fbpx

PGAs International: tedeschi al vertice, PGAI 12ª

La compagine PGAI
  22 Novembre 2018 News
Condividi su:

La rappresentativa della PGA Italiana (Michele Reale 70 71 74; Pietro Ricci 78 75 71; Andrea Rota 85 79 72), dodicesima con 437 (148 146 143, +11) colpi, è rimasta a metà classifica nel PGAs International Team Championship, dove si sta confrontando con le rappresentative di altre 22 associazioni europee.

Nuovo cambio della guardia in vetta alla classifica dove si è portata con 422 (142 141 139, -4) la Germania (Benjamin Frenzel 72 79 75; Dennis Kupper 70 69 69; Dennis Lohmann 72 72 70) che nella volata finale potrà contare su un colpo di vantaggio sull’Olanda (423, -3) e di due sul Belgio (424, -2), leader dopo due turni. Al quarto posto con 426 (par) la Danimarca, al quinto con 428 (+2) l’Inghilterra e al sesto con 429 (+3) il Galles e la Spagna.

Il torneo si sta disputando al Resort Costa Navarino, nella regione greca della Messinia nel Peloponneso. Il Resort dispone di due campi da golf, il The Dunes Course e il Navarino Bay. Teatro di gara il primo (par 71), firmato da Bernhard Langer, con alcune buche lungo il mare, con fairway e green ondulati e bunker piccoli e profondi, altre nella campagna tra ulivi e limoni.  Il montepremi è di 35.000 euro, con una prima moneta per team di 6.000 euro.

Nell’occasione si sta svolgendo anche l’Annual Congress, in cui si riuniscono i delegati delle 38 PGA nazionali che fanno parte della PGAs of Europe (33 continentali e 5 internazionali), in rappresentanza di 21.100 professionisti, per incontri e workshop mirati a condividere e a sviluppare l’attività professionale e le relazioni. (Nella foto, la rappresentativa PGAI: Pietro Ricci, Michele Reale, Andrea Rota)

I RISULTATI