fbpx

Scatta al GC Perugia il Ladies Italian Open presented by Ruco Line

  26 Giugno 2014 News
Condividi su:

Scatta sul percorso del Golf Club Perugia il Ladies Italian Open presented by Ruco Line (27-29 giugno). E’ la 24ª edizione del torneo che torna, dopo tre anni, nel calendario del Ladies European Tour, dove ha recitato un ruolo di preminenza sin dal 1987, quando si disputò la prima sul percorso del GC Croara, per il suo inconfondibile stile e per la partecipazione sempre qualificata, testimoniata da un albo d’oro ricco di nomi di valore assoluto. La gara, con 125 concorrenti al via, si svolge sulla distanza di 54 buche (18 al giorno). Il taglio dopo 36 buche promuoverà al terzo e ultimo giro le prime 50 classificate e le pari merito al 50° posto. Il montepremi è di 250.000 euro dei quali 37.500 euro andranno alla vincitrice. L’ingresso per il pubblico è gratuito. Puntano a un risultato di prestigio e possibilmente a sfatare il tabù che non le vuole vincitrici nell’Open di casa, le proettes azzurre, tutte particolarmente motivate e in particolare Diana Luna, (cinque successi nel LET), Veronica Zorzi (due) e Stefania Croce (uno), che hanno le potenzialità per battere la concorrenza, ma anche Sophie Sandolo e Margherita Rigon hanno i numeri per ben figurare. Il gruppo è completato da Vittoria Valvassori, Anna Rossi, Stefania Avanzo, Elisabetta Bertini. Alessandra Averna, Martina Migliori, Chiara Brizzolari e dalla giovane dilettante Virginia Elena Carta, reduce da quattro importanti successi in campo internazionale negli ultimi nove mesi. “Credo di essere in buone condizioni” ha detto la Luna. “Ho cercato di sfruttare l’interruzione nei mesi primaverili per lavorare sugli aspetti del gioco che mi soddisfacevano meno. Mi sono concentrata soprattutto sul gioco corto che mi aveva penalizzato nella gara disputata in Olanda, dove ho ottenuto ugualmente un buon piazzamento finale. Questo Open per noi italiane è una grande occasione: vorrei facesse comprendere che il golf femminile è vivo e che ha voglia di emergere. Noi proettes stiamo dimostrando la nostra competitività e le amateur si stanno mettendo in luce in campo internazionale. E’ un segnale molto confortante per il futuro. Mi auguro che l’Open possa accelerare la diffusione del golf in Italia”. Sullo stesso tono anche Veronica Zorzi: “E’ un momento di grande gioia. Essere nuovamente fra le partecipanti di questa manifestazione è motivo di orgoglio e soddisfazione. Quando abbiamo avuto la conferma ufficiale che l’Open sarebbe tornato in calendario noi proettes abbiamo provato grande felicità. Tali eventi sono il miglior veicolo promozionale per il nostro sport. Darò il massimo per onorare l’impegno e mi auguro di vedere tanti spettatori a sostenerci”. Poi sul percorso: “Ho ricavato un’ottima impressione. E’ un tracciato molto ben preparato, che premierà chi saprà interpretare meglio le strategie di gioco. I green sono piccoli, quindi occorrerà fare molta attenzione al posizionamento delle bandiere”. Margherita Rigon ha sottolineato l’aspetto psicologico: “Ogni torneo ti stimola a offrire una buona prestazione e, sicuramente, c’è voglia di ben figurare di fronte al proprio pubblico. La spinta emotiva di competere nella massima manifestazione nazionale, però, supera qualsiasi tensione. L’Open d’Italia non sarà mai una gara come le altre per noi azzurre”. Presenting sponsor dell’Open è Ruco Line. Determinazione e impegno costante sono i valori che caratterizzano l’attività dell’azienda e che si ritrovano anche nello sport; per questo il brand sostiene e promuove eventi sportivi a livello nazionale ed internazionale. Importante l’intervento come partner istituzionali di Regione Umbria e Comune di Perugia, insieme a Camera di Commercio. Federazione Italiana Golf, Ladies European Tour e Golf Club Perugia, che hanno compreso pienamente l’importanza e le finalità di un progetto basato sulla valenza strategica del Ladies Italian Open, progetto che ha tra i suoi obiettivi più significativi la promozione finalizzata sia al reperimento di nuovi giocatori che all’incremento del turismo golfistico. Insieme alle Istituzioni e a Ruco Line, danno il loro sostegno all’avvenimento, inserito tra le prove dell’Italian Pro Tour, il circuito delle gare nazionali allestito dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della       FIG: Liomatic e Fabiana Filippi, sponsor; SanPaolo Invest, title sponsor della pro am; Mulligan & Co, official apparel; Jaguar Land Rover, official automotive;  Rocchetta, acqua ufficiale; Relais dell’Olmo, hotel ufficiale; Pronto Green, Emu e John Deere fornitori ufficiali; Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica Onlus, charity partner. Collaborazione di Golf Meteo. Media partner Sky, che assicurerà copertura televisiva all’Open allargata poi ai grandi network televisivi che lo dirameranno in almeno quaranta Paesi in tutto il mondo. Molto agguerrito il fronte straniero con fari puntati su Sophie Gustafson,  41enne svedese pluridecorata con 28 titoli in carriera e l’esperienza di un Open d’Italia vinto nel 2000. E’ la prima di una lista di attese protagoniste che comprende anche la danese Malene Jorgensen, quinta nella money list stagionale, l’emergente tedesca Ann-Kathrin Lindner, la norvegese Marianne Skarpnord, che fu lanciata dal successo nell’Open 2009 al GC Le Rovedine, le inglesi Holly Clyburn, Felicity Johnson e Sophie Walker, le francesi Anne-Lise Caudal, Cassandra Kirkland e Jade Schaeffer, la statunitense Beth Allen, la sudafricana Stacy Lee Bregman e le thailandesi Nontaya Srisawang e Titiya Plucksataporn. Da seguire anche la russa Vera Vladimirovna Shimanskaya. Non punterà al titolo, ma è un personaggio dalla storia interessante. Prima di convertirsi al golf è stata medaglia d’oro nella ginnastica ritmica alle Olimpiadi di Sydney (2000). Poi, lasciata la specialità, si è dedicata al golf. Differenze? “Cambiano i tempi di esecuzione – ha detto – del gesto tecnico. Nel golf bisogna restare concentrati per almeno cinque ore durante un giro, mentre nella ginnastica ritmica la tua performance va espressa in due minuti e mezzo. Nel golf è veramente complicato, ma al tempo stesso stimolante, conservare le energie mentali per un arco di tempo così prolungato”. Poi una previsione: “Ci sono veramente tante golfiste in grado di competere per il titolo. Se devo fare due nomi, direi Sophie Gustafson e Diana Luna. Diana, come me, non ha un fisico possente,  ma è invidiabile per la potenza che imprime ai suoi colpi”. Prima partenza alle ore 8,15, ultima alle ore 14,45 con conclusione prevista attorno alle ore 19. Nel primo giro Diana Luna inizierà alle ore 9,15 dalla buca 10 insieme a Sophie Gustafson e ad Ann-Kathrin.   Non solo torneo – Non vi sarà solo il torneo al GC Perugia, ma anche altri interessanti eventi collaterali. Domani, venerdì 27, alle ore 16,30, si svolgerà l’attesa Golf Clinic con la Squadra Nazionale Professioniste alla quale prenderanno parte Diana Luna, Stefania Croce, Veronica Zorzi e Margherita Rigon. In serata, alle ore 20, Menchetti Happy Hour con il Dj Set. Nelle attività a latere saranno coinvolti pure i giovanissimi. Sabato 28, alle ore 16,30, ‘Evento Big Sister’, una simpatica sfida tra le proettes del LET e i bambini del Corso Federale FIG Umbria, sul percorso executive. Per i più piccoli anche le iniziative di U.S. Kids, che sarà presente con uno stand nelle tre giornate di gara. Sabato 28 i giovani saranno impegnati in giochi sul putting green e domenica 29 in una gara sul tracciato executive e in un contest sul putting green.   Web e social network -Tutte le informazioni sul Ladies Italian Open presented by Ruco Line sono reperibili sul sito www.italianprotour.com. Inoltre, attraverso i profili facebook, twitter e instagram dell’Italian Pro Tour sarà possibile interagire e seguire gli aggiornamenti live del torneo, anche attraverso l’hashtag ufficiale #openyoureyes.