fbpx

LPGA Tour: titolo a Mirim Lee, Molinaro 23ª

  11 Agosto 2014 News
Condividi su:

​Giulia Molinaro (nella foto) si è classificata al 23° posto con 281 colpi (71 67 69 74, -3), suo miglior piazzamento stagionale, nel Meijer Classic (LPGA Tour), che si è disputato al Blythefield Country Club (par 71) di Grand Rapids nel Michigan.

Ha vinto la 24enne coreana Mirim Lee con 270 colpi (70 64 67 69, -14) che ha conquistato il primo successo nel circuito superando alla seconda buca di spareggio la connazionale Inbee Park (270 – 66 66 68 70) – numero tre mondiale con dieci titoli nel tour tra cui quattro major –  con la quale aveva terminato alla pari le 72 buche della gara. E’ rimasta fuori dal playoff per un colpo la norvegese Suzann Pettersen, terza con 271 (-13), quindi più distaccate la giapponese Haru Nomura, quarta con 274 (-10), la tedesca Sandra Gal, la coreana Amy Yang e la danese Line Vedel, q            uinte con 275 (-9), e la cinese Shanshan Feng, sesta con 276 (-8). Ha avuto un’orgogliosa reazione Stacy Lewis, leader del Rolex ranking, che dopo tre turni a metà classifica è salita con un 66 (-5) dal 28° all’11° posto con 278 (-6) sorpassando la neozelandese Lydia Ko, numero due al mondo, 12ª con 279 (-5), insieme a Paula Creamer. In  50ª posizione con 286 (+2) l’australiana Karrie Webb piuttosto sotto tono. La Park, in vetta dopo tre turni con un colpo di margine sulla Lee, ha cominciato con due birdie, poi ha proseguito in par fino alla 14ª dove con un bogey (70, -1) ha lasciato una porta aperta all’avversaria rinvenuta con tre birdie e un bogey. La Lee, però, non ne ha approfittato, perché ha segnato anche lei un bogey, ma subito dopo ha pareggiato i conti con il quarto birdie del giro (70, -1). Nel frattempo è rinvenuta anche la Pettersen, che però ha perso l’autobus con un bogey alla 16ª, il terzo di giornata che si è unito a un eagle e a tre birdie (69, -2). Nello spareggio le due contendenti hanno chiuso in par la prima buca, poi alla seconda la Lee con il birdie ha avuto partita vinta e l’assegno di 225.000 dollari su un montepremi di 1.500.000 dollari. La Molinaro, dopo un discreto avvio (40ª), è salita prima al decimo e poi al settimo posto, ma nell’ultima tornata ha pagato una brutta partenza in cui ha perso quattro colpi (due bogey e un doppio bogey) sulle prime sette buche. Tuttavia ha avuto il merito di non disunirsi e ha concluso con un birdie per il 74 (+3) e per un risultato comunque buono e che ha portato dollari preziosi ($ 15.397) per la money list. Non hanno superato il taglio le altre due italiane in gara, Giulia Sergas, 85ª con 146 (73 73, +4), e Silvia Cavalleri, 114ª con 150 (74 76, +8).   Terzo giro – Giulia Molinaro, settima con 207 colpi (71 67 69, -6) ha guadagnato altre tre posizioni nel  Meijer Classic (LPGA Tour), che si sta disputando al Blythefield Country Club (par 71) di Grand Rapids nel Michigan. E’ rimasta in vetta con 200 (66 66 68, -13) la coreana Inbee Park che nel turno conclusivo dovrà vedersela per il titolo con la connazionale Mirim Lee, seconda con 201 (-12), e con la norvegese Suzann Pettersen, terza con 202 (-11). Difficile che possano recuperare la danese Line Vedel, quarta con 205 (-8), la spagnola Beatriz Recari e la giapponese Haru Nomura, quinte con 206 (-7), così come sono troppi i sette colpi di disavanzo per la Molinaro e per le proettes che l’affiancano: Paula Creamer, Katie Burnett, la coreana Amy Yang e la sudafricana Lee Anne Pace. Hanno ceduto la neozelandese Lydia Ko, da quinta a 12ª con 208 (-5), e la cinese Shanshan Feng, da decima a 18ª con 210 (-3), mentre sono rimaste praticamente stabili l’australiana Karrie Webb, 23ª con 211 (-2), e Stacy Lewis, leader del Rolex ranking, 28ª con 212 (-1). La Park, numero tre al mondo e fino a pochi mesi addietro numero uno, ha girato in 68 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey. La Molinaro, che ha assoluta necessità di un buon risultato per risalire nella money list dove attualmente è fuori dalla zona ‘carta’, ha realizzato un parziale di 69 (-2) con quattro birdie e due bogey. Non hanno invece superato il taglio le