fbpx

PGA Championship: in vetta Adam Scott e Jim Furyk F. Molinari e Manassero 74.i

  09 Agosto 2013 News
Condividi su:

Francesco Molinari e Matteo Manassero sono al 74° posto con 72 (+2) colpi dopo il giro iniziale del PGA Championship, quarto e ultimo major stagionale che si sta svolgendo all’East Course (yards 7.163, par 70) dell’Oak Hill CC, a Rochester nello stato di New York. Guidano la graduatoria con 65 (-5) colpi Jim Furyk e l’australiano Adam Scott, i quali precedono di misura l’inglese Lee Westwood e il canadese David Hearn (66, -4). In quinta posizione con 67 (-3) Matt Kuchar, Robert Garrigus, Scott Piercy, l’inglese Paul Casey e gli australiani Marcus Fraser e Jason Day. Sono piuttosto attardati Tiger Woods, Phil Mickelson, l’inglese Luke Donald e il sudafricano Charl Schwartzel 50.i con 71 (+1), mentre si trovano in posizione migliore quasi tutti gli altri giocatori più noti. Sono all’11° posto con 68 (-2) Steve Stricker, lo svedese Henrik Seanson, lo spagnolo Miguel Angel Jimenez, il tedesco Martin Kaymer e l’inglese Justin Rose, al 22° con 69 (-1) il nordirlandese Rory McIlroy, campione uscente, lo spagnolo Sergio Garcia e Zach Johnson, e al 36° con 70 (par) Hunter Mahan, Brandt Snedeker, Bubba Watson, l’inglese Ian Poulter, il nordirlandese Graeme McDowell, il fijano Vijay Singh e il thailandese Thongchai Jaidee. In grossa difficoltà il sudafricano Ernie Els, 108° con 74 (+4), l’irlandese Padraig Harrington, 132° con 76 (+6), e l’argentino Angel Cabrera, 152° con 80 (+10). Furyk, un po’ a sorpresa in vetta poiché non aveva mostrato particolate brillantezza nelle ultime esibizioni, e Scott hanno tenuto lo stesso passo con sei birdie e un bogey. L’australiano ne ha infilati cinque di fila dalla buca 4 alla 8. “Probabilmente – ha detto – è il miglior giro che abbia mai effettuato. Ho eseguito ottimi colpi e non mi sono mai lasciato troppo lavoro sui green. Quando si hanno di queste giornate bisogna approfittarne. Ero un po’ nervoso sulle prime due buche, poi però mi sono disteso. Cominciare con un 65 un torneo nel quale ci sono i migliori giocatori del mondo lascia una bellissima sensazione”. Altalenante McIlroy, con cinque birdie e quattro bogey, e buono il cammino di Woods per 17 buche, condotte con due birdie e un bogey, poi è precipitato in classifica con un doppio bogey sull’ultima, penalizzato dal rough e da un bunker. Luci e ombre per Mickelson con quattro birdie, un bogey e due doppi bogey. I due azzurri hanno entrambi iniziato dalla buca 10. Molinari ha messo a segno subito due birdie, ma è finito immediatamente sopra par con un triplo bogey alla sesta buca giocata a cui ha aggiunto un bogey per un giro di boa in 37 (+2). Rientro con un bogey e un birdie per un 35 (par). Anche Manassero ha avuto una partenza un po’ complicata che si è risolta con due birdie e tre bogey e un passaggio alla 18 (la nona per lui) con un 36 (+1). Nel ritorno ha realizzato tre birdie sulle prime quattro buche con i quali è balzato all’11° posto in graduatoria, ma subito dopo è arrivata la sequenza doppio bogey-bogey-bogey che gli è costata una sessantina di posizioni. Il montepremi è di otto milioni di dollari. Il torneo su Sky – Il PGA Championship viene teletrasmesso in diretta, in esclusiva e in alta definizione dalla TV satellitare Sky, sul canali Sky Sport 3 e Sky Sport 3 HD con i seguenti orari: venerdì 9 agosto, dalle ore 19 alle ore 1; sabato 10 e domenica 11, dalle ore 20 alle ore 1. Commento di Silvio Grappasonni, di Nicola Pomponi e di Roberto Zappa. Ogni diretta sarà anticipata di 30 minuti da Studio Golf condotto da Francesca Piantanida. Repliche: da sabato 10 agosto a lunedì 12, dalle ore 7,30 (Sky Sport 2 e 2 HD)  e dalle ore 14 (Sky Sport 3 e 3 HD).   I risultati