fbpx

LPGA: Sei Young Kim mantiene alto il ritmo

Kim Sei Young
  22 Novembre 2019 News
Condividi su:

La coreana Sei Young Kim ha mantenuto il comando con 132 (65 67, -12) colpi del CME Group Tour Championship, ultimo evento stagionale del LPGA Tour e anche atto finale della Race to the CME Globe, la versione al femminile, ma con montepremi ben più ridotto, della FedEx Cup maschile.

Quest’anno il regolamento della Race è stato cambiato: non più reset dei punti conquistati in stagione con assegnazione di altri prestabili, ma tutte le 60 concorrenti ammesse sono ripartite da zero, ossia con pari possibilità di assicurarsi il trofeo vincendo la gara. La prima moneta di 1.500.000 dollari, la più alta in assoluto per un evento femminile, è l’insieme di 500.000 dollari per il titolo e di un milione di dollari per il CME Globe, su un montepremi totale di cinque milioni di dollari.

Sul percorso del Tiburón Golf Club (par 72), a Naples in Florida, Sei Young Kim (nella foto), 26enne di Seoul nove volte a segno nel circuito e cinque nel LPGA Korean Tour, ha tenuto alto il ritmo con sei birdie e un bogey per il 67 (-5) con cui ha lasciato a due colpi la tedesca Caroline Masson (134, -10).

l terzo posto con 135 (-9) Nelly Korda e la canadese Brooke M. Henderson, al quinto con 136 (-8) l’australiana Su Oh e al sesto con 137 (-7) Lexi Thompson, campionessa uscente della gara, Jessica Korda, sorella di Nelly, e la cinese Yu Liu. Può recuperare la giapponese Nasa Hataoka, che si trova tra le sei concorrenti in nona posizione con 138 (-6), mentre appare più difficile il compito della coreana Jeongeun Lee6, 15ª con 139 (-5).

Sembrano invece già fuori gioco, se non altro per il tipo di rendimento che stanno fornendo, la coreana Jin Young Ko, numero uno mondiale, 23ª con 140 (-4), peraltro sofferente per un infortunio non pienamente smaltito, la cinese Shanshan Feng e la thailandese Ariya Jutanugarn, vincitrice della Race nel 2018 e nel 2016, 29.e con 142 (-2), l’altra coreana Sung Hyun Park, numero due del Rolex ranking, 37ª con 144 (par), e l’australiana Minjee Lee, 43ª con 145 (+1).

I RISULTATI