fbpx

PGA Tour: D.A. Points vince a sorpresa in panne Rory McIlroy

  01 Aprile 2013 News
Condividi su:

D.A. Points (272 – 64 71 71 66, -16), nella foto, ha vinto un po’ a sorpresa lo Shell Houston Open (PGA Tour), che si è svolto sul tracciato del Redstone CC (par 72), a Humble in Texas. Il 37enne di Pekin nell’Illinois ha effettuato il giro finale in 66 (-6) colpi realizzando sei birdie nelle prime 13 buche poi ha proseguito in par, riuscendo a mantenere il minimo margine. Sono terminati a un colpo Billy Horschel e lo svedese Henrik Stenson (273, -15), il quale ha tentato senza fortuna di arrivare almeno al play off con quattro birdie nelle ultime cinque buche (parziale di 66), e si sono classificati al quarto posto con 274 (-14) Dustin Johnson e Ben Crane. In decima posizione con 277 (-11) Keegan Bradley, il sudafricano Louis Oosthuizen e l’inglese Lee Westwood e in 16ª con 278 (-10) l’argentino Angel Cabrera e Phil Mickelson, uno dei due mancati protagonisti dell’evento. L’altro è stato il nordirlandese Rory McIlroy, deciso a riprendersi la leadership mondiale che gli era stata strappata la settimana prima da Tiger Woods, ma non è andato oltre il 45° posto con 284 (-4). Nel world ranking Woods ha 11,75 punti contro i 10,87 di McIlroy. D.A. Points per il successo ha percepito 1.116.000 dollari su un montepremi di 6.200.000 dollari. Terzo giro – Rory McIlroy, nella foto, 48° con 214 (-2), è rimasto in bassa classifica nello Shell Houston Open (PGA Tour) e dovrà rimandare ad altra occasione il sorpasso di Tiger Woods in vetta alla classifica mondiale. Sul percorso del Redstone CC (par 72), a Humble in Texas, sono passati a condurre con 205 (-11) Stewart Cink e Bill Haas, che precedono di un colpo Ben Crane D.A. Points, Jason Kokrak e Steve Wheatcroft, quest’ultimo in vetta dopo due turni. Sono al settimo posto con 207 (-9) e in condizioni di vincere quasi tutti gli altri giocatori che, insieme a McIlroy, godevano dei favori della vigilia: Keegan Bradley, il sudafricano Louis Oosthuizen, l’inglese Lee Westwood, lo svedese Henrik Stenson e l’argentino Angel Cabrera, affiancati da Bud Cauley, Billy Horschel, Kevin Chappell e Cameron Tringale, così come ha qualche chance anche Phil Mickelson volato dal 54° al 21° posto con 210 (-6) dopo un 67 (-5). Il montepremi è di 6,2 milioni di dollari con prima moneta di 1.080.000 dollari. Il torneo su Sky – La giornata finale dello Shell Houston Open andrà in onda in diretta e in esclusiva sulla TV satellitare Sky con collegamento dalle ore 21 alle ore 24  (Sky Sport 2 e 2 HD). Commento di Francesca Piantanida e di Nicola Pomponi. Secondo giro – Rory McIlroy, 54° con 143 colpi (73 70, -1) nello Shell Houston Open (PGA Tour), dovrà molto probabilmente rimandare a una prossima occasione il sorpasso di Tiger Woods in vetta alla classifica mondiale. Sul percorso del Redstone CC (par 72) a Humble in Texas, il nordirlandese, infatti, ha superato il taglio con l’ultimo punteggio utile, come ha fatto anche Phil Mickelson (72 71), ed entrambi dovrebbero compiere un autentico miracolo onde competere per il titolo, avendo nove colpi di ritardo dal leader. Con i big in panne c’è spazio in cima alla graduatoria per gli outsider, così si è guadagnato il suo giorno di gloria Steve Wheatcroft, al comando con 134 (67 67, -10), giocatore di Indiana, in Pennsylvania che alterna la carriera tra PGA Tour e Web.com Tour di cui attualmente è membro. Seguono con 135 (-9) Jason Kokrak e D.A. Points e con 137 (-7) Stewart Cink e l’inglese Brian Davis. Al sesto posto con 138 (-6) Bill Haas, Cameron Tringale e l’argentino Angel Cabrera, al nono con 139 (-5) Dustin Johnson, Boo Weekley e lo svedese Henrik Stenson, al 27° con 141 (-3) Steve Stricker, che ha fatto un bel passo in avanti, mentre è retrocesso il sudafricano Louis Oosthuizen, 38° con 142 (-2). Out il campione uscente Hunter Mahan (145, +1), fuori per due colpi, e l’inglese Paul Casey (157 (+13). Il montepremi è di 6,2 milioni di dollari con prima moneta di 1.080.000 dollari. Il torneo su Sky – Lo Shell Houston Open va in onda in diretta e in esclusiva sulla TV satellitare Sky con i seguenti orari: sabato 30 marzo, dalle ore 20 alle ore 23 (Sky Sport 3 e 3 HD); domenica 31, dalle ore 21 alle ore 24  (Sky Sport 2 e 2 HD). Commento di Francesca Piantanida e di Nicola Pomponi. Primo giro – Inizio decisamente sotto tono per Phil Mickelson, 64° con 72 (par), e per il nordirlandese Rory McIlroy, 88° con 73 (+1), nello Shell Houston Open, torneo del PGA Tour che si disputa al Redstone CC (par 72) di Humble in Texas. E’ in vetta con 64 (-8) D. A. Point, 37enne dell’Illinois con un titolo nel circuito e quattro nel Web.com Tour, il quale precede Cameron Tringlale e John Rollins, secondi con 65 (-7). Al quarto posto con 66 (-6) Jason Kokrak e l’argentino Angel Cabrera, al sesto con 67 (-5) Jeff Overton, Steve Whaetcroft e l’inglese Brian Davis, al 28° con 70 (-2) Keegan Bradley e il sudafricano Louis Oosthuizen. Insieme a Mickelson, che cerca la miglior condizione in vista del Masters (primo major stagionale, Augusta National, 11-14 aprile), e a McIlroy, che invece vorrebbe riprendersi subito la leadership mondiale che Tiger Woods gli ha tolto domenica scorsa, sono partiti con il piede sbagliato anche Steve Stricker, che ha lo stesso score dei McIlroy, il campione uscente Hunter Mahan, 106° con 74 (+2), e l’inglese Paul Casey, 139° con 76 (+4). Il montepremi è di 6,2 milioni di dollari con prima moneta di 1.080.000 dollari. Il torneo su Sky – Lo Shell Houston Open va in onda in esclusiva sulla TV satellitare Sky con i seguenti orari: venerdì 29 marzo, dalle ore 22 alle ore 1,00 (Sky Sport 2 e 2 HD, differita); sabato 30, dalle ore 20 alle ore 23 (Sky Sport 3 e 3 HD, diretta); domenica 31, dalle ore 21 alle ore 24  (Sky Sport 2 e 2 HD, diretta). Commento di Francesca Piantanida e di Nicola Pomponi. Prologo – Hunter Mahan difende il titolo nello Shell Houston Open (28-31 marzo), torneo del PGA Tour che si disputa al Redstone CC di Humble in Texas, ma i fari saranno sicuramente puntati sul nordirlandese Rory McIlroy, teso a recuperare la leadership mondiale che Tiger Woods gli ha strappato domenica scorsa, e Phil Mickelson, che alterna ottime prestazioni come il terzo posto nel WGC Cadillac Championship e tagli inattesi come quello subito nell’Arnold Palmer Invitational. Malgrado alcuni bigs abbiano deciso per una settimana di riposo, Tiger Woods compreso, la partecipazione è comunque buona per la presenza anche di Keegan Bradley, Brandt Snedeker, Steve Stricker, degli inglesi Lee Westwood e Paul Casey, del sudafricano Louis Oosthuizen, dell’australiano Geoff Ogilvy e dell’argentino Angel Cabrera. Da seguire il danese Thorbjon Olesen, alle prime esperienze nel circuito americano e autore di una rimarchevole prova nell’Arnold Palmer (settimo). Il montepremi è di 6,2 milioni di dollari con prima moneta di 1.080.000 dollari. Il torneo su Sky – Lo Shell Houston Open andrà in onda in esclusiva sulla TV satellitare Sky con i seguenti orari: giovedì 28 marzo, dalle ore 21 alle ore 24 (Sky Sport 3 e 3 HD, diretta); venerdì 29 marzo, dalle ore 22 alle ore 1,00 (Sky Sport 2 e 2 HD, differita); sabato 30, dalle ore 20 alle ore 23 (Sky Sport 3 e 3 HD, diretta); domenica 31, dalle ore 21 alle ore 24  (Sky Sport 2 e 2 HD, diretta). Commento di Francesca Piantanida, Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   I risultati