fbpx

Nabisco: il primo major di Lexi Thompson, 29ª Sergas

  06 Aprile 2014 News
Condividi su:

Lexi Thompson (nella foto), ad appena 19 anni, ha conquistato il primo major in carriera imponendosi con 274 colpi (73 64 69 68, -14) nel Kraft Nabisco Championship, disputato al Mission Hills CC, sul Dinah Shore Tournament Course (par 72), a Rancho Mirage in California. Ha effettuato un buon recupero nel turno conclusivo Giulia Sergas, da 47ª a 29ª con 290 (73 74 72 71, +2), grazie a un 71 (-1) suo punteggio migliore nel torneo. La Thompson ha avuto ragione di Michelle Wie, seconda con 277 (67 71 68 71, -11), con la quale condivideva la leadership dopo tre giri. Entrambe si sono prese tutta la scena per la volata finale dalla quale sono state escluse le altre concorrenti. Stacy Lewis, terza con 281 (-7), ha dovuto concedere ben sette colpi alla Thompson e otto gliene hanno lasciati Cristie Kerr e la coreana Se Ri Pak, quarte con 282 (-6). In sesta posizione con 283 (-5) la cinese Shanshan Feng, in settima con 284 (-4) Angela Stanford, l’inglese Charley Hull e la spagnola Azahara Muñoz, in 11ª con 286 (-2) l’australiana Karrie Webb e in 16ª con 287 (-1) le coreane Na Yeon Choi e Jiyai Shin. Stesso piazzamento della Sergas per la neozelandese Lydia Ko e piuttosto deludenti le prestazioni di Paula Creamer, 34ª con 291 (+3), della coreana Inbee Park, numero uno mondiale e campionessa uscente, 38ª con 292 (+4), dell’altra coreana So Yeon Ryu, 46ª con 294 (+6), e della giapponese Ai Miyazato, 67ª con 300 (+12). La Thompson ha decisamente staccato la Wie con quattro birdie sulle prime nove buche, poi con un vantaggio rassicurante si è limitata al contenimento chiudendo con nove par (68, -4). La Wie è andata subito in affanno con due bogey, seguiti a un birdie, e non le è stato sufficiente un cambio di ritmo con tre birdie e un bogey sulla seconda metà del tracciato (71). La Sergas è andata in altalena: dopo un birdie ha infilato quattro bogey di fila, quindi ha rimesso insieme lo score con altrettanti birdie e ha terminato con un bogey e un birdie. La vincitrice, gratificata per il successo con 300.000 dollari su un montepremi di 2.000.000 di dollari, ha ottenuto il quarto titolo nel circuito (in precedenza ha vinto nel 2011 il Navistar Classic e nel 2013 il Sime Darby Malaysia e il Lorena Ochoa Invitational) e ne vanta anche uno sul LET (Dubai Masters, 2011). Detiene il record di più giovane giocatrice partecipante a un major: infatti a dodici anni riuscì a qualificarsi per l’US Womens Open del 2007 dove mancò il taglio e al quale ha preso sempre parte negli anni successivi.   Terzo giro – Giulia Sergas, 47ª con 219 colpi (73 74 72, +3), ha guadagnato sette posizioni nel terzo giro del Kraft Nabisco Championship, il primo dei cinque major stagionali femminili che si sta disputando al Mission Hills CC, sul Dinah Shore Tournament Course (par 72), a Rancho Mirage in California. In vetta alla graduatoria la 19enne Lexi Thompson (206 – 73 64 69, -10), tre titoli nel LPGA Tour, è stata raggiunta dalla 24enne Michelle Wie (206 – 67 71 68), due successi nel circuito l’ultimo datato 2010, mentre la coreana Se Ri Pak, leader con la Thompson dopo due turni, è scesa al terzo posto con 208 (-8) dove è affiancata dalla 18enne inglese Charley Hull. In corsa per la vittoria anche Cristie Kerr e la scozzese Catriona