fbpx

Alps Grand Final: Federico Maccario resta in alto

Federico Maccario
  20 Ottobre 2016 News
Condividi su:

Federico Maccario è sceso dal terzo all’ottavo posto con 135 (65 70, -7) colpi nell’Alps Tour Grand Final presented by Axa, ma mantiene ancora vive le speranze di poter accedere tra i primi cinque classificati della money list (attualmente è settimo) che avranno la ‘carta’ per il Challenge Tour 2017.

Sul percorso del Miglianico Golf & Country Club (par 71), dove sono stati ammessi in gara i migliori 50 dell’ordine di merito, nuovo leader è lo spagnolo David Morago (132 – 65 67, -10), con un colpo di margine sul connazionale David Borda, sui francesi Alexandre Daidou e Richard Jouven e sugli inglesi Andrew Cooley e Matt Wallace, quest’ultimo dominatore assoluto della stagione con cinque successi di fila, record per il circuito, e in vetta dopo un giro.

Le speranze di Maccario (nella foto) si fondano, oltre che sui propri mezzi, sul fatto che coloro i quali lo precedono in graduatoria nella money list sono tutti in bassa classifica: l’inglese Tom Shadbolt (4°) è 30° con 141 (-1), il francese Victor Perez (3°) è 38° con 143 (+1) e l’altro transalpino Franck Daux è 39° con 144 (+2) insieme a Stefano Pitoni (6°), il secondo italiano in odore di Challenge Tour. Il terzo è Enrico Di Nitto, numero due del ranking, 35° con 142 (par), che in questa situazione è fuori dalla mischia e che comunque può contare su un vantaggio di circa 3.000 euro sul quinto classificato, di sicurezza quasi assoluta.

Degli altri italiani in campo, che non concorrono per cambiare circuito, ma che hanno assicurata la ‘carta’ per la prossima stagione dell’Alps Tour Aron Zemmer e Nunzio Lombardi sono 16.i con 137 (-5), Corrado De Stefani 23° con 139 (-3), Gregory Molteni e Michele Ortolani 27.i con 140 (-2). Alessandro Grammatica è alla pari con Shadbolt, Joon Kim affianca Di Nitto, Lorenzo Magini ha lo stesso score di Pitoni e Niccolò Quintarelli è 45° con 145 (+3). Il montepremi è di 65.000 euro.

 

I RISULTATI