fbpx

Playoffs: Rickie Fowler batte in extremis Stenson nel Deutsche Bank Championship

  08 Settembre 2015 News
Condividi su:

Rickie Fowler (269 – 67 67 67 68, -15) ha sorpassato nel giro finale lo svedese Henrik Stenson (270 – 67 68 65 70, -14) e ha vinto il Deutsche Bank Championship, il secondo dei quattro tornei dei Playoffs che concludono sia il PGA Tour 2015 che la FedEx Cup (dieci milioni di dollari al vincitore della speciale classifica a punti), disputato sul percorso del TPC Boston (par 71), a Norton nel Massachusetts.   E’ terminato al terzo posto con 273 (-11) Charley Hoffman e hanno occupato il quarto con 276 (-8) Jim Furyk, Patrick Reed, Hunter Mahan, Sean O’Hair e l’australiano Matt Jones. Al 12° con 278 (-6) l’australiano Jason Day, che ha mantenuto la leadership nella graduatoria della FedEx Cup, al 22° con 279 (-5) Zach Johnson, al 25° con 280 (-4) Keegan Bradley, al 29° con 281 (-3) Bubba Watson, Chris Kirk, campione uscente, e il nordirlandese Rory McIlroy, al quale questo piazzamento non è bastato per rimanere sul trono mondiale. Infatti, dopo il sorpasso operato da Jordan Spieth quindici giorni addietro e il controsorpasso di McIlroy della scorsa settimana, la situazione si è nuovamente capovolta, sebbene Spieth, ora avanti per 15 centesimi di punto, non abbia fatto nulla per ritornare al comando della classifica mondiale, essendo uscito al taglio per la seconda volta consecutiva nei Playoffs.   Sono stati ammessi alla prossima prova, il BMW Championship (17-20 settembre), 70 dei 100 concorrenti (poi 99 alla partenza), che erano approdati al Deutsche Bank e che si ridurranno a 30 nell’evento finale, il Tour Championship (24-27 settembre). Non è stato sufficiente  il 39° posto con 283 (-1) all’inglese Luke Donald (80° in FedEx) e il 44° con 284 (par) a Davis Love III (86°) per proseguire la corsa verso i 10 milioni di dollari, mentre ce l’hanno fatta con un po’ di fatica, il già citato Bradley (ora 63° in FedEx) e l’inglese Ian Poulter (66°), 33° con 282 (-2). Dentro anche Phil Mickelson (61°), comunque molto deludente e 65° con 287 (+3).   Fowler ha concluso la sua galoppata con un 68 (-3), frutto di un eagle, tre birdie e due bogey, ma Stenson gli ha dato un bell’aiuto con un doppio bogey alla buca 16 dopo cinque birdie e due bogey in precedenza (70, -1). Per Fowler, 28enne di Murrieta (California) è il secondo titolo stagionale, dopo quello nel The Players Championship, e il terzo in carriera. Ha ricevuto un congruo assegno di 1.485.000 dollari su un montepremi di 8.250.000.   La classifica della FedEx Cup vede, come detto, in vetta Jason Day con 4.680 punti, davanti a Spieth (4.169), leader prima dell’inizio dei Playoffs e che non ha raccolto nemmeno un punto per le due uscite anticipate. Si è insediato in terza posizione Fowler (3.498), grazie ai 2.000 punti raccolti con il successo. In quarta Stenson (3.352), quindi Watson (3.329), Hoffman (2.302), Zach Johnson (2.241) e Dustin Johnson (2.114). In 17ª McIlroy (1.729).   Dopo il BMW Championship i punti verranno resettati. Si manterranno i posti acquisiti, ma il leader partirà per la volata conclusiva con 2.000 punti, il secondo con 1.800, il terzo con 1.600, il quarto con 1.440, il quinto con 1.280 fino al 30° con 168.  In tal modo anche il 30° della lista ha la teorica possibilità di arrivare ai 10.000.000 di dollari, pure se la serie di concomitanze per accaparrarseli è quasi impossibile da realizzarsi, mentre ciascuno dei primi cinque con un successo avrebbe garantito il jackpot, che sarebbe di 11.485.000 dollari aggiungendovi il primo premio del torneo.   La FedEx Cup complessivamente distribuirà 35 milioni di dollari. Se il vincitore avrà di che sorridere, non andrà poi tanto male ai piazzati con tre milioni di dollari al secondo, due milioni al terzo, 1.5 al quarto e un milione al quinto.   