Matthew, quinte con 210 (-6), la coreana Chella Choi e la cinese Shanshan Feng, settime con 211 (-5), e possono cullare qualche speranza anche Stacy Lewis, Angela Stanford, Gerina Piller, le coreane Jiyai Shin e Amy Yang e la spagnola Azahara Muñoz, none con 212 (-4). Sebbene specialista in rimonte clamorose appaiono comunque troppi i sette colpi di ritardo che accusa l’australiana Karrie Webb, 15ª con 213 (-3), mentre non hanno più chances la svedese Anna Nordqvist, 18ª con 214 (-2), la coreana Na Yeon Choi, 19ª con 215 (-1) e le sue due connazionali Inbee Park, numero uno al mondo, e So Yeon Ryu, 34.e con 217 (+1). Deludenti Paula Creamer, 57ª con 220 (+4), e la giapponese Ai Miyazato, 70ª con 224 (+8) e ben lontana dalla condizione di qualche anno addietro. La Wie ha rimontato con un 68 (-4) dovuto a quattro birdie, senza bogey. Ne ha segnato uno sull’ultima buca, che le è costato la leadership solitaria, Lexi Thompson, che in precedenza aveva anche lei ottenuto quattro birdie. La Sergas ha giocato molto bene per tredici buche, condotte con tre birdie, poi all’improvviso le cose sono cambiate e con tre bogey nelle cinque conclusive ha siglato il 72 del par e ha peso una ventina di posizioni. Il montepremi è di 2.000.000 di dollari.   Secondo giro – Giulia Sergas è scesa dal 29° al 54° posto con 147 colpi (73 74, +3) nel Kraft Nabisco Championship, il primo dei cinque major stagionali femminili che si sta disputando al Mission Hills CC, sul Dinah Shore Tournament Course (par 72), a Rancho Mirage in California. In vetta si è portata con 137 (-7) colpi la coppia composta dalla 19enne Lexi Thompson (73 64), nella foto, tre titoli nel LPGA Tour, e dalla 37enne Se Ri Pak (67 70), 25 vittorie nel circuito comprensive di cinque major, ma con una sola dal 2006 a oggi. Seguono a un colpo Michelle Wie (138, -6), a due Cristie Kerr e la cinese Shanshan Feng (139, -5), leader dopo il turno d’avvio, e a tre Morgan Pressel, la svedese Anna Nordqvist e la scozzese Catriona Matthew (140, -4). Hanno possibilità di inserirsi ancora nella corsa al titolo le coreane So Yeon Ryu e Jiyai Shin, 11.e con 142 (-2), Stacy Lewis, la neozelandese Lydia Ko, la coreana Na Yeon Choi e l’australiana Karrie Webb, 19.e con 143 (-1). Non si possono negare chances a Inbee Park, numero uno mondiale e campionessa uscente, 28ª con 144 (par), mentre non ne hanno Paula Creamer, 46ª con 146 (+2), e la giapponese Ai Miyazato, 64ª con 148 (+4). Ancora una delusione per la taiwanese Yani Tseng, 82ª con 151 (+7), uscita al taglio. La Thompson ha girato in 64 (-8) colpi, risalendo dalla 29ª posizione, facendo percorso netto con otto birdie. Nessun bogey anche per la Pak, ma per lei solo due birdie. La Sergas di birdie ne ha realizzati tre a fronte di altrettanti bogey e di un doppio bogey per un 74 (+2). Il montepremi è di 2.000.000 di dollari.   Primo giro – Al Mission Hills CC, sul Dinah Shore Tournament Course (par 72), a Rancho Mirage in California, è iniziato il Kraft Nabisco Championship, primo dei cinque major stagionali femminili, nel quale Giulia Sergas è in 29ª posizione con 73 (+1) colpi. Ha preso il comando con un ottimo 66 (-6) la cinese Shanshan Feng, che precede di un colpo Michelle Wie e la coreana Se Ri Pak (67, -5) e di due l’altra coreana Amy Yang e la dilettante statunitense Angel Yin (68, -4). In una classifica abbastanza