fbpx

PGA Tour: nella stableford prevale J.J. Henry

  06 Agosto 2012 News
Condividi su:

J.J. Henry, nella foto, ha vinto con 43 punti (10 12 14 7) il Reno Tahoe Open (PGA Tour), disputato sul percorso del Montreux G&CC (par 72), a Reno in Nevada, con una formula stableford modificata che assegnava otto punti per un albatross, cinque per un eagle, due per un birdie e ne toglieva uno per un bogey e tre per un doppio bogey o altro.

Il 37enne di Fairfield, nel Connecticut, ha colto il secondo successo nel circuito, a distanza di sei anni dal primo (Buick Championship, 2006) superando di un punto il brasiliano Alexandre Rocha, leader dopo due giri, e di due l’argentino Andres Romero, in vetta dopo il primo. Al quarto posto con 34 John Mallinger, al quinto con 33 John Daly e Justin Leonard, al sesto con 31 Josh Teater e al 19° con 24 l’irlandese Padraig Harrington. A Henry è andato un assegno di 540.000 dollari su un montepremi di tre milioni di dollari. Terzo giro – E’ nuovamente cambiata la classifica del Reno Tahoe Open (PGA Tour), che si sta disputando sul percorso del Montreux G&CC (par 72), a Reno in Nevada, dove il nuovo leader con 36 punti (10 12 14) è J.J. Henry, 37enne di Fairfield, nel Connecticut, con un titolo nel lontano 2006. Si gioca con una formula stableford modificata e si assegnano otto punti per un albatross, cinque per un eagle, due per un birdie e se ne perdono uno per un bogey, tre per un doppio bogey o altro. E’ sceso al secondo posto con 33 il brasiliano Alexandre Rocha, che era in vetta dopo due turni, e sono in zona titolo anche John Mallinger, terzo con 32, e l’argentino Andres Romero, quarto con 31. Sebbene con tale formula i colpi di scena siano sempre dietro l’angolo sembrano comunque fuori gioco Bill Lunde, John Daly e l’inglese Gary Christian, quinti con 28. E’ al 14° posto con 23 l’irlandese Padraig Harrington. Basso il montepremi, rispetto agli standard del tour: sono infatti in palio tre milioni di dollari (su una media di circa sei milioni) con prima moneta di 540.000 dollari. Secondo giro – Il brasiliano Alexandre Rocha conduce con 24 punti (8 16) il Reno Tahoe Open (PGA Tour), che si sta disputando sul percorso del Montreux G&CC (par 72), a Reno in Nevada, con una formula stablefond modificata. Si assegnano otto punti per un albatross, cinque per un eagle, due per un birdie e se ne perdono uno per un bogey, tre per un doppio bogey o altro. Rocha, 35enne di San Paolo del Brasile senza titoli nel circuito ma con nove successi conquistati quasi tutti tra Canada e Sudamerica, precede di due punti John Mallinger e J.J. Henry. A quarto posto con 21 l’indiano Arjun Atwal e l’argentino Andres Romero, leader dopo un giro, al sesto con 20 Matt Bettencourt e al settimo con 19 John Daly. L’irlandese Padraig Harrington è 23° con 14, mentre è uscito al taglio, caduto a 7 punti, il colombiano Camilo Villegas con 3. Basso il montepremi, rispetto agli standard del tour: sono infatti in palio tre milioni di dollari (su una media di circa sei milioni) con prima moneta di 540.000 dollari. Primo giro – Andres Romero è in vetta con 14 punti nel Reno Tahoe Open, torneo del PGA Tour che si disputa sul percorso del Montreux G&CC (par 72) a Reno in Nevada con un formula stableford modificata. Si assegnano otto punti per un albatross, cinque per un eagle, due per un birdie e se ne perdono uno per un bogey, tre per un doppio bogey o altro. Romero, 31enne argentino di Tucuman con un titolo nel circuito conquistato nel 2008 (Zurich Classic), ha realizzato sette birdie e precede di un punto il giovanissimo coreano Seung-Yul Noh. Seguono con 11 Josh Teater, Ricky Barnes e John Mallinger e con 10 Hunter Haas, J.J. Henry, John Daly, Patrick Cantlay e il neozelandese Danny Lee. Al 22° posto con 7 punti l’irlandese Padraig Harrington e il colombiano Camilo Villegas. Basso il montepremi, rispetto agli standard del tour: sono infatti in palio tre milioni di dollari (su una media di circa sei milioni) con prima moneta di 540.000 dollari. Prologo – Il PGA non dimentica i giocatori che non vengono ammessi alle grandi gare mondiale e quasi sempre in concomitanza con una di esse (in questo caso con il WGC Bridgestone Invitational) propone un torneo di seconda fascia, quanto a montepremi.

Infatti nel Reno Tahoe Open (2-5 agosto), sul percorso del Montreux G&CC a Reno in Nevada, si giocherà per soli (si fa per dire) tre milioni di dollari, con prima moneta di 540.000 dollari, ossia la metà praticamente dello standard minimo abituale del circuito. Nel field Ricky Barnes, J.J. Henry, J.B. Holmes, Chris Riley, John Rollins, Heath Slocum, Stewart Cink, l’irlandese Padraig Harrington, il colombiano Camilo Villegas e il canadese Mike Weir. Il torneo si svolge con una formula stableford modificata.   I risultati