TERZO GIRO – Lo svedese Henrik Stenson  è il nuovo leader con 200 colpi (67 68 65, -13) del Deutsche Bank Championship, il secondo dei quattro tornei dei Playoffs che concludono sia il PGA Tour 2015 che la FedEx Cup (dieci milioni di dollari al vincitore della speciale classifica a punti), in svolgimento sul percorso del TPC Boston (par 71), a Norton nel Massachusetts. Lo seguono Rickie Fowler, secondo con 201 (-12), Sean O’Hair e l’australiano Matt Jones, terzi con 202 (-11), e lo scozzese Russell Knox, quinto con 203 (-10).   Hanno recuperato Hunter Mahan e Matt Kuchar, 11.i con 206 (-7) insieme a Jim Furyk, mentre dopo l’uscita al taglio di Jordan Spieth, secondo nella FedEx, stenta anche il leader, l’australiano Jason Day, da decimo a 25° con 209 (-4). Entrambi, però, non corrono rischi di perdere la posizione, perché Bubba Watson, l’unico in grado di sorpassarli con i 2.000 punti che spettano al vincitore della gara, è 53° con 213 (par), stesso score di Phil Mickelson.   Sono al 20° posto con 208 (-5) Zach Johnson e Dustin Johnson, tra i top ten della FedEx, e l’inglese Ian Poulter, che invece sta lottando per entrare tra i primi 70 della graduatoria che saranno ammessi alla prossima gara, il BMW Championship (17-20 settembre), e che poi si ridurranno a 30 nell’evento finale, il Tour Championship (24-27 settembre). Con questa graduatoria Poulter è appena dentro come Keegan Bradley, 37° con 211 (-2), mentre sarebbero fuori Davis Love III e l’inglese Luke Donald, 32.i con 210 (-3), affiancati da Chris Kirk, campione uscente.   In bassa classifica il nordirlandese Rory McIlroy, 64° con 215 (+2), che comunque non corre rischi di uscire dai 30.   Stenson e Fowler hanno dato vita a un bel duello che lo svedese ha risolto in suo favore sull’ultima buca con un birdie, preceduto da un eagle a da altri tre birdie (65, -6). Fowler, dopo un ottimo avvio con quattro birdie in otto buche, ha continuato con una striscia di par fino al termine (67, -4). Con la classifica attuale Day e Spieth manterrebbero i primi due posti nella FedEx Cup, salirebbero al terzo Stenson e al quinto Fowler, con Watson tra di loro. Subito dietro Zach Johnson e Dustin Johnson.   Più che il punteggio complessivo, sono importanti le posizioni in graduatoria, perché dopo il BMW Championship i punti stessi verranno resettati. Si manterranno i posti acquisiti, ma il leader partirà per la volata conclusiva con 2.000 punti, il secondo con 1.800, il terzo con 1.600, il quarto con 1.440, il quinto con 1.280 fino al 30° con 168.  In tal modo anche il 30° della lista ha la teorica possibilità di arrivare ai 10.000.000 di dollari, pure se la serie di concomitanze per accaparrarseli è quasi impossibile da realizzarsi, mentre ciascuno dei primi cinque con un successo avrebbe garantito il jackpot, che sarebbe di 11.485.000 dollari aggiungendovi il primo premio del torneo.   La FedEx Cup complessivamente distribuirà 35 milioni di dollari. Se il vincitore avrà di che sorridere, non andrà poi tanto male ai piazzati con tre milioni di dollari al secondo, due milioni al terzo, 1.5 al quarto e un milione al quinto. Nei quattro eventi dei Playoffs il montepremi è 33 milioni di dollari, 8.250.000 dollari per ciascuna gara con 1.485.000 dollari per il primo classificato.   Il torneo su Sky – La giornata finale del Deutsche Bank Championship sarà teletrasmessa in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky con collegamento dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD). Commento di Alessandro Lupi e di Roberto Zappa.   SECONDO GIRO – Cambio della guardia in vetta al Deutsche Bank Championship, dove si è insediato con 130 colpi (67 63, -12) Charley Hoffman, ma la sorpresa della giornata è stata la seconda uscita consecutiva al taglio di Jordan Spieth, numero due mondiale, 86° con 148 (75 73, +6) e fuori per tre colpi.   Nel secondo dei quattro tornei dei Playoffs che concludono sia il PGA Tour 2015 che la FedEx Cup (dieci milioni di dollari al vincitore della speciale classifica a punti), in svolgimento sul percorso del TPC Boston (par 71), a Norton nel Massachusetts, è sceso al secondo posto con 133 (-9) Brendon de Jonge, dello Zimbabwe, e sono al terzo con 134 (-8) Zach Johnson, Rickie Fowler, Kevin Chappell e l’australiano Matt Jones. Al settimo con 135 (-7) Sean O’Hair, lo svedese Henrik Stenson e lo scozzese Russell Knox e al decimo con 136 (-6) Jim Furyk, il neozelandese Danny Lee, il giapponese Hideki Matsuyama e l’australiano Jason Day, leader della FedEx Cup e che sembra soprattutto controllare la situazione, visto che Spieth (secondo) è in panne e che l’altro che potrebbe sorpassarlo con una vittoria, Bubba Watson, arranca al 42° posto con 142 (par), insieme all’inglese Paul Casey.   Stanno lottando per evitare di lasciare la FedEx Cup, entrando tra i primi 70 della graduatoria che saranno ammessi alla prossima gara, il BMW Championship (17-20 settembre), Keegan Bradley, 14° con 137 (-5), e gli inglesi Luke Donald, 18° con 138 (-4), e Ian Poulter, 21° con 139 (-3), i quali con questa graduatoria sarebbero al sicuro, sia pure aggrappati alla coda del gruppo. Poi avranno bisogno di un autentico miracolo per approdare all’evento finale, il Tour Championship (24-27 settembre), dove entreranno solo in 30.   Non stanno brillando Phil Mickelson e Chris Kirk, campione uscente, 52.i con 143 (+1), anche loro con grosse probabilità di fermarsi al BMW Championship, e Rory McIlroy, sceso dal 26° al 59° posto con 144 (+2). Il nordirlandese non corre rischi di uscire dai 30.   Con la classifica attuale in chiave FedEx Cup non cambierebbe molto, a parte l’inserimento di Hoffman al terzo posto dietro a Day e a Spieth. Al quarto Watson e a quinto Zach Johnson, che supererebbe Henrik Stenson, sesto. Più che il punteggio complessivo, sono importanti le posizioni di classifica, perché dopo il BMW Championship i punti stessi verranno resettati. Si manterranno i posti acquisiti, ma il leader partirà per la volata conclusiva con 2.000 punti, il secondo con 1.800, il terzo con 1.600, il quarto con 1.440, il quinto con 1.280 fino al 30° con 168.  In tal modo anche il 30° della lista ha la teorica possibilità di arrivare ai 10.000.000 di dollari, pure se la serie di concomitanze per accaparrarseli è quasi impossibile da realizzarsi, mentre ciascuno dei primi cinque con un successo avrebbe garantito il jackpot, che sarebbe di 11.485.000 dollari aggiungendovi il primo premio del torneo.   La FedEx Cup complessivamente distribuirà premi per 35 milioni di dollari. Se il vincitore avrà di che sorridere, non andrà poi tanto male ai piazzati con tre milioni di dollari al secondo, due milioni al terzo, 1.5 al quarto e un milione al quinto. Nei quattro eventi dei Playoffs il montepremi è 33 milioni di dollari, 8.250.000 dollari per ciascuna gara con 1.485.000 dollari per il primo classificato.   Il torneo su Sky – Il Deutsche Bank Championship viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky con collegamenti ai seguenti orari: domenica 6 settembre, dalle ore 20 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); lunedì 7, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD). Commento di Alessandro Lupi e di Roberto Zappa.   PRIMO GIRO – Sul percorso del TPC Boston (par 71), a Norton nel Massachusetts, Brendon de Jonge, dello Zimbabwe, ha iniziato al comando con 65 (-6) colpi il Deutsche Bank Championship –  insolitamente programmato dal venerdì al lunedì – secondo dei quattro tornei dei Playoffs che concludono sia il PGA Tour 2015 che la FedEx Cup. Al termine dei Playoffs al vincitore di una speciale classifica a punti verranno assegnati i dieci milioni di prima moneta della FedEx Cup.   