Santa Margherita Gruppo Vinicolo Pro Am al team di Andrea Maestroni, scatta il Montecchia Open by Lyoness

  11 maggio 2016 In primo piano
Condividi su:

​Il team di Andrea Maestroni, con Ludovica Cerbino, Denise Barbiero e Franco Magon, (nella foto di Alessandro Bellicini) si è aggiudicato con il punteggio di “meno 18” la Santa Margherita Gruppo Vinicolo Pro Am. La Pro Am ha aperto ufficialmente il Montecchia Open by Lyoness, quinta tappa stagionale del Challenge Tour in programma sul percorso padovano del Golf della Montecchia (par 71) dal 12 al 15 maggio. In seconda posizione con “-12” la squadra dell’inglese Jordan L Smith, che ha giocato insieme a Emiliano Minetto, Gianfranco Zerbetto e a Gianfranca Bertazzo.

Al terzo posto con “ -11” il quartetto composto dallo spagnolo Javier Ballesteros (figlio del compianto Severiano, leggenda del golf), Michele Gallerani, Filippo Ercolino e Giacomo Fabris. In quarta posizione lo stesso score  il team dello statunitense John Hahn, sceso in campo con Giampaolo Pantano, Lorenzo Giudice e Maurizio Scollo. Quinta classificata con -10 la formazione di Filippo Bergamaschi, con Silvia Audisio, Carolina Durante e Luigi Padula. Per la classifica finale della Pro Am (alla quale hanno preso parte 28 team), sono stati conteggiati soltanto birdie ed eagle secondo il criterio “par is your friend”.
La formula di gara– Il Montecchia Open by Lyoness, seconda manifestazione dell’Italian Pro Tour nell’ambito del Progetto Ryder Cup 2022, si snoderà sulla distanza di 72 buche, suddivise in round da 18. Dopo 36 resteranno in campo i primi 60 classificati e i pari merito. In palio un montepremi da 250.000 euro (il più alto delle quattro gare sin qui disputate nel circuito) con prima moneta di 40.000 euro. Per tutta la durata della manifestazione (ingresso gratuito) sarà presente lo staff della U.S. Kids per avvicinare al golf i ragazzi con esercitazioni e sfide all’insegna del divertimento.
Le interviste – Saranno sul tee di partenza 156 giocatori, dei quali 18 italiani. Un field di primissimo piano con tutti i protagonisti del Challenge Tour, circuito che da anni rappresenta il trampolino di lancio verso l’European Tour. Fra gli stranieri, riflettori puntati sul francese Clément Sordet, reduce dal successo in Turchia e sullo scozzese Duncan Stewart, a segno nel Challenge de Madrid. Ottime chances di successo anche per gli altri due vincitori stagionali, lo svedese Sebastian Soderberg (Kenya Open), leader della money list, e l’inglese Jordan L. Smith (Red Sea Egyptian Challenge).
Tra gli azzurri, Matteo Delpodio è l’ultimo italiano ad aver conquistato un torneo del Challenge Tour lo scorso ottobre, l’EMC Golf Challenge all’Olgiata Golf Club: “Ho avuto un buon inizio di stagione poi sono stato costretto a uno stop a causa di una forma influenzale molto debilitante. Cercherò di trovare rapidamente il ritmo gara e soprattutto la giusta concentrazione perché questo percorso impone di sbagliare il meno possibile”.
Dopo un avvio di stagione sotto tono, Marco Crespi è alla ricerca di una svolta positiva: “Non attraverso un buon momento di forma. Purtroppo non riesco a riportare in gara ciò che provo in allenamento. Spero di sbloccarmi in occasione di questo torneo su un percorso molto stimolante, al quale mi legano ottimi ricordi”.
Se Crespi, al pari di Alessandro Tadini, può far leva sulla grande esperienza internazionale, Enrico Di Nitto (alla seconda stagione da professionista) cercherà di ottimizzare la parentesi sul Challenge Tour, prima di far ritorno sul circuito di pertinenza (Alps Tour): “Il secondo posto nel Tunisian Golf Open mi ha dato indicazioni confortanti e ha confermato i progressi nel gioco. Ambisco a raggiungere il Challenge Tour attraverso l’ordine di merito dell’Alps Tour, pertanto considero questo torneo un banco di prova molto utile per la mia crescita”.
 
Inaugurazione del Montecchia Performance Center– Al termine della Santa Margherita Gruppo Vinicolo Pro Am, è stato inaugurato ufficialmente il Montecchia Performance Center, innovativa struttura indoor per potersi allenare in tutte le stagioni. Dotata delle più moderne tecnologie: Trackman, Sam Putt Lab, Kvest, Technogym, offre anche divertentissimi simulatori. Il coordinamento del Montecchia Performance Center sarà a cura dello staff Montecchia Golf Academy.
 
Quarto evento del Challenge Tour per il Golf della Montecchia– Il percorso del Golf della Montecchia ospiterà per la quarta volta una competizione del Challenge Tour dopo i tornei del 2001, 2002 e 2013. Un tracciato che abbina gli elevati standard tecnici al rispetto dell’ambiente. La recente Ri-certificazione GEO 2016, a distanza di tre anni dal primo premio (bilancio ambientale per il golf riconosciuto dal CIO e dalle maggiori associazioni che operano nel golf) dimostra l’attenzione all’ecosostenibilità del circolo padovano. La consegna ufficiale del Diploma avverrà a cura di Kelli Jerome, Managing Director di GEO, venerdì 13 maggio alle ore 18.
Gli sponsor – L’Italian Pro Tour ha il supporto dei seguenti sponsor: Konica Minolta;  Franco Bosi Argenti; Frosecchi; Legea; ActionAid (charity partner); Sky Sport (media partner). Il Montecchia Open by Lyoness beneficierà del sostegno di Lyoness (title sponsor), Santa Margherita Gruppo Vinicolo (title sponsor Pro Am) e avrà il contributo dei seguenti sponsor: Consorzio Prosciutto Veneto; Electra; FR; Acqua Panna/San Pellegrino; Prato Verde. Sponsor istituzionali: Comune di Padova; Comune di Selvazzano; Provincia di Padova; Regione Veneto.

Web e social network – News, foto e video del Montecchia Open by Lyoness sono consultabili sul sito www.italianprotour.com. Inoltre, attraverso i profili facebook, twitter e instagram dell’Italian Pro Tour è possibile interagire e seguire gli aggiornamenti live del torneo

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube

2017 - Un anno di Road To Rome 2022