fbpx

Pilsner Urquell Pro Tour: Niccolò Quintarelli brilla nel Valle d’Aosta Open

  29 Agosto 2012 News
Condividi su:

Italiani protagonisti nella prima giornata del Valle d’Aosta Open presented by Scuola Europa, torneo in calendario nell’Alps Tour e sesta tappa del Pilsner Urquell Pro Tour. Sul percorso del Golf Club Cervino (par 69) infatti è al comando con 62 colpi, sette sotto par, il veneto Niccolò Quintarelli, seguito con 64 (-5) dal toscano Alessio Bruschi e dal ligure Andrea Zanini (nella foto), affiancati al secondo posto dallo scozzese Kris Nicol e dal nordirlandese Richard Kilpatrick. Il gioco è stato sospeso per la pioggia con 21 concorrenti ancora in campo, ma la classifica non subirà sostanziali variazioni. Tra i giocatori giunti in club house seguono con 65 (-4) lo spagnolo Diego Suazo e i francesi Julien Foret, Thomas Fournier e Sebastien Gros, Hanno offerto una bella prestazione, sottolineata da un 66 (-3) Nunzio Lombardi, Benedetto Pastore, Pietro Ricci, Felice Crotti, Alessandro Grammatica e Joon Kim. In buona classifica Niccolò Gaggero e Antonio Iurilli, 25.i con 67 (-2) e a metà Gregory Molteni, 49° con 69 (par). In difficoltà Andrea Perrino, 104° con 73 (+4).

 

Sponsor dell’evento è Scuola Europa, noto istituto che sviluppa il suo processo educativo dal primo contatto degli allievi col mondo scolastico fino al termine dell’educazione superiore. L’insegnamento si estrinseca anche attraverso varie iniziative con soggiorni di studio all’estero, scambi culturali con altre nazioni e con una costante collaborazione tra docenti e famiglie. Co-sponsor la Regione Autonoma Valle d’Aosta che tiene in grande considerazione il golf come ulteriore veicolo per la promozione del turismo. Al torneo partecipano 132 concorrenti provenienti da 13 nazioni (Italia, Austria, Inghilterra, Spagna, Francia, Germania, Irlanda, Marocco, Scozia, Irlanda del Nord, Svizzera, Polonia e Norvegia) e si svolge sulla distanza di 54 buche, 18 al giorno. Al termine del secondo giro saranno ammessi al turno conclusivo i primi 40 classificati, i pari merito al 40° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di qualifica. Il montepremi è di 50.000 euro dei quali 7.250 andranno al vincitore. Il primo degli italiani riceverà il Trofeo CartaSi. Nei giorni di gara l’ingresso per pubblico è gratuito. L’evento, come detto, fa parte del Pilsner Urquell Pro Tour, il circuito di dieci gare nazionali allestito dal Comitato Organizzatore Tornei dei Professionisti della FIG del quale è presidente Alessandro Rogato. Oltre che dal brand che fa capo al gruppo Birra Peroni, il Pro Tour è sponsorizzato dal Major sponsor CartaSi, dal Fornitore ufficiale Under Armour, dal Partner ufficiale Webgolf. Media partner: Sky Sport HD; Commercial advisor: RCS Sport. Più che soddisfatto Niccolò Quintarelli: "Ho imbucato molto soprattutto sulle ultime nove buche, ho espresso un gioco pulito, quasi senza errori. Ho messo a segno quattro birdie di fila con putt anche di cinque metri, ho sfruttato bene le occasioni da birdie e un par cinque, dove ho realizzato un eagle. Il percorso ha un bel disegno e, per quanto mi riguarda, è uno dei campi di montagna più belli che abbia mai visto, non lo dico sull’entusiasmo della prestazione. Questo è un tracciato che si fa giocare, al contrario di altri in altura, ed è un gran pregio: in sostanza il buon golf viene premiato. Non ci sono particolare problemi per i 2.000 metri in cui ci stiamo esibendo dal punto di vista fisico: la differenza è che i tiri sono molto più lunghi del solito favoriti dall’aria. Comunque mi sto convincendo sempre più delle mie possibilità: del resto i risultati che ho ottenuto sono eloquenti. E ora in questa parte finale della stagione cercherò di migliorarmi ancora". Nel suo 62 un eagle, sei birdie e un bogey. Anche Zanini ha tratto conclusioni positive: "Sono partito con due birdie sulle prime tre buche che mi hanno dato morale. Ho puttato molto bene e poi è filato tutto liscio, anche se agli altri cinque birdie si sono aggiunti due bogey. Conosco abbastanza il campo perché sono anni che lo frequento: è sicuramente molto impegnativo, anche se corto, poiché vi sono parecchi ostacoli e fuori limite a ridosso della pista dove è facile sbagliare. Ora il fatto di conoscerlo è un discorso, poi ripetersi domani è tutt’altro, anche se sono molto fiducioso. E’ vero, mi sto dedicando anche all’insegnamento e quindi non gioco più a tempo pieno nel tour, però non ho intenzione di abbandonare le gare e di conseguenza mi alleno. Proverò a fare la Qualifying School dell’European Tour. Probabilmente lo score di oggi è anche il frutto del buon lavoro eseguito questa estate". Era atteso Molteni, che non è rimasto soddisfatto del suo par: "E’ una stagione in cui non mi va bene niente. Ho perso una palla all’inizio, ho segnato un doppio bogey e poi dopo dieci buche mi sono trovato quattro colpi sopra il par. Sono comunque riuscito a recuperare, però proprio non gira. Certo, il mio gioco non è buono come quello di cinque anni addietro, ma complessivamente non è poi così male. C’è però sempre qualcosa che va storto e, soprattutto, pago a volte anche esageratamente ogni minino errore". Nel suo parziale di 69 cinque birdie, un bogey e due doppi bogey. Tutte le notizie relative ai tornei del Pilsner Urquell Pro Tour, agli sponsor e ai circoli ospitanti vengono pubblicate sul sito ufficiale del circuito all’indirizzo: www.italianprotour.com  Il sito stesso è integrato con il Social Network Facebook dove è presente una pagina ufficiale (http://www.facebook.com/golfitalianprotour)   I risultati