Seguono De Jonge con 67 (-4) colpi  Rickie Fowler, Colt Knost, Kevin Chappell, Harris English, Charley Hoffman, lo svedese Henrik Stenson, l’australiano Matt Jones, e gli inglesi Luke Donald e Ian Poulter che con questa classifica entrerebbero tra i 70 concorrenti (dei 99 partiti) ammessi al successivo BMW Championship (17-20 settembre) e che poi si ridurranno a 30 nel Tour Championship (24-27 settembre), evento di chiusura.   L’australiano Jason Day, 11° con 68 (-3) e attualmente in vetta alla FedEx Cup, ha  tenuto un buon passo lasciandosi alle spalle tutti i più diretti avversari nella corsa ai dieci milioni di dollari tra i quali ha nuovamente deluso Jordan Spieth (80° con 75, +4). Il 22enne texano, uscendo al taglio la scorsa settimana nel The Barclays, ha perso simultaneamente la leadership nella stessa FedEx e soprattutto nel World ranking, dove sul trono è tornato Rory McIlroy, pur senza essere in campo in quella circostanza. Il nordirlandese, ancora con qualche problema dopo l’incidente alla caviglia, ha girato in 70 (-1), ponendosi al 26° posto alla pari con Phil Mickelson e con Dustin Johnson.   Stanno meglio Zach Johnson, Davis Love III e Jason Dufner, 16.i con 69 (-), ma gli ultimi due devono salire ancora per partecipare  al prossimo evento, così come Keegan Bradley, 39° con 71 (par), insieme a Jim Furyk e a Justin Rose. In panne anche Bubba Watson (3° in FedEx), 59° con 73 (+2), Chris Kirk, campione uscente, e l’inglese Paul Casey, 71.i con 74 (+3).   Brendon de Jonge ha marciato sicuro con sette birdie e un bogey e Day ha confermato con cinque birdie e due bogey  l’ottimo momento di forma, che l’ha portato a vincere tre tornei nell’arco di un mese compresi un major (US PGA Championship) e il precedente The Barclay. Spieth, di birdie ne ha segnati quattro, ma otto bogey sono decisamente troppi per uno come lui. Con tale situazione, comunque, la classifica della FedEx Cup, a parte qualche variazione nel punteggio, rimarrebbe invariata nelle prime tre posizioni con Day, Spieth e Watson nell’ordine. Unico inserimento quello di Brandon de Jonge in quarta, che farebbe arretrare di un posto Stenson, Zach Johnson e Dustin Johnson. F ino al BMW Championship si proseguirà con questo sistema di punteggio, ma prima del Tour Championship i punti verranno resettati. Si manterrà la posizione di classifica, ma il leader partirà per la volata conclusiva con 2.000 punti, il secondo con 1.800, il terzo con 1.600, il quarto con 1.440, il quinto con 1.280 fino al 30° con 168.  In tal modo anche il 30° classificato ha la teorica possibilità di arrivare ai 10.000.000 di dollari, pure se la serie di concomitanze per accaparrarseli è quasi impossibile da realizzarsi, mentre ciascuno dei primi cinque con un successo avrebbe garantito il jackpot, che sarebbe di 11.485.000 dollari aggiungendovi il primo premio del torneo.   La FedEx Cup complessivamente distribuirà premi per 35 milioni di dollari. Felicissimo il vincitore, ma non andrà poi tanto male ai piazzati con tre milioni di dollari al secondo, due milioni al terzo, 1.5 al quarto e un milione al quinto. Nei quattro eventi dei Playoffs il montepremi è 33 milioni di dollari, 8.250.000 dollari per ciascuna gara con 1.485.000 dollari per il primo classificato.   Il torneo su Sky – Il Deutsche Bank Championship viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky con collegamenti ai seguenti orari: sabato 5 settembre, dalle ore 20,30 alle ore 0,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 6, dalle ore 20 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); lunedì 7, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD). Commento di Alessandro Lupi e di Roberto Zappa.   