fbpx

PGAs International: il team italiano al 13° posto

La compagine PGAI
  20 Novembre 2018 News
Condividi su:

La rappresentativa della PGA Italiana (Michele Reale 70, -1; Pietro Ricci 78, +7; Andrea Rota 85, +14) è al 13° posto con 148 (+6) colpi nel PGAs International Team Championship, dove si confronta con le rappresentative di altre 22 associazioni europee. Nell’occasione  si svolge anche l’Annual Congress, in cui si riuniscono i delegati delle 38 PGA nazionali che fanno parte della PGAs of Europe (33 continentali e 5 internazionali), in rappresentanza di 21.100 professionisti, con incontri e workshop mirati a condividere e a sviluppare l’attività professionale e le relazioni.

Ha preso il comando con 136 (-6) colpi la Svezia (Henrik Johnasson 71, par; Fredrik Larsson 75, +4; Johan Gullstrand 65, -6) davanti al Belgio (139, -3). In terza posizione con 141 (-1) Danimarca e Galles e in quinta con 142 (par) la Germania e l’Irlanda che difende il titolo.

Il torneo si sta svolgendo al Resort Costa Navarino, nella regione greca della Messinia nel Peloponneso. Il Resort dispone di due campi da golf, il The Dunes Course e il Navarino Bay. Teatro di gara il primo (par 71), firmato da Bernhard Langer, con alcune buche lungo il mare, con fairway e green ondulati e bunker piccoli e profondi, altre nella campagna tra ulivi e limoni.

All’evento si accede con requisiti precisi: un percorso didattico, un’attività in ambito golf su base continuativa per almeno 25 ore settimanali, non oltre quattro tornei giocati negli ultimi due anni (European Tour, Challenge Tour, Web.com Tour), che salgono a sei per Staysure Tour, Champions Tour e circuiti satelliti. Dunque, in pratica, un torneo rivolto soprattutto ai maestri. Il montepremi è di 35.000 euro, con una prima moneta per team di 6.000 euro. (Nella foto, la rappresentativa PGAI: Pietro Ricci, Michele Reale, Andrea Rota)

I RISULTATI