fbpx

Toyota Cup: Italia 13ª en plein del Giappone

  19 Giugno 2015 News
Condividi su:

​L’Italia (nella foto) si è classificata al 13° posto con 869 colpi (215 217 216 221, +17), alla pari con il Brasile, nella Toyota Junior Golf World Cup, disputata all’Ishino Course (par 71) del Chukyo Golf Club, a Toyota City in Giappone, e riservata a giocatori under 18. E’ stato un autentico trionfo per i giocatori giapponesi, che hanno conquistato la medaglia d’oro nelle graduatorie a squadre e individuale, sia nella gara maschile che in quella femminile, dove non hanno partecipato azzurre.

  Nel torneo maschile il Giappone (Ren Okazaki 67 68 71 65, -13, Takumi Kanaya 68 71 70 66, -9, Gaku Tsukamoto 71 71 70 69, -3, Hayata Utsunomiya 75 73 75 75, +14) ha sorpassato nel turno conclusivo la Svezia (831, -21). Al terzo posto con 838 (-14) la Corea, quindi Stati Uniti (839, -13), Norvegia (840, -12), che difendeva il titolo, Canada (842, -10), Messico (844, -8), Sudafrica (851, -1), Cile (853, +1), Nuova Zelanda (861, +9), Scozia (865, +13) e Zimbabwe (868, +16).   Nell’individuale il nipponico Ren Okazaki (271, -13) ha bruciato sul filo di lana il cileno Joaquin Niemann (273, -11) in vetta sin dal primo turno. In terza posizione con 275 (-9) l’altro giapponese Takumi Kanaya, lo svedese Marcus Svensson e lo statunitense Chandler Phillips, in sesta con 276 (-8) il messicano Luis Garza. Al 26° posto con 286 (+2) Zenjiro Matsui (67 75 72 72), che era stato al comando nel primo giro, al 44° con 294 (+10) Alberto Castagnara (73 73 75 73), al 55° con 300 (+16) Leonardo Bellini (75 78 71 76) e al 56° con 301 (+17) Andrea Romano (81 69 73 78).   Nella gara femminile le giapponesi hanno prevalso con 564 colpi (140 134 145 145, -12) davanti a Corea (568, -8) e Messico (580, +4). Nell’individuale l’oro è andato a Yumi Matsubara (283, -5), che però ha dovuto condividerlo con la coreana Jo Hyunkyung, unica concessione che gli atleti del Sol Levante hanno fatto agli avversari. Hanno accompagnato gli azzurri Giovanni Bartoli e Gianluca Crespi.   Terzo giro – L’Italia è al 13° posto con 648 colpi (215 217 216, +9) a un giro dal termine della Toyota Junior Golf World Cup, in svolgimento all’Ishino Course (par 71) del Chukyo Golf Club, a Toyota City in Giappone, e riservata a giocatori under 18. E’ tornata al comando con 623 colpi (206 211 206, -16) la Svezia (Marcus Svensson 68 71 67, Tim Widing 67 71 69, Calle Hagstrom 71 71 70, Felix Palson 73 69 74), che ha sorpassato i campioni uscenti della Norvegia affiancati al secondo posto dal Giappone (627, -12). Al quarto con 628 (-11) Canada e Corea, al sesto con 630 (-9) gli Stati Uniti, al settimo con 637 (-2) il Cile, quindi Sudafrica (638, -1), Messico (642, +3) e Nuova Zelanda (644, +5).   Nella graduatoria individuale Zenjiro Matsui, 23° con 214 (67 75 72, +1), è rimasto a  metà classifica e sono in bassa Alberto Castagnara, 46° con 221 (73 73 75, +8), Andrea Romano, 49° con 223 (81 69 73, +10), e Leonardo Bellini, 54° con 224 (75 78 71, +11).   Ha mantenuto la leadership con 205 (67 66 72, -8) il cileno Joaquin Niemann con un colpo di margine su Marcus Svensson e sul giapponese Ren Okazaki (206, -7). In quarta posizione con 207 (-6) Tim Widing, il norvegese Kristoffer Reitan, lo statunitense Phillips Chandler e il canadese Etienne Papineau. Accompagnano gli azzurri Giovanni Bartoli e Gianluca Crespi.   Secondo giro – L’Italia è scesa dal nono all’11° posto con 432 colpi (215 217, +6) nella Toyota Junior Golf World Cup, in svolgimento all’Ishino Course (par 71) del Chukyo Golf Club, a Toyota City in Giappone, e riservata a giocatori under 18.   Sono passati a condurre con 413 (211 202, -13) i campioni uscenti della Norvegia (Kristoffer Reitan 70 68, Viktor Hovland 70 69, Sander Stavnar 75 65, Markus Braadlie 71 70) che precedono Giappone (416, -10), Svezia 417 (-9), Corea (419, -7), Cile (420, -6), Stati Uniti (421, -5), Canada (424, -2), Messico e Sudafrica (427, +1) e Nuova Zelanda (429, +3). L’Italia (Zenjiro Matsui 67 75, Alberto Castagnara 73 73, Andrea Romano 81 69, Leonardo Bellini 75 78), come già nel primo giro, è affiancata dalla Cina.   Nella graduatoria individuale Zenjiro Matsui (142, par) è arretrato dalla prima alla 18ª posizione. Più indietro Alberto Castagnara, 40° con 146 (+4), Andrea Romano, 53° con 150 (+8), e Leonardo Bellini, 55° con 153 (+11).   E’ rimasto da solo al comando con 133 (67 66, -9) il cileno Joaquin Niemann. Lo seguono con 135 (-7) il giapponese Ren Okazaki. con 137 (-5) il coreano Im Sungjae e con 138 (-4) Kristoffer Reitan, lo statunitense Chandler Phillips, il coreano Jang Taehyeong e lo svedese Tim Widing, quest’ultimo in vetta dopo un giro con Niemann, Okazaki e Matsui. Accompagnano gli azzurri Giovanni Bartoli e Gianluca Crespi.   Primo giro – Nella Toyota Junior Golf World Cup, iniziata all’Ishino Course (par 71) del Chukyo Golf Club, a Toyota City in Giappone, l’Italia  è al nono posto con 215 (+2) colpi nella classifica a squadre e Zenjiro Matsui al primo con 67 (-4) in quella individuale.   Guidano la graduatoria per team con 206 (-7) colpi il Giappone (Ren Okazaki 67, Takumi Kanaya 68, Hayata Utsunomiya (75), Gaku Tsukamoto 71) e la Svezia (Tim Widing 67, Marcus Svensson 68, Felix Palson (73), Calle Hagstrom 71) che precedono Stati Uniti (208, -5), Canada, Corea e Sudafrica (210, -3), Norvegia (211, -2) e Cile (212, -1), mentre l’Italia (Zenjiro Matsui 67, Alberto Castagnara 73, Andrea Romano (81), Leonardo Bellini 75) è affiancata dalla Cina.   Nell’individuale Matsui condivide la leadership con Ren Okazaki, Tim Widing e con il cileno Joaquin Niemann. Hanno un colpo di ritardo Marcus Svensson, Takumi Kanaya, il coreano Jang Taehyeong e gli statunitensi Mason Overstreet e Chandler Phillips (68, -3). Al 34° posto Castagnara, al 48° Bellini e al 59° Romano. Accompagnano gli azzurri Giovanni Bartoli e Gianluca Crespi.   Prologo – Leonardo Bellini, Alberto Castagnara, Zenjiro Matsui e Andrea Romano compongono in quartetto azzurro Under 18 che prende parte alla Toyota Junior Golf World Cup (16-19 giugno) in programma all’Ishino Course del Chukyo Golf Club a Toyota City in Giappone. Si gioca sulla distanza di 72 buche con classifiche a squadre e individuale. Difende il titolo la Norvegia che avrà la concorrenza delle rappresentative, oltre a quella italiana, di altre 13 nazioni: Brasile, Canada. Cile, Cina, Giappone, Corea, Messico, Nuova Zelanda, Scozia, Sudafrica, Svezia, Stati Uniti e Zimbabwe. Accompagnano gli azzurri Giovanni Bartoli e Gianluca Crespi.