fbpx

PGA Tour: Brandt Snedeker trionfa nell’AT&T Pro Am

  16 Febbraio 2015 News
Condividi su:

Brandt Snedeker (nella foto) ha portato a sette i suoi titoli nel PGA Tour vincendo con 265 colpi (64 67 67 67, -22) l’AT&T Pebble Beach National Pro Am, torneo disputato con formula pro am sui tre percorsi del Pebble Beach GL (par 72), dello Spyglass Hill GC (par 72) e del Monterey Peninsula CC (par 71), a Pebble Beach in California. Il 35enne di Nashville, che nel 2012 si è imposto nella FedEx Cup intascando i dieci milioni di dollari di premio, ha firmato la sua seconda vittoria nell’AT&T, dopo quella del 2013, grazie a un giro finale in 67 (-5, con cinque birdie) che gli ha permesso di lasciare a debita distanza Nick Watney (268, -19). In terza posizione con 269 (-18) Charlie Beljan, in quarta con 270 (-17) Dustin Johnson, ritornato alle gare dopo uno stop per problemi personali, Pat Perez e l’australiano Jason Day, e solo in settima  con 271 (-16) Jim Furyk, leader dopo tre turni e che ancora una volta non è riuscito a cogliere il 17° successo nel circuito che ormai gli sfugge da cinque anni.  Con lo stesso score anche Jordan Spieth e Matt Jones e più indietro Jimmy Walker, campione uscente, 21° con 274 (-13), il fijiano Vijay Singh, 34° con 276 (-11), e Hunter Mahan, 54° con 280 (-7). Il vincitore ha percepito un assegno di 1.224.000 dollari su un montepremi di 6.800.000 dollari.

Terzo giro – Jim Furyk è il nuovo leader con 197 colpi (64 70 63, -18) dell’AT&T Pebble Beach National Pro Am, una delle classiche nel calendario del PGA Tour che si svolge con formula pro am. Il torneo si concluderà sul tracciato del Pebble Beach GL (par 72) dopo che i concorrenti si sono alternati nei primi tre giri anche sui percorsi dello Spyglass Hill GC (par 72) e del Monterey Peninsula CC (par 71), a Pebble Beach in California.

