fbpx

LPGA Tour: nel Kia Classic prevale Anna Nordqvist Sergas, gran rimonta (10ª)

  31 Marzo 2014 News
Condividi su:

Giulia Sergas (nella foto di Davide Da Ponte) ha offerto un’ottima prestazione nel Kia Classic (LPGA Tour) classificandosi decima con 281 colpi (75 68 71 67, -7), dopo una rimarchevole rimonta iniziata dall’85° posto occupato nel primo giro. Sul percorso del Park Hyatt Aviara Golf Club (par 72), a Carlsbad in California, dove ha vinto la svedese Anna Nordqvist con 275 colpi (73 68 67 67, -13), sono andate a premio anche le altre due italiane in gara, Giulia Molinaro, 55ª con 290 (73 71 76 70, +2), e Silvia Cavalleri, 71ª con 294 (71 74 74 75, +6). La Nordqvist, 27enne di Eskilstuna, ha siglato il quarto titolo nel circuito superando di un colpo Lizette Salas (276, -12), leader nel terzo turno alla pari con Cristie Kerr, giunta quinta con 279 (-9). Al terzo posto con 277 (-11)  la giovanissima Lexi Thompson e al quarto con 278 (-10) la coreana Chella Choi. E’ risalita dal 20° l’altra coreana Inbee Park, numero uno mondiale, sesta con 280 (-8) alla pari con le connazionali Se Ri Pak ed Eun-Hee Ji e la statunitense Stacy Lewis, numero tre del Rolex ranking, e hanno chiuso in 16ª posizione con 283 (-5) Paula Creamer, Michelle Wie e la cinese Shanshan Feng. In media graduatoria la giapponese Ai Miyazato, 24ª con 284 (-4), e l’australiana Karrie Webb, 25ª con 285 (-3), in bassa la coreana Na Yeon Choi e la 17enne neozelandese Lydia Ko, 61.e con 291 (+3). La Nordqvist, che ha iniziato la serie delle sue vittorie con un major (LPGA Championship, 2009) e che ha preso parte alle ultime tre Solheim Cup con la compagine europea, ha dato subito la caccia alla leadership, dalla quale la separavano due colpi, e ha raggiunto l’obiettivo infilando sei birdie nelle prime 16 buche, e concedendosi il lusso di un bogey alla 17ª (67, -5). La Salas, troppo lenta nella fase iniziale e appesantita da un bogey, ha potuto solo recuperare la seconda piazza con tre birdie in chiusura (70, -2) così come tardiva è stata la riscossa della Thompson, che dopo un birdie e un bogey, ha realizzato quattro birdie nelle ultime sei buche (68, -4). La Sergas, dopo la falsa partenza, è balzata fino alla 26ª posizione con un 68 (-4) nel secondo turno, poi è arretrata in 32ª  nel terzo con un 71 (-1), quindi ha effettuato la volata finale in 67, stesso parziale della vincitrice e migliore di giornata, ottenuto con un eagle “2”, imbucando da lontano alla buca 16 (par 4 di 372 yards) e due birdie, senza bogey. La Molinaro ha recuperato dalla 70ª  con un 70 dovuto a cinque birdie e a tre bogey ed è rimasta stazionaria la Cavallieri dopo un 75 (+3) con due birdie, tre bogey e un doppio bogey. La Nordqvist è stata gratificata con 255.000 dollari su un montepremi di 1.700.000 dollari.

Terzo giro –  – Giulia Sergas, 32ª con 214 colpi (75 68 71, -2), si è mantenuta a metà classifica nel Kia Classic (LPGA Tour) che termina con la disputa del quarto giro sul percorso del Park Hyatt Aviara Golf Club (par 72), a Carlsbad in California. Sono scivolate in bassa Silvia Cavalleri, da 50ª a 67ª con 219 (71 74 74, +3), e Giulia Molinaro, da 52ª a 70ª con 220 (73 71 76, +4),

