“Studenti-Atleti”: presentato al Miur il programma per conciliare sport e scuola

letizia-bagnoli
  06 dicembre 2017 In primo piano
Condividi su:

La dilettante Letizia Bagnoli ha raccontato la sua esperienza fra tornei e compiti in classe

Fare sport a livello agonistico e parallelamente portare avanti il percorso di studi, due attività che si possono conciliare grazie al Programma sperimentale “Studenti-Atleti”, la cui nuova edizione è stata presentata presso la Sala della Comunicazione del Miur alla presenza del Sottosegretario di Stato Gabriele Toccafondi.

Nel corso della conferenza stampa sono stati presentati i dati dell’attuale edizione per la stagione 2017-2018 ed è stato fatto il punto sullo stato d’attuazione del programma – previsto dalla legge 107/2015 “La Buona Scuola”- che coinvolge anche la Federazione Italiana Golf e i suoi giovani amateur, protagonisti di numerosi successi internazionali senza però trascurare il rendimento scolastico.

Sono intervenuti il Direttore Generale della Lega Serie A, Marco Brunelli; la Responsabile Corporate Social Responsability CONI Teresa Zompetti,  il Vice Presidente del Comitato Italiano Paralimpico (CIP), Marco Borzacchini.

Presenti in platea atleti di varie discipline sportive che hanno raccontato la propria esperienza. Come rappresentante del mondo golfistico giovanile, ha portato la sua testimonianza di studentessa e atleta Letizia Bagnoli, 18enne dilettante fiorentina del Golf Club Ugolino che lo scorso 25 novembre in occasione dell’evento “Golf in Piazza a Firenze”, quinto evento della “Road to Rome 2022”,  è stata premiata dal Sindaco di Firenze Dario Nardella e dal Presidente della Federazione Italiana Golf Franco Chimenti per la vittoria del Campionato Nazionale Matchplay 2017.

Letizia Bagnoli, che frequenta l’ultimo anno di Liceo Scientifico a Firenze, ha raccontato come è nata la sua passione per il golf e come riesce a conciliarla con la scuola: “I miei nonni sono golfisti, ma il mio amore per il golf è nato casualmente durante un campus estivo. Sport e studio a mio parere devono avere la stessa importanza e sono complementari. Fortunatamente i miei professori mi hanno sempre agevolato e il loro supporto è stato determinante per continuare a giocare a golf. Viaggio spesso per i tornei internazionali e cerco di sfruttare i trasferimenti in aereo o i momenti in hotel per studiare. Mi aspetta un anno impegnativo con gli esami di maturità scientifica che arriveranno in un periodo intenso dell’attività golfistica. Mi farò trovare pronta”.

 

Nella foto: Letizia Bagnoli e Gabriele Toccafondi, Sottosegretario di Stato

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube

Letizia Bagnoli - saranno famosi