo uno spareggio a tre, il Ballantine’s Championship, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Asian Tour e che si è svolto sul percorso del Blackstone GC (par 72), a Icheon in Corea, dove Matteo Delpodio si è classificato 40° con 287 (71 69 76 71, -1). Rumford, 36enne di Perth e una carriera da giramondo in vari tour, ha concluso la gara alla pari con il connazionale Marcus Fraser (70 70 69 68) e con lo scozzese Peter Whiteford (70 69 69 69) e poi ha colto il quarto titolo nel circuito, a distanza di sei anni dal terzo, superandoli con un eagle alla prima buca di playoff. Il successo di Rumford sembrava al sicuro a tre buche dal termine, ma poi ha concesso il supplemento di torneo ai suoi due avversari con un doppio bogey alla 16ª, dopo aver marciato con sette birdie e un bogey. In totale 68 (-4) colpi come per Fraser (quattro birdie), mentre ha chiuso in 69 (-3) Whiteford con quattro birdie e un bogey. Al quarto posto con 279 (-9) il francese Romain Wattel, al quinto con 280 (-8) il sudafricano Louis Oosthuizen, al sesto con 281 (-7) il coreano Hyung-sung Kim, il thailandese Thongchai Jaidee, risalito dal 44° con un ottimo 65 (-7), lo scozzese Stephen Gallacher, lo spagnolo Pablo Larrazabal e lo svedese Alexander Noren, leader dopo tre turni e messo fuori gioco dal un 74 (+2). Al 17° con 283 (-5) l’indiano Jyoti Randhawa, al 23° con 284 (-4) il cinese Ashun Wu e al 31° con 286 (-2) l’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente. Delpodio, dopo essere stato in alta graduatoria nei primi due turni, ha ceduto nel terzo con un 76 (+4), poi è tornato nel quarto ai ritmi iniziali con un 71 (-1, con quattro birdie e tre bogey) senza però recuperare molte posizioni. Sono usciti al taglio Edoardo Molinari e Lorenzo Gagli 80.i con 146 (+2) colpi e con gli stessi parziali (74 72). Rumford è stato gratificato con 367.500 euro su un montepremi di 2.205.000 euro. Terzo giro – Matteo Delpodio, unico italiano rimasto in gara, è scivolato al 44° posto con 216 colpi (71 69 76, par) nella terza giornata del Ballantine’s Championship, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Asian Tour e che si sta disputando sul percorso del Blackstone GC (par 72), a Icheon in Corea. Prima dell’inizio del terzo giro si è concluso il secondo, sospeso per l’oscurità, nel quale non è riuscito a rimanere in gara Lorenzo Gagli, 80° con 146 (74 72), che aveva sei buche a disposizione per poter evitare il taglio, mentre era già fuori Edoardo Molinari, stessa posizione, (146 – 74 72), che aveva completato il turno regolarmente nella seconda giornata. Nuovo leader con 207 (71 65 69, -9) è lo svedese Alexander Noren, 31enne di Stoccolma che proverà a cogliere il quarto titolo nel circuito. Dovrà comunque guardarsi dall’agguerrita concorrenza dello spagnolo Pablo Larrazabal e dello scozzese Peter Witheford, secondi con 208 (-8), degli australiani Brett Rumford e Marcus Fraser, quarti con 209 (-7), dell’iberico José Manuel Lara e del francese Romain Wattel, sesti con 210 (-6), del sudafricano Louis Oosthuizen e dell’australiano Wade Ormsby, ottavi con 211 (-5). Appaiono troppo lontani dalla vetta l’inglese Simon Dyson e il thailandese Kiradech Aphibarbrat, quest’ultimo vincitore del recente Malaysian Open, decimi con 212 (-4), il cinese Ashun Wu e l’indiano Jyoti Randhawa, 15.i con 213 (-3), l’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente, 25° con 214 (-2), e il thailandese Thongchai Jaidee, che ha lo stesso score di Delpodio. Noren ha segnato 69 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey; Delpodio, ottavo alla sospensione del secondo turno e 13° dopo la conclusione, ha terminato con un 76 (-4) dovuto a due birdie, quattro bogey e a un doppio bogey; Gagli (74, +2) ha aggiunto un bogey al birdie a i due bogey con cui aveva lasciato il campo dopo 12 buche. Il montepremi è di 2.205.000 euro con prima moneta di 367.500 euro. Secondo giro – Matteo Delpodio, ottavo con 140 colpi (71 69, -4), ha mantenuto un bel ritmo anche nel secondo giro del Ballantine’s Championship, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Asian Tour e che si sta disputando sul percorso del Blackstone GC (par 72), a Icheon in Corea. La classifica è provvisoria, perché dopo i ritardi accumulati nel primo turno pure il secondo non è stato portato a termine. E’ in attesa di verdetto Lorenzo Gagli, al 66° posto con “+1” e che ha ancora sei buche a disposizione per guadagnare il colpo necessario ad evitare il taglio, mentre dovrà lasciare la gara Edoardo Molinari, 81° con 146 (72 74, +2). Sono in vetta con 137 (-7) l’australiano Wade Ormsby (70 67) e il thailandese Arnond Vongvanij (68 69), seguiti con 138 (-6) dell’inglese James Morrison, dallo svedese Alexander Noren e dal sudafricano Jbe Kruger e con 139 dall’inglese Tommy Fleetwood e dallo scozzese Stephen Gallacher che ha lo stesso “meno 5” dopo 12 buche. All’ottavo posto, e in numerosa compagnia oltre a quella di Delpodio, il sudafricano Louis Oosthuizen, lo spagnolo Pablo Larrazabal e il cinese Ashun Wu, al 24° con 141 (-3) l’indiano Jyoti Randhawa, al 31° con “meno 2’ e cinque buche da completare l’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente, al 44° con 143 (-1) il thailandese Thongchai Jaidee. Ormsby, 33enne di Adelaide senza tracce apprezzabili della sua presenza nel circuito, si è espresso con un 67 (-5) frutto di sei birdie e un bogey; Vongvanij, 25 anni, membro dell’Asian Tour, pro dal 2011  e reduce da due tagli nelle uniche due apparizioni stagionali nell’European Tour, ha realizzato un parziale di 69 (-3) con quattro birdie e un bogey. Per Delpodio 69 colpi con tre birdie, per Gagli un birdie e due bogey sulle 12 buche giocate, per Molinari un 74 (+2) con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 2.205.000 euro con prima moneta di 367.500 euro. Primo giro – Una sospensione di oltre due ore per scarsa visibilità ha impedito la conclusione del primo giro del Ballantine’s Championship, torneo organizzato in collaborazione tra European Tour e Asian Tour e che si sta disputando sul percorso del Blackstone GC (par 72), a Icheon in Corea. Dei tre italiani in campo ha concluso il turno solo Lorenzo Gagli, 54° nella classifica provvisoria con 72 (par) colpi, mentre Edoardo Molinari ha lo stesso “par” ma con sette buche davanti e si trova in ottima posizione Matteo Delpodio (nella foto), decimo con “meno 3” dopo 15 buche. E’ al comando un quintetto con 67 (-5) colpi formato dal francese Jean-Baptiste Gonnet, dall’australiano Kieran Pratt, dallo svedese Johan Edfors, dall’inglese Matthew Baldwin e dal coreano Gi-whan Kim, seguito con 68 (-4) dall’irlandese Peter Lawrie e dal coreano Jung Hwan Lee. Insieme agli ultimi due, con il medesimo “meno 4”, il sudafricano Louis Oosthuizen, fermato dopo 16 buche, e l’inglese Tommy Fleetwood, stoppato alla 17ª. Al 19° posto con 70 (-2) il coreano Y.E. Yang, vincitore di un major (PGA Championship, 2009), al 34° con 71 (-1) l’austriaco Bernd Wiesberger, campione uscente, al 54°, insieme a Gagli e a Molinari, l’indiano Jyoti Randhawa, in par alla 12ª buca, il cinese Ashun Wu, che ne ha giocate undici, e il thailandese Thongchai Jaidee, che riprenderà dalla 16ª. E’ oltre la linea del taglio l’indiano Jeev Milkha Singh, 76° con 73 (+1). Delpodio ha segnato sei birdie, di cui quattro consecutivi, e tre bogey, mentre Gagli e Molinari hanno messo insieme due birdie due bogey. Il montepremi è di 2.205.000 euro con prima moneta di 367.500 euro. Prologo – L’European Tour torna in Oriente per un altro torneo organizzato in collaborazione con l’Asian Tour, il Ballantine’s Championship (25-28 aprile) in programma sul tracciato del Blackstone GC, a Icheon in Corea. Tre gli italiani al via: Edoardo Molinari, Lorenzo Gagli (nella foto) e Matteo Delpodio, che si è guadagnato l’accesso con l’ottavo posto conseguito la scorsa settimana nell’Open de España. Nel field sono ovviamente numerosi i giocator orientali che avranno i loro punti di forza nei thailandesi Thongchai Jaidee, Thaworn Wiratchant, lo scorso anno numero uno nell’ordine di merito dell’Asian Tour, e Kiradech Aphibarnrat,  vincitore del recente Malaysian Open, nel coreano Y.E. Yang, nel cinese Ashun Wu e negli indiani Jeev Milkha Singh e Jyoti Randhawa. Sul fronte del circuito continentale si lasciano preferire il sudafricano Louis Oosthuizen, l’inglese Paul Casey, gli spagnoli Pablo Larrazabal e Rafael Cabrera Bello, lo svedese Alexander Noren, e il francese Rapahel Jacquelin, reduce dal successo in Spagna dopo nove interminabili buche di playoff con il giovane tedesco Maximilian Kieffer, che ha preferito saltare questo evento. Difende il titolo con poche chances di ripetersi il tedesco Bernd Wiesberger. E’ alla ricerca della forma migliore Edoardo Molinari, che sta facendo progressi gara dopo gara sebbene la continuità non sia ancora il suo forte, mentre Lorenzo Gagli deve ritrovare il ritmo d’inizio stagione che ha perso in questa fase. Quanto a Delpodio ha la buona opportunità di prendere parte a una gara di peso e con un buon montepremi (2.205.000 euro con prima moneta di 367.500 euro) sicuramente da sfruttare in chiave money list.   I risultati