Cambio della guardia in vetta dove sono salite con 206 (-10) Cristie Kerr (68 68 70) e Lizette Salas (69 68 69), che precedono di due colpi Dori Carter, leader nel secondo turno, la svedese Anna Nordqvist, la cinese Shanshan Feng e la giapponese Ayako Uehara (208, -8). Possono competere per il titolo Lexi Thompson, Stacy Lewis e le coreane Eun-Hee Ji e Chella Choi, settime con 209 (-7), e l’australiana Karrie Webb, 11ª con 210 (-6), rientrata in ballo con una grande rimonta iniziata dall’85ª piazza, passando per la 26ª. Da ricordare che gli ultimi suoi due titoli, firmati entrambi in questa stagione e che hanno portato il totale a 41, compresi sette major, li ha ottenuti proprio recuperando distacchi proibitivi. Hanno uguali chances anche la thailandese P.K. Kongkraphan, la spagnola Azahara Muñoz, la sudafricana Ashleigh Simon e la paraguaiana Julieta Granada che l’affiancano. Difficile un ritorno di Paula Creamer e della colombiana Mariajo Uribe, 16.e con 211 (-5) e al comando dopo un giro, mentre sono fuori la coreana Inbee Park, numero uno mondiale 20ª con 212 (-4),  Michelle Wie e la neozelandese Lydia Ko, 28ª con 213 (-3), la nipponica Ai Miyazato e la taiwanese Yani Tseng, che hanno lo stesso score della Sergas. La Salas ha siglato un parziale di 69 (-3) con quattro birdie e un bogey; la Kerr un 70 (-2) con altrettanti birdie e due bogey. Per la Sergas 71 (-1) colpi con due birdie e un bogey; per la Cavalleri 74 (+2) con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey; per la Molinaro 76 (+4) con due birdie, quattro bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Secondo giro – Giulia Sergas, 26ª con 143 colpi (75 68, -1), ha recuperato ben 59 posizioni, grazie a un parziale di 68 (-4), nel secondo giro del Kia Classic (LPGA Tour) che si sta svolgendo sul percorso del Park Hyatt Aviara Golf Club (par 72), a Carlsbad in California. In rimonta anche Giulia Molinaro, da 52ª a 37ª con 144 (73 71, par), ed è rimasta nella parte buona della classifica Silvia Cavalleri, 50ª con 145 (71 74, +1). Nuova leader con 134 (70 64, -10) è Dori Carter, 27enne di Valdosta (Georgia), un titolo nel Symetra Tour nell’anno d’esordio tra le proette (2010) e giunta alla quarta stagione di circuito dove fino a oggi ha superato appena venti tagli con miglior risultato due piazzamenti tra le top 20. Con il 64 (-8) di giornata ha fissato il suo score personale più basso sul giro e ha preso due colpi di vantaggio su Stacy Lewis e su Cristie Kerr (136, -8). Al quarto posto con 137 (-7) Lizette Salas, al quinto con 138 (-6) Tiffany Joh e la colombiana Mariajo Uribe, al settimo con 139 (-5) la coreana Chella Choi, la cinese Shanshan Feng, Lexi Thompson e Paula Creamer, che era leader dopo un turno insieme alla Uribe. Hanno perso qualcosa la coreana Inbee Park, 11ª con 140 (-4), numero uno al mondo, e la giapponese Ai Miyazato, 15ª con 141 (-3), mentre hanno avuto una decisa impennata la neozelandese Lydia Ko, da 71ª a 22ª con 142 (-2), e l’australiana Karrie Webb, che sta facendo cammino parallelo con la Sergas con cui condivideva l’85° posto dopo 18 buche. La Carter ha segnato undici birdie e tre bogey; la Sergas sei birdie e un doppio bogey. Per la Molinaro 71 (-1) colpi con tre birdie e due bogey; per la Cavalleri 74 (+2) con tre birdie e cinque bogey. Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Primo giro – Silvia Cavalleri, 30ª con 71 (-1) colpi, ha ottenuto il miglior score fra le tre italiane impegnate nel Kia Classic (LPGA Tour) dove è a metà classifica Giulia Molinaro, 52ª con 73 (+1), e in bassa Giulia Sergas, 85ª con 75 (+1). Sul percorso del Park Hyatt Aviara Golf Club (par 72), a Carlsbad in California, hanno preso il comando con 67 (-5) Paula Creamer e la colombiana Mariajo Uribe, che precedono di un colpo Cristie Kerr, l’inglese Jodi Ewart, la coreana Mi Hyang Lee e la cinese Shanshan Feng (68, -4). Seguono con 69 (-3) Lizette Salas, Lexi Thompson, Tiffany Joh, la spagnola Azahara Muñoz e la coreana Inbee Park, leader del Rolex ranking, e sono al 12° posto con 70 (-2) Stacy Lewis, Michelle Wie, la coreana So Yeon Ryu e la giapponese Ai Miyazato. Giornata difficile per la neozelandese Lydia Ko, 71ª con 74 (+2), e per l’australiana Karrie Webb, reduce dal successo nella JTBC Founders Cup, grande favorita nelle previsioni della vigilia e che ha lo stesso score della Sergas. Ha marciato sicura con cinque birdie Mariajo Uribe, mentre Paula Creamer di birdie ne ha fatti sei, ma con un bogey. Per la Cavalleri cinque birdie e quattro bogey; per la Molinaro due birdie e tre bogey; per la Sergas due birdie e cinque bogey. Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Prologo – Tornano subito in campo Giulia Sergas, Silvia Cavalleri e Giulia Molinaro impegnate nel Kia Classic (27-30 marzo), torneo del LPGA Tour in programma sul percorso del Park Hyatt Aviara Golf Club, a Carlsbad in California. Le tre azzurre sono decise a riscattare il taglio subito la scorsa settimana nella JTBC Founders Cup vinta dall’australiana Karrie Webb, numero cinque mondiale, apparsa in ottima forma e che alla vigilia si è presa tutta la scena nelle vesti di grande favorita. Naturalmente per arrivare al terzo successo stagionale e al 42° nel circuito dovrà superare l’agguerrita concorrenza delle altre proettes che sono nelle prime dieci posizioni del Rolex Ranking: la coreana Inbee Park, leader, la norvegese Suzann Pettersen, Stacy Lewis e la neozelandese Lydia Ko, che la precedono, la coreana So Yeon Ryu, la cinese Shanshan Feng, Paula Creamer, la coreana Na Yeon Choi e Lexi Thompson, che la seguono. Tra le altre possibili protagoniste Paula Creamer, Cristie Kerr e Michelle Wie, le spagnole Beatriz Recari, campionessa uscente, e Azahara Munoz, la giapponese Ai Miyazato e la taiwanese Yani Tseng. Il montepremi è di 1.700.000 dollari.   I risultati