McIlroy/Johnson battono Fowler/Wolff nel “Driving Relief”

D. Johnson e R. McIlroy
  18 Maggio 2020 In primo piano
Condividi su:

L’evento, pur se non ufficiale, ha segnato il ritorno del golf il diretta TV dopo lo stop imposto dalla pandemia

Rory McIlroy, numero uno mondiale, è stato il grande protagonista del “TaylorMade Driving Relief”, l’evento, non ufficiale e a scopo benefico, con cui il golf è tornato sugli schermi TV di tutto il mondo, sui canali di Discovery. Ripartenza dalla Florida, dove il golf maschile americano era stato fermato dalla pandemia a marzo, con il leader del world ranking che ha tirato il primo colpo, con cui si è aperta la sfida a quattro, e l’ultimo, quello con il quale si è assicurato il successo insieme al compagno di gioco Dustin Johnson, numero cinque al mondo, contro il duo composto da Rickie Fowler e Matthew Wolff (11-7 skins). Si è giocato senza pubblico, con rispetto delle distanze e atleti privi di mascherine o guanti, ma con la sacca sulle spalle non essendo previsti caddie per evitare assembramenti. Esultanza solo con braccia alzate e con Mark Russell, funzionario del PGA Tour, unico delegato a toccare le aste delle bandiere.

L’intervento del Presidente Trump – Nel corso della diretta televisiva è intervenuto telefonicamente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump: “Un ritorno importante lo sport dal vivo anche per la psiche del nostro Paese. Infatti ci permette di guardare al futuro con ottimismo verso un ritorno alla normalità in attesa di una cura per il coronavirus. Vogliamo stadi pieni di spettatori e penso al Masters. Giocarlo a novembre sarà diverso, ma mi auguro che si possa disputare con una gran folla”.

La gara – Sul percorso del Seminole Golf Club di Juno Beach, il torneo, organizzato da TaylorMade (sponsor peraltro dei quattro partecipanti) metteva in palio quattro milioni di dollari, tre grazie al sostegno dello UnitedHealth Group, società americana di assistenza sanitaria, e uno offerto dalla Farmers Insurance, che sono poi diventati 5,5 milioni per le donazioni dei fans in corso d’opera. Tutto da destinare alla lotta contro il Covid-19. Dei tre milioni in palio sul campo 1.850.000 dollari sono stati conquistati da McIlroy/Johnson e sono andati alla American Nurses Foundation, mentre 1.150.000 dollari ottenuti da Fowler/Wolff sono stati donati alla CDC Foundation Il punteggio è stato di 11 buche conquistate dai vincitori contro 7, ma per assegnare le ultime sei, tutte terminate in parità, è stato necessario uno spareggio, con un tiro alla bandiera da 120 yard, in cui ha prevalso McIlroy la cui pallina è finita più vicina alla buca rispetto a quella di Wolff. Il migliore è stato sicuramente Fowler (sette birdie, due bogey), mentre McIlroy (cinque birdie, un bogey) è stato quello che nei momenti decisivi ha salvato la coppia, essendo Johnson ben lontano dal suo standard.

“E’ stato bello tornare in campo” ha detto il nordirlandese. “E’ stato tutto molto diverso dal solito con impostazioni a cui non siamo abituati, ma è stato piacevole sentirci nuovamente in competizione”. (Nella foto: l’esultanza a distanza di Dustin Johnson e di Rory McIlroy dopo il successo)

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube