LPGA: dodici in corsa per un milione di dollari

jutanugarn-ariya
  14 novembre 2018 News
Condividi su:

 

Si conclude la stagione del LPGA Tour 2018 con la disputa del CME Group Tour Championship (15-18 novembre) dove si assegna anche il milione di dollari della Race to CME Globe, la versione al femminile della FexEx Cup, alla vincitrice di una speciale classifica a punti.

Al torneo, che si svolge per il quinto anno consecutivo sul percorso del Tiburon Golf Club a Naples in Florida, sono state ammesse le prime 72 concorrenti di tale graduatoria che hanno raccolto punti nelle gare di tutta la stagione. Come per la FedEx Cup, anche in questo caso prima dell’evento finale i punti sono stati resettati e le prime cinque avranno tutte l’opportunità di assicurarsi il jackpot imponendosi nella gara. Infatti ognuna di loro ricevendo 3.500 punti per il titolo si renderebbe irraggiungibile per le altre quattro.

Hanno questa chance la thailandese Ariya Jutanugarn, numero uno mondiale, che partirà con 5.000 punti, quindi l’australiana Minjee Lee (p. 4.750), la canadese Brooke M. Henderson (p. 4.500), la giapponese Nasa Hataoka (p. 4.250) e la coreana Sung Hyun Park (p. 4.000). Le altre sette concorrenti che seguono hanno possibilità di prevalere nella Race to CME Group, ma a un loro successo deve anche corrispondere una serie molto favorevole di concomitante relative ai piazzamenti di chi le precede. Possono cullare tali speranze, nell’ordine dalla sesta piazza,  le coreane Sei Young Kim, Jin Young Ko e So Yeon Ryu, la thailandese Moriya Jutanugarn, sorella maggiore di Ariya, la neozelandese Lydia Ko, Marina Alex e la spagnola Carlota Ciganda.

Difende il titolo nel torneo Ariya Jutanugarn (Race Champion nel 2016), nella foto, e saranno in gara anche le vincitrici delle altre edizioni passate: Lydia Ko (2014), Cristie Kerr (2015) e l’inglese Charley Hull (2016). Non ha chances puntare la milione di dollari Lexi Thompson, che lo conquistò l’anno scorso, mentre, come detto, ha qualche possibilità Lydia Ko, che ha fatto centro per due stagioni di fila (2014-2015).

 

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube