fbpx

LPGA Tour: Giulia Molinaro, passi indietro

Giulia Molinaro
  27 Maggio 2016 News
Condividi su:

La thailandese Ariya Jutanugarn (206 – 65 68 73, -10) ha difeso la leadership con tanta fatica, ma anche con molta determinazione nel terzo giro del Volvik Championship (LPGA Tour). Le condizioni difficili del percorso del Travis Pointe Country Club (par 72), ad Ann Arbor nel Michigan, hanno messo a dura prova tutte le concorrenti e non si è trovata a suo agio anche Giulia Molinaro (nella foto), scesa da quinto al 25° posto con 214 colpi (70 67 77, -2) dopo un 77 (+5).

La Jutanugarn, 21enne di Bangkok e prima thailandese a vincere sul circuito, ha l’occasione per cogliere il terzo titolo consecutivo e in carriera, ma dovrà ben gestire nel giro finale il colpo di vantaggio che ha su Christina Kim e su Jessica Korda (207, -9), figlia dell’ex tennista Petr, e i tre che vanta sulla coreana Hyo Joo Kim e sulla norvegese Suzann Pettersen (209, -7). Al sesto posto con 210 (-6) Marina Alex, la spagnola Belen Mozo e la coreana So Yeon Ryu e al nono con 211 (-5) l’australiana Minjee Lee e la canadese Brooke M. Henderson.

Vanno di pari passo la neozelandese Lydia Ko, numero uno mondiale, e Lexi Thompson, numero tre, 25.e con la Molinaro e seguite dalla cinese Shanshan Feng, 32ª con 215 (-1).

Ariya Jutanugarn ha perso il comando con quattro bogey sulle prime 13 buche, poi l’ha ripreso di forza con un birdie alla 14ª e un eagle alla 18ª con cui ha lasciato indietro Jessica Korda e Christina Kim, autrici di un birdie, Tredici buche in grande sofferenza anche per Giulia Molinaro, con cinque bogey e un doppio bogey e recupero dalle retrovie, in cui era terminata, con due birdie. L’altra italiana in gara, Giulia Sergas, 81ª con 147 (76 71, +3), è uscita al taglio per un colpo. Il montepremi è di 1.300.000 dollari.