fbpx

LPGA: primo titolo per Chella Choi

  20 Luglio 2015 News
Condividi su:

La coreana Chella Choi (nella foto) ha ottenuto il primo titolo nel LPGA Tour imponendosi con 270 colpi (73 66 65 66, -14) nel Marathon Classic, disputato sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club (par 71) a Sylvania, nell’Ohio. La 25enne di Seoul ha raggiunto nel giro finale la connazionale Ha Na Jang (270 – 66 67 69 68), in vetta sin dal primo giro, e poi l’ha superata con un par alla prima buca di spareggio.   Sono rimaste fuori dal playoff per un colpo la cinese Shanshan Feng e la neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale e campionessa uscente, terze con 271 (-13). Al quinto posto con 273 (-11) Brittany Lang e altre due coreane, Hyo Joo Kim e Q Baek, e all’ottavo con 274 (-10) Angela Stanford, la spagnola Azahara Muñoz  e la coreana Inbee Park, numero uno del Rolex Ranking, che ha ceduto scendendo dal terzo. Al 14° con 276 (-8) Stacy Lewis, al 18° con 277 (-7) Lexi Thompson e al 32° con 279 (-5) Paula Creamer.   La Choi ha effettuato il ricongiungimento grazie a un 66 (-6) prodotto di cinque birdie senza bogey, mentre la Jang ha segnato sei birdie, ma un bogey e un doppio bogey (68, -3) in pratica le sono costati il successo. E’ uscita al taglio Giulia Sergas, 133ª con 154 (80 74, +12), non ancora al meglio dopo lo stop per l’infortunio alla caviglia, e Silvia Cavalleri si è ritirata al termine del primo giro. Alla vincitrice è andato un assegno di 225.000 dollari su un montepremi di 1.500.000 dollari.   Terzo giro – La coreana Ha Na Jang ha continuato con 202 colpi (66 67 69, -11) la sua corsa di testa nel Marathon Classic (LPGA Tour), che si sta disputando sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club (par 71) a Sylvania, nell’Ohio, dove è uscita al taglio Giulia Sergas, 133ª con 154 (80 74, +12), non ancora al meglio dopo lo stop per l’infortunio alla caviglia, e dove Silvia Cavalleri si è ritirata al termine del primo giro.   La Jang è seguita con 203 (-10) dalla connazionale Q Baek, ma le sue avversarie più pericolose nella volata per il titolo saranno l’altra connazionale Inbee Park, numero uno mondiale, la neozelandese Lydia Ko, numero due e campionessa uscente, e la cinese Shanshan Feng, numero sette, al terzo posto con 204 (-9) in compagnia di Austin Ernst e della coreana Chella Choi.   Sono fuori gioco Stacy Lewis, numero tre del Rolex Ranking, 23ª con 208 (-5), Paula Creamer e Lexi Thompson, 28.e con 210 (-3), mentre non riesce più a trovare i ritmi del passato la giapponese Ai Miyazato, 56ª con 214 (+1). Il montepremi è di 1.500.000 dollari.     Secondo giro – E’ stato sospeso il secondo giro del Marathon Classic che si sta disputando sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club (par 71) a Sylvania, nell’Ohio, ma sono fuori le due italiane in gara: Silvia Cavalleri si è ritirata dopo un turno e Giulia Sergas, 121ª con “+8” dopo 12 buche, non potrà evitare il taglio, poiché le sarà praticamente impossibile scendere di almeno sette colpi sotto par nelle sei buche che le restano da giocare.   Ha mantenuto la leadership con 133 colpi (66 67, -9) la coreana Ha Na Jang, ora seguita con 135 (-7) dalla connazionale Q Baek. In terza posizione con 136 (-6) la cinese Shanshan Feng, l’olandese Dewi Claire Schreefel e l’australiana Sarah Kemp. Hanno recuperato terreno, e possono ancora migliorarsi, la coreana Inbee Park, numero uno mondiale, e la neozelandese Lydia Ko, numero due e campionessa uscente, appaiate ad decimo posto con “meno 4” e uscite dal campo quando erano entrambe alla buca 14. Hanno concluso Stacy Lewis, numero tre, 18ª con 139 (-3), Paula Creamer, 37ª con 141 (-1), e la giapponese Ai Miyazato, 57ª con 143 (+1).   Per la Jang 67 (-4) colpi con quattro birdie e per la Sergas tre birdie e due bogey prima dello stop. Il montepremi è di 1.500.000 dollari.   Primo giro – Non è  stato fortunato il ritorno nel LPGA Tour di Giulia Sergas, 139ª con 80 (+9) colpi dopo il giro iniziale del Marathon Classic che si sta svolgendo sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club (par 71) a Sylvania, nell’Ohio. Del resto era difficile che potesse esprimersi subito ai suoi standard dopo  l’incidente alla caviglia e il conseguente lungo stop. Le cose non sono andate bene neanche per Silvia Cavalleri, 128ª con 77 (+6), che peraltro non gioca con continuità.   Ha preso il comando con un 66 (-5) la coreana Ha Na Jang, ma non le hanno lasciato molto spazio Nannette Hill, l’australiana Sarah Kemp, la sudafricana Anne-Lee Pace e Wei-Ling Hsu di Taipei, seconde con 67 (-4). Tra le dodici concorrenti al sesto posto con 68 (-3) si trovano Angela Stanford, la tedesca Caroline Masson e la coreana Mirim Lee. Al 18° posto con 69 (-2) la cinese Shanshan Feng e l’australiana Minjee Lee, al 30° con 70 (-1) la coreana Inbee Park, leader del Rolex ranking, e al 40° con 71 (par) la neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale e campionessa uscente, Stacy Lewis, numero tre, Paula Creamer e la giapponese Ai Miyazato.   Ha Na Jang ha marciato con sei birdie e un bogey. La Cavalleri ha segnato un birdie, cinque bogey e un doppio bogey e la Sergas due birdie, cinque bogey un doppio bogey e un “8” a una buca par 4. Il montepremi è di 1.500.000 dollari.   Prologo – La neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale, difende il titolo nel Marathon Classic (16-19 luglio), torneo del LPGA Tour che si svolge sul percorso dell’Highland Meadows Golf Club a Sylvania, nell’Ohio. Rientra sul circuito Giulia Sergas, dopo una lunga assegna dovuta a un incidente alla caviglia, e sarà in gara anche Silvia Cavalleri.   La Ko, che non attraversa un buon periodo di forma, avrà come al solito le avversarie più pericolose nella coreana Inbee Park, leader del Rolex Ranking, e in Stacy Lewis, numero tre. Altre possibili candidate al titolo sono Paula Creamer, Cristie Kerr e Lexi Thompson, la cinese Shanshan Feng, le coreane Na Yeon Choi e So Yeon Ryu e la giapponese Ai Miyazato. Se seguire due giovani interessanti: l’australiana Minjee Lee e la cinese Xi Yu Lin. IUn palio 1.500.000 dollari.   I risultati