PGA Tour: gara con pubblico alle Bermuda. Todd defender

Todd Brendon 1
  28 Ottobre 2020 News
Condividi su:

Brendon Todd difende il titolo nel Bermuda Championship (29 ottobre.1 novembre), sul percorso del Port Royal Golf Course, a Southampton nelle Isole Bermuda, il primo torneo del PGA Tour dopo il lockdowan a cui sarà ammesso il pubblico. In limiti contenuti, 500 persone al giorno, e con rigide misure d sicurezza per salvaguardare una nazione dove il livello dei contagi è molto basso.

Il field comprende cinque campioni major, Stewart Cink, Jason Dufner, lo svedese Henrik Stenson, l’inglese Danny Willett e l’irlandese Padraig Harrington, che sarà il capitano del Team Europe alla prossima Ryder Cup (Wisconsin, 2021) insieme a un gruppo di buoni giocatori che possono dare vivacità all’evento. Ricordiamo Hudson Swafford, Harold Varner III, Brian Stuard, Robert Streb, Hunter Mahan, l’argentino Emiliano Grillo, il sudafricano Branden Grace e l’austriaco Sepp Straka.

Da seguire il norvegese Kristoffer Ventura ai primi passi sul circuito (dopo due successi lo scorso anno nel Korn Ferry Tour) in cui ha ottenuto due top ten su quattro gare, e Will Zalatoris, che sul secondo tour statunitense ha praticamente dominato nel 2020 con un successo, altre nove top ten e la leadership nell’ordine di merito. Ora con tre piazzamenti tra i primi dieci in quattro gare disputate sul circuito maggiore 2020-2021, gli mancano tre soli tre punti in FedEx Cup per ottenere la Special Temporary Membership e rimanere a tempo pieno tra gli eletti, ma avrà comunque la ‘carta’ attraverso il Korn Ferry.

Ha buone possibilità di ripetersi Brendon Todd, (nella foto) 35enne di Pittsbourgh (Pennsylvania), e portare a quattro i suoi titoli. Il montepremi è inferiore rispetto agli standard del tour, ma 4.000.000 di dollari sono sempre da rispettare.

Il torneo su GOLFTV – Il Bermuda Championship viene trasmesso in diretta da GOLFTV, piattaforma streaming di Discovery (info www.golf.tv/it), con collegamenti ai seguenti orari: da giovedì 29 ottobre a domenica 1 novembre, dalle ore 17 alle ore 20. Commento di Nicola Pomponi, Marco Durante e di Federico Colombo.