allungata sono al sesto posto con 69 (-3) Cristie Kerr, la coreana Jiyai Shin e la rediviva filippina Jennifer Rosales e al nono con 70 (-2) Tiffany Joh, Morgan Pressel e le coreane Chella Coi, Haeji Kang e So Yeon Ryu. Poco più indietro la svedese Anna Nordqvist, 14ª 71 (-1), e Paula Creamer, 21ª con 72 (par), mentre hanno lo stesso score della Sergas anche Stacy Lewis, Lexi Thompson, la neozelandese Lydia Ko e l’australiana Karrie Webb. In ritardo la coreana Inbee Park, 46ª con 74, +2, leader mondiale e campionessa uscente, la taiwanese Yani Tseng, 60ª con 74 (+2), e la giapponese Ai Miyazato, 82ª con 77 (+5). Ha rinunciato all’ultimo momento la norvegese Suzann Pettersen, numero due del Rolex ranking, che era regolarmente iscritta. La Feng 25enne di Guangzhou con tre titoli nel circuito comprensivi di un major (LPGA Championship, 2012), cinque nel Japan Tour, due nel Ladies European Tour e un successo a squadre nel World Ladies Championship, l’ultima versione della World Cup al femminile, ha infilato sette birdie a fronte di un solo bogey. La Sergas, lo scorso anno settima in questo major, ha confermato il suo buon momento e ha condotto una gara molto attenta realizzando un birdie, due bogey e quindici par. Il montepremi è di 2.000.000 di dollari.   Prologo – Giulia Sergas prende parte al Kraft Nabisco Championship (3-6 aprile), il primo dei cinque major stagionali femminili in programma al Mission Hills CC, sul Dinah Shore Tournament Course, a Rancho Mirage in California. Campionessa uscente è la coreana Inbee Park (nella foto), numero uno mondiale e ben decisa a difendere la  posizione che stava diventando traballante dopo i decisi attacchi della norvegese Suzann Pettersen, che comunque nelle ultime settimane ha allentato la presa perdendo preziosi centesimi di punto. La Pettersen sarà una delle avversarie più decise nel tentare di impedirle il bis, ma la concorrenza sarà comunque forte in un torneo in cui si confrontano quasi tutte le migliori proettes del pianeta. In particolare vi saranno anche le otto giocatrici che seguono la coppia di testa nella top ten del Rolex ranking, nell’ordine: Stacy Lewis (suo questo major nel 2011), la 17enne neozelandese Lydia Ko, l’australiana Karrie Webb, in vetta alla money list del LPGA Tour dopo i due successi stagionali, la coreana So Yeon Riu (a segno nel 2012), la cinese Shanshan Feng, Paula Creamer, Lexi Thompson e la svedese Anna Nordqvist, vincitrice domenica scorsa del Kia Classic. Accampano giuste pretese anche le coreane Jiyai Shin ed Hee-Won Han, le statunitensi Cristie Kerr, Brittany Lincicome e Michelle Wie, la thailandese Pornanong Phatlum, la giapponese Ai Miyazato e la taiwanese Yani Tseng. Le ultime due non hanno più la brillantezza di qualche anno addietro, ma la prima ha sfiorato il successo in un major e si è imposta per due volte nell’Evian Masters, quando non era ancora una gara del grande slam con il titolo di Evian Championship, e la Tseng di major ne ha incassati cinque compreso il Nabisco nel 2010. Giulia Sergas, tornata a un ottimo rendimento la scorsa settimana nel Kia Classic (10ª), ha l’obiettivo di ripetere l’ottima prestazione del 2013 quando si classificò settima. Era in un momento di forma particolare che poi  l’ha portata ad offrire altre prestazioni di rilievo. Il montepremi è di 2.000.000 di dollari.   I risultati