altre due italiane in gara, Giulia Sergas, 85ª con 146 (73 73, +4), e Silvia Cavalleri, 114ª con 150 (74 76, +8). Il montepremi è di 1.500.000 dollari. Secondo giro  – Con un ottimo parziale di 67 (-4) colpi e lo score di 138 (71 67, -4) Giulia Molinaro è balzata dal 40° al decimo posto nel Meijer Classic (LPGA Tour), che si sta disputando al Blythefield Country Club (par 71) di Grand Rapids nel Michigan. Non hanno invece superato il taglio le altre due italiane in gara, Giulia Sergas, 85ª con 146 (73 73, +4), e Silvia Cavalleri, 114ª con 150 (74 76, +8). Nuova leader con 132 (66 66, -10) è la coreana Inbee Park, numero tre mondiale, ma ha a ridosso la norvegese Suzann Pettersen, numero quattro, con 133 (-9) colpi, che ha realizzato un 64 (-7), miglior punteggio del turno ottenuto anche dalla coreana Mirim Lee, terza con 134 (-8). Al quarto posto con 135 (-7) l’altra coreana Amy Yang e al quinto la neozelandese Lydia Ko, numero due del Rolex ranking, la coreana Haru Nomura, la danese Lina Vedel, l’australiana Katherine Kirk e la tedesca Sandra Gal, al vertice dopo un giro. Ha lo stesso score della Molinaro anche la cinese Shanshan Feng, è in 14ª posizione Paula Creamer con 139 (-3), quindi in 25ª con 141 (-1) l’australiana Karrie Webb e in 35ª con 142 (par) Stacy Lewis, numero uno al mondo. La Park ha fatto percorso netto con cinque birdie per il 66 (-5) e nessun bogey anche per la Molinaro, che di birdie ne ha colti quattro. Per la Sergas 73 (+2) colpi con due birdie e quattro bogey e per la Cavalleri 76 (+5) con un birdie, quattro bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 1.500.000 dollari. Primo giro – Giulia Molinaro è al 40° posto con 71 (par) colpi nel Meijer Classic (LPGA Tour) al Blythefield Country Club (par 71) di Grand Rapids nel Michigan. Il torneo anticipa di una settimana il Wegmans LPGA Championship (Pittsford, 14-17 agosto), quarto major stagionale. Sono poco oltre metà classifica Giulia Sergas, 75ª con 73 (+2), e Silvia Cavalleri, 90ª con 74 (+3). Ha preso il comando con 65 (-6) colpi la tedesca Sandra Gal, da tempo in ombra, che precede la coreana Inbee Park, seconda con 66 (-5), e l’australiana Katherine Kirk, terza con 67(-4). In quarta posizione con 68 (-3) Gerina Piller, Katy Harris, le coreane Amy Yang e Ilhee Lee, la danese Line Vedel e la spagnola Azahara Muñoz. Subito dietro Paula Creamer, la neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale, la norvegese Suzann Pettersen e la cinese Shanshan Feng, decime con 69 (-2), e in leggero ritardo Stacy Lewis, leader del Rolex ranking, 21ª con 70 (-1). L’australiana Karrie Webb ha lo stesso score della Molinaro e la giapponese Ai Miyazato è alla pari con la Sergas. Sandra Gal, 29enne di Dusseldorf con un successo nel circuito datato 2011 (Kia Classic), si è espressa con sette birdie, di cui sei di fila, e con un bogey. La Molinaro ha segnato un eagle e due bogey, la Sergas due birdie e quattro bogey e la Cavalleri due birdie e cinque bogey. Il montepremi è di 1.500.000 dollari. Prologo – Riprende dopo una breve pausa il LPGA Tour che propone il Meijer Classic (7-10 agosto) in programma al Blythefield Country Club di Grand Rapids nel Michigan. Il torneo anticipa di una settimana il Wegmans LPGA Championship (Pittsford, 14-17 agosto), quarto major stagionale. A Grand Rapids saranno in gara Silvia Cavalleri, Gulia Sergas e Giulia Molinaro, ossia il terzetto azzurro con ‘carta’ per il tour animato da differenti obiettivi: la Sergas tesa a cercare la miglior condizione in vista del successivo impegno, le altre due a caccia di un risultato di peso per animare un’anemica money list. Non tutte le giocatrici migliori hanno scelto di giocare con il major alle porte, ma la presenta di Stacy Lewis, della neozelandese Lydia Ko, della coreana Inbee Park e della norvegese Suzann Pettersen, ossia delle prime quattro del Rolex ranking, è più che sufficiente per garantire un’alta qualità tecnica. Al via anche Paula Creamer, Cristie Kerr e Michelle Wie, la cinese Shanshan Feng, la giapponese Ai Miyazato e l’australiana Karrie Webb. Il montepremi è di 1.500.000 dollari.   I risultati