fbpx

Challenge: Broberg tris promosso nell’Eurotour, 11° Crespi

  25 Agosto 2012 News
Condividi su:

Con un ottimo giro finale in 65 (-7) colpi e lo score di 272 (71 68 68 65, -16) Marco Crespi ha concluso all’11° posto, risalendo dal 23°, il Rolex Trophy, torneo del Challenge Tour svoltosi al Golf Club de Genève (par 72), a Ginevra in Svizzera. E’ rimasto al 23° con 276 (-12) Alessandro Tadini (72 68 67 69). Autentica prodezza di Kristoffer Broberg che con 261 colpi (63 66 64 68, – 27) ha colto il terzo titolo nel circuito ed è passato direttamente nell’European Tour. Il 26enne svedese ha avuto un invito per il Finnish Challenge, a inizio agosto, essendo in alta graduatoria nella money list della Nordic League, l’equivalente dell’Alps Tour nel Nord Europa, e l’ha sfruttato nel modo migliore, vincendo. Subito dopo si è imposto nel Norwegian Challenge ed è giunto terzo nell’ECCO Tour Championship, appannaggio di Tadini. In tutto Broberg ha disputato cinque gare nel Challenge Tour senza mai uscire dai top ten: lo scorso anno, infatti, era giunto nono in Francia.

 

Lo svedese è stato raggiunto nel turno finale dal coreano Sihwan Kim (262, -26), ma questi ha fatto suo il torneo realizzando il quarto birdie di giornata sull’ultima buca per il 68 (-4) vincente, mentre il suo avversario era già in club house. Al terzo posto con 263 (-25) l’argentino Daniel Vancsik, al quarto con 264 (-24) il danese Joachim B. Hansen, al quinto con 267 (-21) l’inglese Chris Lloyd, al sesto con 268 (-20) lo statunitense Peter Uihlein. Crespi dopo due birdie e due bogey nelle prime otto buche ha messo a segno sette birdie nelle successive undici. Per Tadini parziale di 69 (-3) con cinque birdie e due bogey. A Broberg è andato un assegno di 24.400 euro su un montepremi di 220.000 euro.

 

  Terzo giro – Lo svedese Kristoffer Broberg ha mantenuto alti i ritmi e con un 64 (-8) e lo score complessivo di 193 (63 66 64), ventitre sotto par,  ha consolidato la sua posizione in vetta al Rolex Trophy, torneo del Challenge Tour che si sta svolgendo al Golf Club de Genève (par 72), a Ginevra in Svizzera, e al quale sono stati ammessi solamente 42 giocatori, i primi della money list e uno invitato dallo sponsor.  Al 23° posto con 207 (-9) Alessandro Tadini (72 68 67) e Marco Crespi (71 68 68). Broberg, 26 anni appena compiuti, ha possibilità di cogliere il terzo titolo nel circuito in meno di un mese dove ha disputato fino ad oggi, compresa l’attuale, appena cinque gare. Ha portato il suo vantaggio a tre colpi sul danese Joachim B. Hansen e sul coreano Sihwan Kim (196, -20), a quattro sull’argentino Daniel Vancsik (197, -19) e  a cinque lo statunintese Peter Uihlein (198, -18). In sesta posizione con 199 (-17) l’inglese Gary Lockerbie, leader della money list, che ha la possibilità di allungare sullo svedese Magnus A. Carlsson, il quale lo segue con una differenza inferiore ai mille euro e che occupa la 12ª piazza con 203 (-13). Broberg ha aperto e chiuso il giro con un bogey, ma in mezzo ci ha inserito dieci birdie; per Tadini (67, -5) otto birdie e tre bogey; per Crespi (688, -4), sette birdie e tre bogey. Il montepremi è di 220.000 euro dei quali 24.400 andranno al vincitore.   Secondo giro – Marco Crespi, 28° con 139 (71 68, -5), e Alessandro Tadini, 32° con 140 (72 68, -4), hanno girato entrambi in 68 (-4) e hanno recuperato rispettivamente tre e quattro posizioni nel secondo giro del Rolex Trophy, torneo del Challenge Tour che si sta svolgendo al Golf Club de Genève (par 72), a Ginevra in Svizzera, e al quale sono stati ammessi solamente 42 giocatori, i primi della money list e uno invitato dallo sponsor. E’ passato a condurre con 129 colpi (63 66, -15) lo svedese Kristoffer Broberg, che è tallonato con 130 (-14) dal danese Joachim B. Hansen e dal coreano Sihwan Kim. Al quarto posto con 132 (-12) il danese Andrea Harto, lo statunitense Peter Uihlein e l’inglese Gary Lockerbie, leader della money list, che probabilmente incrementerà il suo vantaggio sullo svedese Magnus A. Carlsson, il quale ha ceduto vistosamente (16° con 136, -8). E’ sceso al settimo posto con 133 (-11) l’argentino Daniel Vancsik, in vetta dopo un turno. Broberg, autentica rivelazione stagionale del Challenge Tour, vi è entrato con un invito in quanto ben piazzato nell’ordine di merito della Nordic League, l’equivalente dell’Alps Tour del nord Europa, e ha subito vinto due gare consecutivamente proprio in questo mese, il Finnish Challenge e il Norwegian Challenge. Nella terza disputata (Ecco Tour) si è classificato terzo e nell’unica giocata nel 2011, la sua prima in assoluto sul Challenge Tour, era giunto nono. Ha girato in 66 (-6) con sei birdie, mentre nel primo turno aveva confezionato il 63 con un eagle e sette birdie. Crespi ha realizzato quattro birdie, Tadini sei birdie e due bogey. Il montepremi è di 220.000 euro dei quali 24.400 andranno al vincitore.   Primo giro – Inizio soft per Marco Crespi, 31° con 71 (-1) colpi, e per Alessandro Tadini, 36° con 72 (par), nel Rolex Trophy, torneo del Challenge Tour che si sta svolgendo al Golf Club de Genève, a Ginevra in Svizzera, al quale sono stati ammessi solamente 42 giocatori, i primi della money list e uno invitato dallo sponsor. Ritmi molto elevati, invece, per coloro che occupano la parte alta della graduatoria: l’argentino Daniel Vancsik è al comando con 62 (-10) colpi, ma non sono stati da meno lo svedese Kristoffer Broberg, secondo con 63 (-9), il danese Andreas Harto, il francese Alexandre Kaleka e lo statunitense Peter Uihlein, terzi con 64 (-8). E’ finito il parità il primo round del duello tra l’inglese Gary Lockerbie, leader della money list, e lo svedese Magnus A: Carlsson, che spera di sorpassarlo avendo un distacco inferiore ai mille euro: entrambi sono al sesto posto con 65 (-7) insieme all’inglese Chris Paisley, all’olandese Wil Besseling e al danese Joachim B. Hansen. Il quintetto di testa ha fatto una scorpacciata di birdie: Vancsik, 35enne di Posadas che vuole tornare quanto prima nell’European Tour dove ha conquistato due titoli (uno nell’Open d’Italia 2009) ne ha messi a segno dieci; Broberg sette insieme e un eagle; Uilhein otto; Harto sette con un eagle e un bogey e Kaleka ben nove con un bogey. Per Crespi cinque birdie e quattro bogey; per Tadini due birdie e due bogey. Il montepremi è di 220.000 euro dei quali 24.400 andranno al vincitore. Prologo – Sul percorso del Golf Club de Genève, a Ginevra in Svizzera, si svolge il Rolex Trophy (22-25 agosto), gara del Challenge Tour alla quale sono ammessi solamente 42 giocatori, i primi della money list e uno invitato dallo sponsor, nell’occasione l’elvetico Raphael De Sousa. Due gli italiani presenti: Alessandro Tadini, reduce dal successo di sabato scorso nell’Ecco Tour Championship, e Marco Crespi, che a maggio ha conquistato il titolo nel Telenet Trophy.Sarà una bella lotta tra l’inglese Gary Lockerbie e lo svedese Magnus A. Carlsson, ai primi due posti nell’ordine di merito e divisi da meno di mille euro, ma i 24.400 euro (sui 220.000 in palio) destinati al vincitore potrebbero permette all’inglese Simon Wakefield, terzo in graduatoria, di cambiare le gerarchie. Oltre ai giocatori citati, due azzurri compresi, possono competere per il successo anche lo svedese Kristoffer Broberg, rivelazione della stagione con due successi e due "top ten" nelle uniche quattro gare disputate in carriera sul circuito, l’inglese Raymond Russell, l’argentino Daniel Vancsik, il cileno Mark Tullo, l’olandese Wil Besseling e i francesi Gary Stal e Alexandre Kaleka. 

 

 

 

 

 

 

  I risultati