Women’s PGA: il primo major di Sei Young Kim

Kim Sei Young
  12 Ottobre 2020 News
Condividi su:

La coreana Sei Young Kim ha firmato il suo primo major imponendosi con 266 (71 65 67 63, -14) colpi nel KPMG Women’s PGA Championship, terzo torneo stagionale del Grande Slam femminile disputato sull’impegnativo percorso dell’Aronimink Golf Club (par 70), a Newtown Square in Pennsylvania.

La 27enne di Seoul ha portato a undici i titoli sul circuito, per un palmarès dove ne figurano anche cinque sul LPGA of Korea. Leader sin dal secondo giro, ha affrontando con grande decisione il turno finale in cui ha tolto ogni velleità alle avversarie con un gran 63 (-7, sette birdie), miglior score del turno. Ha lasciato a cinque colpi la connazionale Inbee Park (271, -9), campionessa olimpica a Rio 2016, e a sette la giapponese Nasa Hataoka, anche lei come le prime due tra le più gettonate nelle previsioni della vigilia, e la spagnola Carlota Ciganda (273, -7).

Subito dietro altre due tra le migliori giocatrici del circuito, la svedese Anna Nordqvist, quinta con 276 (-4), e la canadese Brooke M. Henderson, sesta con 277 (-3). Mai in corsa la coreana Sung Hyun Park, 17ª con 282 (+2), la neozelandese Lydia Ko, 18ª con 283 (+3), e l’australiana Hannah Green che difendeva il titolo, 23ª con 284 (+4), la quale dopo il 79 (+9) di partenza e il 125° posto ha avuto il merito di non disunirsi operando una lodevole rimonta.

Si attendevano cose migliori da Lexi Thompson e dall’inglese Mel Reid, a segno la scorsa settimana nello ShopRite Classic, 30.e con 285 (+5), dalla thailandese Ariya Jutanugarn, 37ª con 287 (+7), e dall’australiana Minjee Lee, 50ª con 291 (+11).

A Sei Young Kim (nella foto) è andato un congruo assegno di 645.000 dollari su un montepremi di 4.300.000 dollari, una cifra inferiore solo ai 4,5 milioni di dollari del primo major disputato ad agosto, l’AIG Womens Open, e ai 5,5 milioni del quarto e ultimo, l’US Womens Open in programma dal 10 al 13 dicembre a Houston in Texas. Cancellato il quinto, l’Evian Championship, a causa della pandemia.

I RISULTATI