fbpx

Nella Copa R.C.G. Sotogrande Renato Paratore terzo Roberta Liti settima

  16 Marzo 2013 News
Condividi su:

​ Sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice in Spagna, si è conclusa la 44ª edizione della Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship dove nelle graduatorie individuali hanno ottenuto un bel risultato Renato Paratore (nella foto), terzo, e Roberta Liti, settima. Nel torneo maschile l’Italia (Renato Paratore 74 72 71 69, Filippo Campigli 74 69 78 73, Corrado De Stefani 79 76 75 76, Giulio Castagnara 79 74 76 77) è terminata ottava con 882 colpi nella graduatoria a squadre dove ha prevalso con 856 l’Inghilterra (Nathan Kimsey, Garric Porteous, Toby Tree, Max Orrin), che nel giro finale ha superato la Francia (862). In terza posizione l’Irlanda (869), quindi il Portogallo (874), la Germania (875), la Danimarca (878) e la Spagna (881) che difendeva il titolo. Nell’individuale il francese Adrien Saddier, uno dei favoriti, ha concluso con 283 colpi (72 70 67 74) alla pari con il tedesco Maximilian Roehrig (72 68 72 71), che lo aveva raggiunto sull’ultimo green, ma poi ha prevalso con un par alla seconda buca supplementare. Paratore, che è stato sempre in alta classifica, ha concluso con 286 insieme al danese Christian Gloet e la coppia ha preceduto gli inglesi Toby Tree, quinto con 287, Max Orrin e Garric Porteous, sesti con 288. Al 16° posto con 294 Filippo Campigli, al 58° con 306 Corrado De Stefani e Giulio Castagnara. Nel campionato femminile doppietta spagnola con il titolo a squadre, ritornato alle iberiche che lo avevano già conquistato nel 2010 e 2011, e quello individuale appannaggio di Patricia Sanz. Le padrone di casa (Patricia Sanz, Clara Baena, Silvia Bañon) hanno vinto con 585 colpi davanti a Germania (590), Galles (596) e Inghilterra (598). Per l’Italia (Roberta Liti 75 77 73 75, Virginia Elena Carta 80 82 77 72, Bianca Maria Fabrizio 88 76 83 77), un bel quinto posto con 605 strappato sul fio di lana alla Danimarca (607), che era avanti dopo la terza frazione, e settimo per la Francia (608), a segno lo scorso anno. Nell’individuale la Sanz (287 – 74 71 69 73) ha praticamente fatto gara per suo conto, lasciano a notevole distanza la gallese Chloe Williams (294), la danese Nicole Larsen (297), l’inglese Georgia Hall (298), la tedesca Antonia Scherer e la slovena Katja Pogacar (299). Per la Liti 300 colpi, alla pari con l’iberica Clara Baena, quindi 25ª Virginia Elena Carta con 311 e 32ª Bianca Maria Fabrizio con 324. Hanno accompagnato gli azzurri gli allenatori Alberto Binaghi ed Enrico Trentin. Terzo giro – L’Italia (Filippo Campigli 74 69 78, Renato Paratore 74 72 71, Corrado De Stefani 79 76 75, Giulio Castagnara 79 74 76) è scesa dal sesto al settimo posto con 664 colpi nel torneo maschile della 44ª Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship che si conclude sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice in Spagna. Ha mantenuto il comando la Francia con 646 colpi, ma l’Inghilterra ha accorciato le distanze (648) e sicuramente le due formazioni daranno vita a un duello finale molto acceso. Difficile che possano entrare in gioco la Germania, terza con 656, il Portogallo (657), i campioni uscenti della Spagna (658) e l’Irlanda (659). Nell’individuale nuovo leader è il transalpino Adrien Saddier (209 – 72 70 67), uno dei favoriti alla vigilia, che ha sorpassato il tedesco Maximilian Roehrig (212). Al terzo posto con 216 l’inglese Toby Tree e al quarto con 217 un brillante Renato Paratore, che può puntare al podio così come coloro che lo affiancano, il gallese Jason Shufflebotham, il danese Christian Gloet e il transalpino Pierre Mazier. Ha perso terreno Filippo Campigli, da terzo a 16° con 221, e sono poco oltre metà graduatoria Giulio Castagnara, 47° con 229, e Corrado De Stefani, 52° con 230. Nel campionato femminile le azzurre (Roberta Liti 75 77 73, Virginia Elena Carta 80 82 77, Bianca Maria Fabrizio 88 76 83), seste con 458, hanno guadagnato una posizione. La Spagna (438) vincitrice delle edizioni 2010 e 2011, ha allungato il passo e inizierà il giro finale con un margine di sei colpi sul Galles e sulla Germania (444). Al quarto posto l’Inghilterra (453), al quinto la Danimarca (457), al settimo l’Olanda e la Francia (459), che non ha più chances di bissare il successo dello scorso anno, al nono la Slovenia (460). Le iberiche hanno buone possibilità di fare l’en-plein, poiché nella graduatoria individuale Patricia Sanz (214 – 74 71 69) ha quattro colpi di vantaggio sulla gallese Chloe Williams (218) e sette sulla danese Nicole Larsen (221). Quarta la slovena Katja Pogacar (222), quinte l’inglese Georgia Hall e la spagnola Clara Baena (224) e settima Roberta Liti (225) che ha risalito di due gradini la classifica. Sostanzialmente invariate le posizioni di Virginia Elena Carta, 28ª con 239, e di Bianca Maria Fabrizio, 33ª con 247. Accompagnano gli azzurri gli allenatori Alberto Binaghi ed Enrico Trentin. Secondo giro – L’Italia (Filippo Campigli 74 69, Renato Paratore 74 72, Corrado De Stefani 79 76, Giulio Castagnara 79 74) è salita dal nono al sesto posto con 442 colpi nel torneo maschile della 44ª Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship in svolgimento sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice. E’ passata a condurre con 432 colpi la Francia che precede l’Inghilterra (436), la Germania e l’Irlanda (438) e la Spagna (439), intenta a difendere il titolo. Settime con 444 Danimarca e Portogallo, nono con 449 il Galles e decima con 450 la Svezia. Nella graduatoria individuale Filippo Campigli si è portato con 143 colpi dal 13° al terzo posto preceduto dal tedesco Maximilian Roehrig, leader con 140 (72 68), e dal francese Adrien Saddier, secondo con 142. In quarta posizione con 144 il transalpino Thomas Elissalde e l’inglese Toby Tree, in sesta l’olandese Robbie Van West. In ascesa anche Renato Paratore, da 13° a settimo con 146. Sono indietro Giulio Castagnara, 45° con 153, e Corrado De Stefani, 60° con 155. Nel campionato femminile le azzurre (Roberta Liti 75 77, Virginia Elena Carta 80 82, Bianca Maria Fabrizio 88 76) sono settime con 308. Deciso attacco della Spagna, vincitrice delle edizioni 2010 e 2011, che è balzata al comando con 294 colpi davanti a Galles (297), Germania (298), Francia (303), a segno lo scorso anno, Inghilterra e Slovenia (305). Nella classifica individuale Roberta Liti è scesa dal terzo al nono posto con 152 e ha perso posizioni anche Virginia Elena Carta, 29ª con 162, mentre ha recuperato qualcosa Bianca Maria Fabizio, 33ª con 164. In vetta con 145 la spagnola Patricia Sanz con 145 (74 71), seguita dalla slovena Katja Pogacar (147), dalla gallese Chloe Williams (148) e da un terzetto con 149 formato dall’iberica Clara Baena, dalla tedesca Qurine Eljkenboom e dalla francese Anyssia Herbaut. L’evento si disputa sulla distanza di 72 buche medal. Per la graduatoria a squadre sono validi tre score giornalieri su quattro nel torneo maschile e due su tre in quello femminile. Accompagnano gli azzurri gli allenatori Alberto Binaghi ed Enrico Trentin. Primo giro – Sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice, è iniziata la  44ª edizione della Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship con classifica a squadre e individuale. Nel torneo maschile l’Italia (Filippo Campigli 74, Renato Paratore 74, nella foto, Corrado De Stefani 79, Giulio Castagnara 79) è al nono posto con 227 colpi e ne rende 12 all’Inghilterra, leader con 215. Al secondo posto la Francia (220), al terzo la Scozia (221), al quarto la Germania e la Danimarca (222). al sesto il Portogallo (223), al settimo l’Irlanda (224) e all’ottavo la Spagna (226), vincitrice nel 2012. Nella graduatoria individuale è in vetta con 68 l’inglese Toby Tree seguito con 70 dallo spagnolo Santiago Vega de Seoane Saez, con 71 dallo scozzese James White e con 72 dal danese Christian Gloet, dal francese Adrien Saddier, dal tedesco Maximilian Roehrig e dal portoghese Gonçalo Costa. Al 13° posto Paratore e Campigli, al 55° De Stefani e Castagnara. Nel campionato femminile le azzurre (Roberta Liti 75,  Virginia Elena Carta 80, Bianca Maria Fabrizio 88) sono seste con 155. E’ al comando l’Inghilterra con 148 che ha cinque colpi di vantaggio su Galles, Germania e Spagna (153) e sei sulle campionesse uscenti della Francia (154). Nell’individuale l’inglese Georgia Hall (73) precede di misura l’iberica Patricia Sanz (74). Al terzo posto, in ritardo di due colpi, una brillante Roberta Liti, affiancata dalla francese Anyssia Herbaut, dalla tedesca Antonia Scherer e dall’inglese Alexandra Peters. In 19ª posizione Virginia Elena Carta e in 38ª Bianca Maria Fabrizio. L’evento si disputa sulla distanza di 72 buche medal. Per la graduatoria a squadre sono validi tre score giornalieri su quattro nel torneo maschile e due su tre in quello femminile. Accompagnano gli azzurri gli allenatori Alberto Binaghi ed Enrico Trentin. 

