fbpx

Teodoro Soldati trionfa nell’Italian International U 16

  04 Settembre 2014 News
Condividi su:

 

Teodoro Soldati ha aggiunto un’altra perla alla straordinaria collana di successi azzurri in campo internazionale – dodici compreso un oro olimpico – vincendo con 290 colpi (73 75 71 71, -2) l’Italian International Under 16 Championship sul selettivo percorso del Golf Club Biella Le Betulle (par 73). L’ottava edizione della gara, si è effettuata con la partnership di Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali. Il portacolori del GC Lanzo, unico giocatore a scendere sotto par, ha iniziato i due giri finali, disputati nell’ultima giornata di gara, al terzo posto e poi con due 71 (-2), prima è salito al secondo, a un colpo dall’inglese Daniel List, e poi ha operato il sorpasso. In seconda posizione, distanziato di tre colpi, l’inglese Alex Fitzpatrick (293, +1), fratello del neo pro Matthew vincitore dell’US Amateur nel 2013, in terza con 295 (+3) Daniel List, quindi in quarta con 296 (+4) il ceco Matyas Zapletas e il norvegese Kristoffer Reitan, che era il grande favorito. In sesta posizione con 300 (73 74 78 75, +8) Edoardo Giletta, leader dopo due giri insieme a Leonardo Novella (Verona) e che probabilmente ha sentito troppo la pressione giocando nel circolo di casa. In settima con 301 (+9) Andrea Ferraris (Royal Park I Roveri), in decima con 302 (+10) Novella, in undicesima con 303 (+11) il finlandese Oliver Lindell, il sudafricano Luca Filippi e il belga Giovanni Tadiotto, in 14ª con 304 (+12) l’inglese Luke Northwood autore nel turno iniziale di una hole in one alla buca 17. Al 20° posto con 306 (+14) Leonardo Bellini (Padova), al 25° con 308 (+16) Giovanni Magagnin (Montecchia) e al 31° con 312 (+20) Massimiliano Campigli (Torino). La Norvegia, come aveva già fatto lo scorso anno, si è assicurata la Nations Cup con 293 colpi davanti all’Inghilterra (301) e all’Italia (303). Soldati si è presentato sul percorso di Biella nella stessa mattina in cui è iniziato il torneo arrivando direttamente dagli Stati Uniti dove aveva ottenuto un bel quinto posto nel prestigioso Junior Players Championship. All’inizio ha accusato un po’ il cambio di fuso orario, poi nelle 36 buche conclusive ha dimostrato di aver pienamente recuperato. “E’ una grande soddisfazione – ha detto il vincitore che è stato accompagnato dalla famiglia – aver vinto qui, perché prima di me sono saliti sul podio più alto qui a Biella giocatori come Guido Migliozzi, Kristoffer Reitan, Renato Paratore e anche Rory McIlroy che, da amateur, ha vinto su questo tracciato un campionato europeo. E’ stato molto divertente oggi e sono contento di come ho gestito tutta la situazione, sia la pressione inevitabile, sia l’arrivo all’ultimo momento dagli Stati Uniti. Ringrazio il mio vecchio maestro Emilio Bianchi e lo staff nazionale che mi sta supportando, a partire da Alberto Binaghi. E’ stata una stagione molto positiva e ora, dopo i campionati a squadre, inizierò la preparazione per il 2015. Il passaggio tra i pro? Ne parleremo quando avrò finito la scuola, per ora sono impegnato nel secondo anno del liceo scientifico sportivo”. Soldati quest’anno ha fatto parte del team azzurro campione d’Europa Boys. Un po’ deluso Giletta: “Il putter oggi mi ha tradito, non ho giocato bene e devo migliorare. Comunque due sesti posti di fila vanno bene, anche se mi aspettavo almeno il podio. Vedremo di far meglio le prossime gare”.   Secondo giro – Coppia italiana al comando con 147 (+1) colpi nell’Italian International Under 16 Championship: è formata da Leonardo Novella (71 76), del GC Verona, e da Edoardo Giletta (73 74), portacolori del circolo ospitante, i quali sull’impegnativo percorso del Golf Club Biella Le Betulle (par 73), hanno un colpo di vantaggio su Teodoro Soldati (148 – 73 75, -2), del GC Lanzo, e sull’inglese Alex Fitzpatrick (73 75). L’ottava edizione della gara, che si effettua con la partnership di Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali, si concluderà domani, 4 settembre, con la disputa delle ultime 36 buche alle quali sono stati ammessi 42 concorrenti che hanno superato il taglio, caduto a 157 (+11). Tiene il ceco Matyas Zapletal, quinto con 149 (+3), sono al sesto posto con 150 (+4) l’inglese Daniel List e il tedesco Falko Hanisch, ed ha ceduto nettamente il norvegese Kristoffer Reitan, campione uscente e grande favorito della vigilia, che con un inatteso 80 (+7) è scivolato in ottava posizione con 151 (+5) dove ha la compagnia del connazionale Elias Birkeland, del tedesco Florian Moosmeier  e di un tenace Andrea Ferraris (Royal Park I Roveri). Tra gli italiani sono rimasti in gara anche anche Giulio Marinelli (74 79, Castelgandolfo) 18° con 153 (+7), Adalberto Montini (79 76, Verona) e Lucas Lasagna (78 77, Milano)  27.i con 155 (+9), Nicola Usai (80 76, Parco di Roma) 32° con 156 (+10), Massimiliano Campigli (76 81, Torino), Giovanni Magagnin (81 76, Montecchia), Edoardo Zorzetto (Asolo, 81 76) e Leonardo Bellini (79 78, Padova), 37.i con 157 (+11). “Sono partito male soprattutto con il putt – ha detto Edoardo Giletta, che ha iniziato a giocare da bambino al Living Garden ed è allievo di Maurizio Guerisoli – e nelle prime nove buche non sono riuscito a trovare il ritmo giusto anche perché le aste erano difficili, poi sulle seconde nove è andata meglio. Per domani speriamo bene. Io sono pronto e ci provo. Reitan? Mi dispiace, purtroppo una brutta giornata può capitare, ma con 36 buche davanti può succedere di tutto e potrebbe ancora recuperare”. Leadership con qualche problema anche per Leonardo Novella: “Oggi è stata una giornata un po’ più difficile – ha spiegato il quindicenne veronese allenato da Giorgio Grillo – soprattutto con qualche errore di troppo con il putter, forse dovuto alla posizione delle bandiere più complicata e ad un minor feeling. Nelle mie precedenti partecipazioni non avevo mai passato il taglio, adesso bisogna attaccare e puntare in alto. Io non mi tiro indietro”. Anche quest’anno è operativo il “live scoring”. Gli interessati non devono far altro che collegarsi al sito del G.C.Biella (www.golfclubbiella.it) per poter seguire buca dopo buca la gara di tutti i partecipanti. Anche nella terza e ultima giornata di gara l’ingresso al club di Magnano sarà gratuito.