Furyk, 45enne di West Chester (Pennsylvania) con 16 titoli nel circuito, comprensivi di un maior, ha girato in 63 (-9, con nove birdie) sul Pebble Beach GL e si è procurato l’occasione per tornare al successo dopo cinque anni, ma dovrà difendere un vantaggio piuttosto esiguo su Brandt Snedeker e su Matt Jones, secondi con 198 (-17), e su Nick Watney, quarto con 199 (-16). Non dovrà nemmeno sottovalutare Kevin Chappell, quinto con 201 (-14), Andres Gonzales, Jon Curran, Pat Perez e Daniel Berger, sesti con 202 (-13). Sono fuori gioco, salvo imprevedibili sorprese, Jordan Spieth e l’australiano Jason Day, 10.i con 203 (-12), Dustin Johnson, 17° con 204 (-11), e Jimmy Walker, campione uscente, 24° con 205 (-10). In cerca di posizioni più consone alle loro qualità il fijiano Vijay Singh, 40° con 207 (-8) e Hunter Mahan, 51° con 208 (-7). Sono rimasti fuori al taglio, caduto a 209 (-6), l’inglese Ian Poulter, 77° con 210 (-5), l’irlandese Padraig Harrington, 91° con 211 (-4), e il sudafricano Ernie Els, 118° con 214 (-1). Il montepremi è di 6.800.000 dollari con prima moneta di 1.224.000 dollari. Il torneo su Sky – La giornata finale dell’AT&T Pebble Beach National Pro Am sarà teletrasmessa in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 3 HD, con collegamento domenica 15 febbraio, dalle ore 21 alle ore 0,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   Secondo giro  – Matt Jones e Brandt Snedeker guidano con “meno 12” la classifica dell’AT&T Pebble Beach National Pro Am, che si sta disputando con formula pro am sui tre percorsi dello Spyglass Hill GC (par 72), del Pebble Beach GL (par 72) e del Monterey Peninsula CC (par 71), a Pebble Beach in California. La classifica fa riferimento al par essendo differente quello dei tre campi. Jones (131 – 65 su MP 66 su SH) e Snedeker (131 – 64 MP 67 SH) precedono di un colpo Justin Hicks (132 – 64 PB 68 MP). Al quarto posto con “meno 10” Charlie Beljan, Michael Putnam, Chez Reavie e Daniel Berger, al 14° con “meno 9” Jim Furyk e l’australiano Jason Day, al 19° con “meno 8” Jordan Spieth, al 26° con “meno 7” Dustin Johnson e il fijiano Vijay Singh. Accusano ritardi maggiori Jimmy Walker, campione uscente, e l’inglese Ian Poulter, 50.i con “meno 5”, Hunter Mahan e l’irlandese Padraig Harrington, 60.i con “meno 4”, e il sudafricano Ernie Els, 95° con “meno 2” Il montepremi è di 6.800.000 dollari con prima moneta di 1.224.000 dollari. Il torneo su Sky – L’AT&T Pebble Beach National Pro Am viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 3 HD, con collegamento ai seguenti orari: sabato 14 febbaio, dalle ore 21 alle ore 24; domenica 15, dalle ore 21 alle ore 0,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi. ​Primo giro – Sui tre percorsi dello Spyglass Hill GC (par 72), del Pebble Beach GL (par 72) e del Monterey Peninsula CC (par 71), a Pebble Beach in California, è iniziato l’AT&T Pebble Beach National Pro Am, una delle gare classiche nel calendario del PGA Tour che si disputa con formula pro am. La classifica fa riferimento al par essendo differente quello dei tre campi. Sono al comando con “meno 8” J.B. Holmes e Justin Hicks, entrambi con un 64 al Pebble Beach GL, seguiti con “meno 7” da Chesson Hadley, Jim Furyk, Brandt Snedeker (tutti 64 MP), Dudley Hart, John Daly e da J.J. Henry (tutti 65 PB). Al 15° posto con “-5” il fijiano Vijay Singh (67 SH), al 26° con “-4” Hunter Mahan (68 PB) e l’irlandese Padraig Harrington (68 PB), al 38° con “-3” Jordan Spieth (68 MP), al 59° con “-2” Dustin Johnson (69 MP) e il sudafricano Ernie Els (70 PB), all’82° con “-1” l’inglese Ian Poulter (70 MP) e al 99° con il par Jimmy Walker (72 SH) , campione uscente, e l’australiano Jason Day (72 PB), a segno domenica scorsa nel Farmers Insurance Open. Holmes ha realizzato un eagle, sette birdie e un bogey, Hicks un eagle e sei birdie. Il montepremi è di 6.800.000 dollari con prima moneta di 1.224.000 dollari. Il torneo su Sky – L’AT&T Pebble Beach National Pro Am viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 3 HD, con collegamento ai seguenti orari: venerdì 13 febbario, dalle ore 22,30 alle ore 24; sabato 14, dalle ore 21 alle ore 24; domenica 15, dalle ore 21 alle ore 0,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi. Prologo– Si gioca una classica del PGA Tour, l’AT&T Pebble Beach National Pro Am (12-15 febbraio), gara con formula pro-am in programma sui tre percorsi dello Spyglass Hill GC, del Pebble Beach GL e del Monterey Peninsula CC, a Pebble Beach in California. Difende il titolo Jimmy Walker in un contesto che comprende, tra gli altri, Jim Furyk, al debutto stagionale, Dustin Johnson, al secondo evento dopo il lungo stop dovuto a problemi personali, Hunter Mahan, Ryan Palmer, Brandt Snedeker, Jordan Spieth, Nick