 

Prologo – Per gli azzurri importante impegno in Spagna dove si disputa la 44ª edizione della Copa R.C.G. Sotogrande European Nations Championship (13-16 marzo) sul percorso del Real Club de Sotogrande, nei pressi di Cadice.

Nella gara maschile difendono i colori azzurri Filippo Campigli, Giulio Castagnara, Corrado De Stefani e Renato Paratore. Diciotto le nazioni presenti con gli spagnoli campioni uscenti che schierano una compagine di tutto rispetto (Mario Galiano, Antoni Ferrer, Juan Francisco Sarasti e Javier Sainz) e che sono ben decisi a concedere il bis. Da seguire la Francia, che propone Adrien Saddier e Romain Langasque, l’Inghilterra con Max Orrin, l’Irlanda che ha gli elementi di punta in Alan Dunbar e Reeve Whitson, vincitore degli Internazionali di Spagna a inizio marzo, e la Norvegia con Kristoffer Ventura. Anche gli azzurri hanno i numeri per una prestazione d’avanguardia.

Nel campionato femminile l’Italia si affida a Virginia Elena Carta, a Roberta Liti e a Bianca Maria Fabrizio, team che può competere ad armi pari con le altre favorite, tra le 13 nazioni in campo, ossia la Francia, che difende il titolo, la Spagna, che ha vinto le edizioni del 2010 e del 2011, il Belgio, la Svezia e la Germania. L’evento si disputa sulla distanza di 72 buche medal. Per la graduatoria a squadre sono validi tre score giornalieri su quattro nel torneo maschile e due su tre in quello femminile. Accompagnano gli azzurri gli allenatori Alberto Binaghi ed Enrico Trentin.