Ryder Cup 2022 a Roma: una grande vittoria per lo sport italiano

Chimenti, Pelley, Hills
  14 dicembre 2015 In primo piano
Condividi su:

Una giornata storica. Con l’aggiudicazione della candidatura a ospitare l’edizione 2022 della Ryder Cup il movimento golfistico italiano entra dalla porta principale nell’élite mondiale. Dopo una sfida lunga e faticosa, che ha visto Roma superare la concorrenza di Austria, Germania e Spagna, la Commissione Ryder Cup Europe ha deciso di assegnare all’Italia la più prestigiosa competizione internazionale di golf. Il percorso di gara prescelto è il Marco Simone Golf & Country Club, circolo capitolino di proprietà della famiglia Biagiotti.

Enorme soddisfazione ha espresso il Presidente di Coni Servizi e della Federazione Italiana Golf, Franco Chimenti: “Si apre una nuova era per il movimento golfistico italiano. L’assegnazione della Ryder Cup certifica l’ingresso dell’Italia nell’elite del golf mondiale. Abbiamo presentato un progetto estremamente solido grazie al sostegno del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi e di otto ministeri. Possiamo contare, inoltre, su un pool di sponsor di grande prestigio: un’offerta pubblica e privata che assicura al golf italiano un futuro di grandi prospettive. Il nostro percorso è stato condiviso e supportato sin dal principio dal Coni e per questo voglio ringraziare il Presidente Giovanni Malagò. Abbiamo battuto la concorrenza di nazioni golfisticamente evolute e ciò deve riempirci d’orgoglio. Il fascino di Roma, la straordinaria capacità recettiva e l’innegabile appeal turistico hanno sicuramente giocato a nostro favore. A tutto ciò va aggiunta la vicinanza con il centro della città del Marco Simone Golf & Country Club, circolo con un percorso di grandi contenuti tecnici, il cui progetto di restyling ne valorizzerà le caratteristiche. La presenza della famiglia Biagiotti ha dato ancor più prestigio alla nostra candidatura, rappresentando al meglio il modello del made in Italy vincente”.
Anche per il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, la Ryder Cup a Roma è un grande successo: “E’ una vittoria del sistema sportivo Italia, questo conferma che quando giochiamo insieme siamo praticamente imbattibili. Ed è anche un successo della nostra credibilità”.
Grandi complimenti da Keith Pelley, CEO di European Tour: “Le mie congratulazioni vanno all’Italia, la cui corposa e ambiziosa candidatura ha consentito di diventare la sede ufficiale della Ryder Cup 2022. Non c’è dubbio che la Città Eterna rappresenterà una cornice meravigliosa per un così importante evento golfistico”.
Le motivazioni che hanno spinto la Commissione Ryder Cup a scegliere Roma, nelle parole di Richard Hills, Direttore del Bid Management Team di Ryder Cup Europe: “La candidatura italiana ci ha impressionato per la sua solidità dal punto di vista infrastrutturale, commerciale e di sostegno del Governo. I programmi di potenziamento e valorizzazione del percorso di gioco sono spettacolari, così come l’impegno allo sviluppo del golf nel Paese a tutti i livelli. Non vediamo l’ora di metterci al lavoro insieme con il team italiano per dare vita all’edizione 2022”.
Laura Biagiotti, Presidente del Marco Simone Golf & Country Club, ha commentato: “Sono orgogliosa e felice, assieme a mia figlia Lavinia, di aver portato in Italia per la prima volta la Ryder Cup, terzo evento sportivo al mondo, seguito da oltre due miliardi di telespettatori. Questa straordinaria opportunità si è potuta materializzare grazie all’immenso impegno e alla visione del Presidente Franco Chimenti e del Presidente del CONI, Giovanni Malagò”.
 
Nella foto: Franco Chimenti, Keith Pelley, Richard Hills  (Foto Giorgio Maiozzi – Uthopia)

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube

Luca Memeo - saranno famosi