Alps Tour: Franck Daux vince ancora in Egitto quarto Aron Zemmer

  17 febbraio 2016 News
Condividi su:

Secondo successo consecutivo per il 24enne francese Franck Daux (199 – 63 71 65, -17), che dopo essersi imposto nell’Ein Bay Open, ha fatto suo anche il Red Sea Little Venice Open, seconda gara stagionale dell’Alps Tour che, come la prima, si è svolta al Sokhna GC (Course B&C, par 72)), ad Ain Sokhna in Egitto.
Daux ha superato i due inglesi Matt Wallace (202, -14) e Andrew Jones (204, -12) e il brillante altoatesino Aron Zemmer (nella foto), quarto con 206 colpi (70 68 68, -10). Sono stati autori di una bella prova anche Federico Maccario (69 73 68) e Michele Ortolani (69 68 73), noni con 210 (-6), e Joon Kim, 12° con 211 (74 69 68, -5). A premio anche Federico Colombo, 18° con 213 (71 72 70, -3), Alberto Campanile, 22° con 214 (71 72 71, -2), Enrico Di Nitto, 34° con 218 (75 69 74, +2), e Nicholas De Pedrazzi, 36° con 219 (73 73 73, +3).
Non hanno superato il taglio, caduto a 146 (+2): Corrado De Stefani, 45° con 147 (71 76, +3), Guglielmo Bravetti, 51° con 148 (72 76, +4), Andrea Romano (74 76) e Federico Ranelletti (78 72), 60.i con 150 (+6), Francesco Gatti, 71° con 151 (76 75, +7), Alberto Fisco, 74° con 152 (75 77, +8), e il dilettante Luca Buscioni, 77° con 153 (77 76, +9). Si è ritirato Leonardo Sbarigia.
Daux, come nel torneo precedente, è stato gratificato con 5.000 euro su un montepremi di 30.000 euro.
SECONDO GIRO – Michele Ortolani, da settimo a terzo con 137 colpi (69 68, -7), e Aron Zemmer, da 13° a quinto con 138 (70 68, -6), potranno competere per il titolo nel giro finale del Red Sea Little Venice Open, seconda gara stagionale dell’Alps Tour che, come la prima, si sta svolgendo al Sokhna GC (Course B&C, par 72)), ad Ain Sokhna in Egitto.
Hanno rispettivamente tre e quattro colpi di ritardo dal leader, il francese Franck Daux (134 – 63 71, -10), vincitore del precedente Ein Bay Open, che dopo essere partito a grande andatura (63, -9) ha poi vistosamente rallentato con un 71 (-1) punteggio di giornata più alto tra i primi otto in classifica. Sono in corsa anche l’inglese Matt Wallace, secondo con 136 (-8), l’austriaco Robin Goger, che affianca Ortolani, gli altri due inglesi James Sharp e Liam Harper e il francese Thomas Elissalde, quinti insieme a Zemmer.
Sono tra i 44 concorrenti rimasti in gara Federico Maccario, 13° con 142 (69 73, -2), Alberto Campanile (71 72), Federico Colombo (71 72) e Joon Kim (74 69), 18.i con 143 (-1), Enrico Di Nitto, 24° con 144 (75 69, par), autore di un’ottima rimonta come Kim, e Nicholas De Pedrazzi, 36° con 146 (73 73, +2).
Non hanno superato il taglio: Corrado De Stefani, 45° con 147 (71 76, +3), fuori per un colpo, Guglielmo Bravetti, 51° con 148 (72 76, +4), Andrea Romano (74 76) e Federico Ranelletti (78 72), 60.i con 150 (+6), Francesco Gatti, 71° con 151 (76 75, +7), Alberto Fisco, 74° con 152 (75 77, +8), e il dilettante Luca Buscioni, 77° con 153 (77 76, +9). Si è ritirato Leonardo Sbarigia. Il montepremi è di 30.000 euro dei quali 5.000 euro andranno al vincitore.
PRIMO GIRO – Due giocatori italiani, Michele Ortolani e Federico Maccario, settimi con 69 (-3) colpi, sono tra i top ten dopo il giro iniziale del Red Sea Little Venice Open, seconda gara stagionale dell’Alps Tour che, come la prima, si sta svolgendo al Sokhna GC (Course B&C, par 72)), ad Ain Sokhna in Egitto.
Ha dato conferma del suo ottimo stato di forma il francese Franck Daux, vincitore del precedente Ein Bay Open, che è partito a forte andatura siglando un 63 (-9) e lasciando a quattro colpi il connazionale Leonard Bem, l’inglese Liam Harper e il belga Kevin Hesbois (67, -5) e a cinque lo svizzero Arthur Gabella e l’inglese Matt Wallace (68, -4).
Sono in buona posizione Aron Zemmer, 13° con 70 (-2), Corrado De Stefani, Alberto Campanile e Federico Colombo, 22.i con 71 (-1), e Guglielmo Bravetti, 31° con 72 (par). D
ovranno accelerare il passo per evitare il taglio: Nicholas De Pedrazzi, 43° con 73 (+1), Andrea Romano e Joon Kim, 50.i con 74 (+2), Enrico Di Nitto e Alberto Fisco, 59.i con 75 (+3), Francesco Gatti, 69° con 76 (+4), il dilettante Luca Buscioni, 73° con 77 (+5),mentre appare difficile la situazione di Federico Ranelletti, 80° con 78 (+6), e di Leonardo Sbarigia, 85° con 86 (+14). Il montepremi è di 30.000 euro dei quali 5.000 euro andranno al vincitore.
PROLOGO – L’Alps Tour rimane  al Sokhna GC (Course B&C), ad Ain Sokhna in Egitto, per la disputa del Red Sea Little Venice Open (15-17 febbraio, 54 buche), seconda gara stagionale del circuito.
Vi partecipano sedici giocatori italiani: Enrico Di Nitto, Aron Zemmer, Guglielmo Bravetti, Alberto Campanile, Federico Colombo, Nicholas De Pedrazzi, Corrado De Stefani, Alberto Fisco, Francesco Gatti, Joon Kim, Federico Maccario, Michele Ortolani, Federico Ranelletti, Andrea Romano, Leonardo Sbarigia e il dilettante Luca Buscioni.
Tra i possibili protagonisti Di Nitto e Zemmer, rispettivamente terzo e settimo nel precedente Ein Bay Open, i francesi Franck Daux, vincitore di quel torneo, Alexandre Widemann, campione uscente, e Julien Foret, l’inglese Andrew Cooley e lo spagnolo Daniel Osorio. Il montepremi è di 30.000 euro dei quali 5.000 euro andranno al vincitore.
I risultati

La Federazione sui Social

 Twitter

 Youtube