fbpx

A Dubai inizio in sordina per F. Molinari e Manassero il leader è Luke Donald

  22 Novembre 2012 News
Condividi su:

Inizio in sordina per Francesco Molinari, 42° con 72 (par), e per Matteo Manassero, 49° con 73 (+1), nel DP World Tour Championship, ultimo torneo stagionale dell’European Tour che si sta svolgendo sul percorso Hearth (par 72) nel complesso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai. E’ al comando con 65 (-7) l’inglese Luke Donald (nella foto), reduce dal successo nel Dunlop Phoenix in Giappone che lo ha riportato al secondo posto nella graduatoria mondiale sopravanzando Tiger Woods. Lo seguono a un colpo il nordirlandese Rory McIlroy, leader del world ranking, lo spagnolo Gonzalo Fernandez Castaño e lo scozzese Marc Warren (66, -6). In quinta posizione con 67 (-5) l’inglese Lee Westwood, il sudafricano Louis Oosthuizen, il tedesco Martin Kaymer, l’irlandese Padraig Harrington, lo svedese Fredrik Andersson Hed e lo scozzese Richie Ramsay e in 11ª con 68 (-4) altri candidati al titolo, oltre ai giocatori già citati, quali il sudafricano Charl Schwartzel, il belga Nicolas Colsaerts, il thailandese Thongchai Jaidee, l’inglese Justin Rose e lo svedese Henrik Stenson, tornato al successo domenica scorsa nel SA Open dopo quattro anni di astinenza. Sono oltre metà graduatoria l’iberico Miguel Angel Jimenez, il terzo dei tre concorrenti giunti a Dubai freschi di un successo (Hong Kong Open), e l’indiano Jeev Milkha Singh, 34.i con 71 (-1), il nordirlandese Graeme McDowell e l’inglese Ian Poulter, stesso score di Molinari, e lo spagnolo Sergio Garcia, che è alla pari con Manassero.

 

Donald, che è andato  a un colpo dal record del campo stabilito da Lee Westwood nel 2009 ed eguagliato dal connazionale Ross Fisher (2010) e dall’iberico Alvaro Quiros (2011), ha dato una svolta al punteggio con sette birdie tra le buche 5 e 14. Warren ha realizzato sette birdie e un bogey, Fernandez Castaño sei birdie tutti nelle buche di ritorno dove ha cambiato passo anche McIlroy con cinque birdie dopo il primo ottenuto in uscita. Sull’ultima buca il nordirlandese, che ha già vinto con anticipo l’ordine di merito,  ha spedito la palla in acqua con il driver, ma è riuscito a salvare il par con uno stupendo quarto colpo in bandiera. I birdie non sono stati di casa per Francesco Molinari, che ne ha messo a segno solo uno nel finale dopo un bogey in avvio, e per Manassero, che ha infilato 17 par con un bogey alla nona buca. Si gioca, come detto, al Jumeirah Golf Estate un mega complesso residenziale, nato dove un tempo c’era un villaggio di pescatori, strutturato su quattro quartieri, Fire, Earth, Water e Wind, ognuno con in progetto un campo da golf dallo stesso nome. Per il torneo è stato scelto anche quest’anno l’Hearth, disegnato da Greg Norman. Il campione australiano si è ispirato ai parkland d’Europa e Nord America, creando la sua opera su un terreno ondulato, con tanta acqua, dove è stata data anche grande importanza alla flora. Il campo richiede molta attenzione e strategie di gioco diverse. Le ultime quattro buche sono le più impegnative e probabilmente emetteranno il verdetto finale.

 

Il torneo su Sky – Il DP World Tour Championship va in onda in diretta e in esclusiva sulla piattaforma satellitare Sky con collegamenti, da venerdì 23 novembre a domenica 25, dalle ore 9 alle ore 14 sui canali Sky Sport 2 e Sky Sport 2 HD. Repliche: venerdì 23, dalle ore 16,30 (Sky Sport 2 e 2 HD); sabato 24, dalle ore 15 e dalle ore 21 (Sky Sport Extra e Extra HD); domenica 25, dalle ore 21 (Sky Sport 2 e 2 HD). Commento di Silvio Grappasonni, Nicola Pomponi e di Roberto Zappa   I risultati