Watney, l’australiano Jason Day, vincitore nella scorsa settimana nel Farmers Insurance Open, il sudafricano Ernie Els, l’inglese Ian Poulter, il tedesco Marcel Siem, lo svedese Jonas Blixt, l’irlandese Padraig Harrington, il canadese Graham DeLaet e il fijiano Vijay Singh. Il montepremi è di 6.800.000 dollari con prima moneta di 1.224.000 dollari. Il torneo su Sky – L’AT&T Pebble Beach National Pro Am sarà teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canale Sky Sport 3 HD, con collegamento ai seguenti orari: giovedì 12 febbraio, dalle ore 21 alle ore 24; venerdì 13, dalle ore 22,30 alle ore 24; sabato 14, dalle ore 21 alle ore 24; domenica 15, dalle ore 21 alle ore 0,30. Commento di Silvio Grappasonni e di Nicola Pomponi.   I risultati   LET: IN AUSTRALIA TRIO AL VERTICE – Trio al vertice con 215 colpi (-4) composto dalla coreana Eun Woo Choi (69 71 75) e dalle inglesi Charley Hull (70 70 75) e Holly Clyburn (70 71 74) nel RACV Ladies Masters, gara inaugurale del Ladies European Tour e anche inserita nel calendario dell’Australian LPG Tour, in svolgimento sul percorso del Royal Pines (par 73) nella Gold Coast australiana, e alla quale non partecipano giocatrici italiane. In una classifica piuttosto corta seguono al quarto posto con 216 (-3) la finlandese Tonje Daffinrud e le australiane Su-Hyun Oh e Rebecca Artis, in vetta dopo due turni, al settimo con 217 (-2) la statunitense Michelle Koh, la dilettante australiana Rebecca Kay e la taiwanese Ssu-Chia Cheng, argento nell’individuale ai Giochi Olimpici giovanili, e al 10° con 218 (-1) la sudafricana Lee-Anne Pace, la svedese Camilla Lennarth e l’americana Amy Boulden. La matematica concede speranze di successo anche alla francese Gwladys Nocera e alle inglesi Florentyna Parker e Melissa Reid, 13.e con 219 (par). Ha rimontato metà graduatoria Cheyenne Woods, nipote di Tiger Woods, da 61ª a 37ª con 224 (+5). Il montepremi è di 250.000 euro. Secondo giro – L’australiana Rebecca Artis è salita al vertice  con 137 colpi (71 66, -9) nel RACV Ladies Masters, gara inaugurale del Ladies European Tour e anche nel calendario dell’Australian LPG Tour, che si sta disputando sul percorso del Royal Pines (par 73) nella Gold Coast australiana, e alla quale non partecipano giocatrici italiane. La 27enne australiana di Coonabarabran, con un titolo nel circuito, ha lasciato a tre colpi l’inglese Charley Hull e la coreana Eun Woo Choi (140, -6) e a quattro l’altra inglese Holly Clyburn (141, -5). In risalita la francese Gwladys Nocera e la taiwanese Ssu-Chia Cheng, argento nell’individuale ai Giochi Olimpici giovanili, quinte con 143 (-3), in regresso la canadese Lorie Kane, un passato nel LPGA Tour, 12ª con 145 (-1) alla pari con l’inglese Melissa Reid, stabile la sudafricana Lee-Anne Pace, 20ª con 146 (par), e scivolone dell’americana Cheyenne Woods, nipote di Tiger Woods, da 22ª a 61ª con 151 (+5) dopo un 78 (+5). Il montepremi è di 250.000 euro. Primo giro – Due diciannovenni, la coreana Eun Woo Choi e l’australiana Su-Hyun Oh, sono al comando con 69 (-4) colpi nel RACV Ladies Masters, gara inaugurale del Ladies European Tour e anche nel calendario dell’Australian LPG Tour, che si sta disputando sul percorso del Royal Pines (par 73) nella Gold Coast australiana. Non vi partecipano giocatrici italiane. Sono al terzo posto con 70 (-3) l’australiana Katherine Kirk, la norvegese Caroline Martens e le inglesi Holly Clyburn e Charley Hull e al settimo con 71 (-2) le australiane Hannah Green e Rebecca Artis, l’inglese Florentyna Parker, la svedese Camilla Lennarth, la thailandese Pennapa Plusawath e la canadese Lorie Kane, che ha lunghi trascorsi sul LPGA Tour. In buona posizione la francese Gwladys Nocera e l’inglese Melissa Reid, 13.e con 72 (-1), la sudafricana Lee Anne Pace, la transalpina Anne-Lise Caudal, l’inglese Felicity Johnson e l’americana Cheyenne Woods, nipote di Tiger Woods, 22.e con 73 (par). Il montepremi è di 250.000 euro. Prologo– Nessuna giocatrice italiana prende parte al RACV Ladies Masters (12-15 febbraio), torneo inaugurale del Ladies European Tour e anche nel calendario dell’Australian LPG Tour, che si svolge sul percorso del Royal Pines nella Gold Coast australiana. Tra le possibili protagoniste le proettes di casa Stacey Keating, Nikki Garrett e Stephanie Na, le inglesi Laura Davies, Melissa Reid, Charley Hull e Holly Clyburn, la svedese Sophie Gustafson, le scozzesi Kylie Walker e Carly Booth, le sudafricane Lee-Anne Pace e Connie Chen, le francesi Gwladys Nocera e Valentine Derrey, le statunitensi Beth Allen e Cheyenne Woods, che difende il titolo, e due veterane con una lunga carriera nel LPGA Tour, l’australiana Rachel Hetherington e la canadese Lorie Kane. Il montepremi è di 250.000 euro.   I risultati