PROLOGO – L’australiano Jason Day, reduce da tre vittorie nell’arco di un mese e sorretto da uno splendido stato di forma, sarà l’uomo da battere nel Deutsche Bank Championship (4-7 settembre) –  insolitamente programmato dal venerdì al lunedì – sul percorso del TPC Boston, a Norton nel Massachusetts, secondo dei quattro tornei dei Playoffs che concludono sia il PGA Tour 2015, sia la FedEx Cup. Al termine di essi al vincitore di una speciale classifica a punti verranno assegnati i dieci milioni di prima moneta della FedEx Cup. Al momento è al comando proprio Day, che ha superato Jordan Spieth, il quale con il taglio subito nel The Barclasy, in un colpo solo ha perso la leadership nella FedEx stessa e soprattutto nel World Ranking, rendendo il trono al nordirlandese Rory McIlroy, dopo appena un settimana di regno. I due però sono divisi da 14 centesimi di punto, vale a dire che basta poco per ricambiare tutto.   Sono rimasti in gara 100 dei 125 concorrenti ammessi alla prima prova che poi si ridurranno a 70 nel BMW Championship (17-20 settembre) e a 30 nel Tour Championship (24-27 settembre), evento di chiusura.   Nella FedEx, come detto, è al comando Day (p. 4.459) seguito da Spieth (4.169), da Bubba Watson (3.167), dallo svedese Henrik Stenson (2.152), da Zach Johnson (2.049) e da Dustin Johnson (2.028). In ogni gara dei Playoffs al vincitore vanno 2.000 punti, al secondo 1.200, al terzo 760, al quarto 540, al quinto 440 e via a scalare, però dopo il BMW Championship i punti acquisiti verranno resettati. Rimarrà ovviamente lo stesso ordine di graduatoria, ma il primo partirà per la volata conclusiva con 2.000 punti, il secondo con 1.800, il terzo con 1.600, il quarto con 1.440, il quinto con 1.280 fino al 30° con 168.  In questo modo anche il 30° classificato ha la teorica possibilità di arrivare ai 10.000.000 di dollari, pure se la serie di concomitanze per accaparrarseli è quasi impossibile da realizzarsi. Ciascuno dei primi cinque, invece, con un successo avrebbe garantito il jackpot, che sarebbe di 11.485.000 dollari aggiungendoli il primo premio del torneo.   Dopo aver saltato il The Barclays, torna in campo Rory McIlroy, mentre sarà ancora assente lo spagnolo Sergio Garcia, unico tra i 100 aventi diritto. Sotto osservazione, naturalmente Jordan Spieth, soprattutto per vedere la sua reazione dopo lo scivolone precedente e anche lo stesso McIlroy, le cui condizioni fisiche, a seguito dello stop per l’incidente alla caviglia non sono certo ottimali. Quanto a Day può essere sorpassato solo da Spieth e da Watson, quest’ultimo piuttosto tonico e terzo nel The Barclays. Hanno buone chances di vincere, tra i più vicini a Day, anche Stenson, Zach Johnson e Dustin Johnson, mentre sembra un po’ appannato l’inglese Justin Rose (8° in FedEx).   Dovranno impegnarsi a fondo per arrivare al BMW Championship l’inglese Ian Poulter (69° in FedEx), Keegan Bradley (71°), Jason Dufner (82°), l’inglese Luke Donald (87°), Davis Love III (90°), Hunter Mahan (91°) e il colombiano Camilo Villegas (99°). Non corre rischi Chris Kirk (39°) campione uscente, che comunque avrà molte difficoltà a confermare il successo dello scorso anno. La FedEx Cup complessivamente distribuirà premi per 35 milioni di dollari. A nozze il vincitore, ma non andrà poi tanto male ai piazzati con tre milioni di dollari al secondo, due milioni al terzo, 1.5 al quarto e un milione al quinto. Nei quattro eventi dei Playoffs il montepremi è 33 milioni di dollari, 8.250.000 dollari per ciascuna gara con 1.485.000 dollari per il primo classificato.   Il torneo su Sky – Il Deutsche Bank Championship sarà teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione da Sky con collegamenti ai seguenti orari: venerdì 4 settembre, dalle ore 20,30 alle ore 0,30 (Sky Sport 3 HD); sabato 5, dalle ore 20,30 alle ore 0,30 (Sky Sport 2 HD); domenica 6, dalle ore 20 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD); lunedì 7, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 2 HD).   I risultati