Eurotour: Tom Lewis difende il titolo. Sei italiani in campo

Lewis Tom GI
  22 Ottobre 2019 In primo piano
Condividi su:

Al Portugal Masters Paratore, Migliozzi, Bertasio, Gagli, Bergamaschi e Manassero

L’European Tour fa tappa in Portogallo, al Dom Pedro Victoria Golf Course di Vilamoura, per il Portugal Masters (24-27 ottobre) prima del gran finale con un torneo del WGC (HSBC Champions) e gli ultimi tre eventi delle Rolex Series. Saranno sei gli azzurri in campo in una gara che offre buone possibilità per recitare ruoli da protagonisti: Renato Paratore, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Filippo Bergamaschi e Matteo Manassero.

Difende il titolo l’inglese Tom Lewis (nella foto), che ha ottenuto entrambi i suoi successi nel circuito in questo torneo (l’altro nel 2011), in un contesto di cui fanno parte i connazionali Matt Wallace, Eddie Pepperell, Lee Westwood e Chris Wood, il tedesco Martin Kaymer, i sudafricani Brandon Stone. Justin Walters e George Coetzee, il finlandese Mikko Korhonen, lo spagnolo Adrian Otagui, lo svedese Joakim Lagergren, l’indiano Shubhankar Sharma, il danese Lucas Bjerregaard, a segno nel 2017, e l’irlandese Padraig Harrington, capitano del Team Europe nella Ryder Cup 2020, il quale si impose nel 2016, ultima delle sue 15 vittorie sull’European Tour.

Tenteranno di essere profeti in patria i portoghesi Ricardo Gouveia e Pedro Figueiredo e sarà interessante seguire l’inglese Oliver Fisher, primo giocatore nella storia dell’European Tour a infrangere il muro dei 60 colpi con un 59 (-12) realizzato lo scorso anno nel secondo giro su questo stesso campo. Il montepremi è di 1.500.000 euro.

Il torneo su GOLFTV – Il Portugal Masters viene trasmesso in diretta e in esclusiva su GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it) con collegamenti ai seguenti orari: giovedì 24 ottobre e venerdì 25, dalle ore 12,30 alle ore 14,30 e dalle ore 17,30 alle ore 19,30; sabato 26, dalle ore 14 alle ore 18,30; domenica 27, dalle ore 13,30 alle ore 18. Commento di Isabella Calogero e di Giovanni Magni.

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube