fbpx

Ryder Cup 2022: iniziano le visite ispettive nei Paesi candidati

  16 Marzo 2015 News
Condividi su:

La candidatura italiana per la Ryder Cup del 2022 entra nel vivo. E’ stato, infatti, ufficializzato il calendario delle visite ispettive presso le nazioni in corsa per ospitare l’edizione europea della massima competizione internazionale di golf. E c’è già una prima sorpresa: tra le destinazioni che verranno toccate dagli ispettori non figura più la Turchia. Il Presidente della Federazione turca, Ahmet Agaoglu, ha comunicato ufficialmente il ritiro di Istanbul, precisando di non poter soddisfare i requisiti logistici.   Il calendario delle visite – Si comincia con la Germania, mentre la prossima settimana sarà il turno della Spagna e poi dell’Italia, che ha scelto come sede di gioco il percorso romano del  Marco Simone Golf & Country Club (Guidonia Montecelio). Il tour europeo delle visite ispettive farà poi tappa in Austria alla fine di marzo. Allo stato attuale non sono state confermate date per un sopralluogo in Portogallo.   La corsa verso il 2022 – Richard Hills, Direttore della Ryder Cup, dopo aver ringraziato la Turchia per l’impegno profuso, ha spiegato che, d’ora in avanti, le attenzioni della commissione giudicante si sposteranno solo sui Paesi che hanno confermato la volontà di concorrere per l’assegnazione della Ryder Cup del 2022.  A seguito delle visite ispettive le nazioni concorrenti avranno tempo fino al 30 aprile 2015 per consegnare tutta la documentazione necessaria. Le singole candidature saranno poi esaminate dalla Ryder Cup Europe, coadiuvata da un pool di esperti. Per il nome del Paese vincitore bisognerà aspettare il prossimo autunno.