 

Primo giro – Il norvegese Kristoffer Reitan, campione uscente e grande favorito della manifestazione, ha preso subito il comando con 71 (-2) colpi nell’Italian International Under 16 Championship, ma sull’impegnativo percorso del Golf Club Biella Le Betulle (par 73), ha dovuto condividere la leadership con un ottimo Leonardo Novella (Verona). L’ottava edizione della gara, che si effettua con la partnership di Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali, è iniziata bene per i colori azzurri, perché subito dietro il duo di testa vi sono Teodoro Soldati  (Lazo) e Edoardo Giletta, portacolori del circolo ospitante, terzi con 73 (par) insieme all’inglese Alex Fitzpatrick (fratello del neo pro Matthew vincitore dello US Amateur nel 2013). Altro italiano al sesto posto con 74 (+1), Giulio Marinelli  (Castelgandolfo), alla pari con ceco Matyas Zapletal, e all’ottavo con 75 (+2) Andrea Ferraris (Royal Park I Roveri), in compagnia di quattro candidati al titolo, il belga Giovanni Tadiotto, il finlandese Oliver Lindell e i tedeschi Marc Alexander Hammer e Falko Hanisch. Un colpo in più per Andrea Romano (Olgiata), Massimiliano Campigli (CG Torino) e Tommaso Giancaterino (Sanremo) ,13.i con 76 (+3) “Sono soddisfatto e contento – ha spiegato Reitan, sedicenne di Oslo – è stato un buon inizio. Dopo tre birdie ho segnato bogey alla buche 14 e alla 16, ma poi ho chiuso bene con un birdie alla 18 puttando per l’eagle” Felice anche Novella: “Mi aspettavo un campo difficile, ma oggi sono riuscito mandare la palla molto diritta e sono stato costante nel gioco. L’obiettivo iniziale era di arrivare nei primi 10, ma a questo punto posso e voglio puntare più in alto e vedere se riesco a vincere”. Così Giletta: “C’è chi si aspetta che io vinca e spero di accontentarli. Ho commesso due/tre errori, ma ho recuperato e domani spero di fare un bel giro per andare all’attacco nell’ultima giornata”. Quanto a Soldati, arrivato direttamente questa mattina dagli Stati Uniti dove ha conseguito un ottimo quinto posto nel Junior Players Championship, ha ottenuto un bel risultato considerato il cambio di fuso orario e le pochissime ore di sonno. Il torneo si disputa sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 36 che lascerà in gara i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto. Costoro disputeranno le ultime 36 buche nella stessa giornata di giovedì 4 settembre. Anche quest’anno è operativo il “live scoring”. Gli interessati non devono far altro che collegarsi al sito del G.C.Biella (www.golfclubbiella.it) per poter seguire buca dopo buca la gara di tutti i partecipanti. L’ingresso al club di Magnano è gratuito per tutta la durata della manifestazione.

 

Prologo – Scatta sul percorso del Golf Club Biella Le Betulle l’ottava edizione dell’Italian International Under 16 Championship (2-4 settembre), con la partnership di Reply, multinazionale leader sui nuovi canali di comunicazione e i media digitali. Vi prendono parte 132 giocatori, 60 italiani, 66 stranieri e sei che hanno ricevuto una wild card, in rappresentanza di 16 nazioni: Italia, Norvegia, Finlandia, Belgio, Sudafrica, Qatar, Repubblica Ceca, Germania, Inghilterra, Francia, Svezia, Svizzera, Islanda, Irlanda, Austria e Slovenia. Il torneo ha già fatto registrare un successo, il record degli iscritti che sono stati ben 210 e quindi con l’impossibilità di accettarli tutti.

Favorito d’obbligo il forte norvegese Kristoffer Reitan, campione uscente e numero uno nel ranking europeo Under 16, reduce dal Jacques Lèglise Trophy dove ha fatto parte della selezione dell’Europa Continentale, in cui erano anche Federico Zuckermann e Stefano Mazzoli, sconfitta per 12.5 a 11,5 da quella di Gran Bretagna & Irlanda. Lo scorso anno Reitan ha chiuso con lo score di 286 colpi, sei sotto par, nuovo record della manifestazione. A sfidare il talento norvegese ci sarà il belga Giovanni Tadiotto, che ha appena vinto gli Internazionali del Belgio e saranno da tenere d’occhio, tra gli altri stranieri, Herman Loubser, che guida il competitivo team sudafricano sempre presente a Biella sin dalla prima edizione, il finlandese Oliver Lindell e gli inglesi Luke Northwood e Rhys Nevin-Wharton. C’è curiosità per il rappresentante del  Doha Golf Club Jakub Hrinda e per il ceco Matyas Zapletal. Tra gli azzurri ci sarà Teodoro Soldati, (GC Lanzo), terzo nel 2013, vincitore dei Campionati Assoluti Match Play nel 2013 e quest’anno campione europeo con la squadra italiana Boys. Arriverà domani mattina direttamente dagli Stati Uniti, dove a Ponte Vedra Beach ha preso parte al Junior Players Championship ottenendo un bel quinto posto. Folto il gruppo veneto con Leonardo Bellini (Padova), Adalberto Montini (Verona), Julien Paltrinieri (Asolo), Edoardo Zorzetto (Asolo), Davide Longhini (Asiago), Pietro Martini (Villa Condulmer) e Leonardo Novella (Verona) e sono attese buone cose anche da Andrea Ferraris (Royal Park I Roveri),  Niccolò Capacchietti (Parco di Roma), Massimiliano Campigli (CG Torino), Andrea Romano (Olgiata) e da Edoardo Giletta, sesto lo scorso anno, che proverà a seguire le orme del compagno di club Corrado De Stefani a segno sul campo di casa nel 2009. A tenere alti i colori del circolo ospitante ci sarà anche Leonardo Angelico. Il torneo si disputa sulla distanza di 72 buche con taglio dopo 36 che lascerà in gara i primi 40 classificati e i pari merito al 40° posto. Costoro disputeranno le ultime 36 buche nella stessa giornata di giovedì 4 settembre. Anche quest’anno sarà operativo il “live scoring” che nelle scorse edizioni fece registrare migliaia di contatti. Gli interessati non dovranno far altro che collegarsi al sito del G.C.Biella (www.golfclubbiella.it) per poter seguire buca dopo buca la gara di tutti i partecipanti. L’ingresso al club di Magnano sarà gratuito per tutta la durata della manifestazione.   I risultati