fbpx

LPGA: nel Lotte Championship titolo a Suzann Pettersen Giulia Sergas al 28° posto

  21 Aprile 2013 News
Condividi su:

Giulia Sergas si è classificata al 28° posto con 283 colpi (72 71 70 70, -5) nel Lotte Championship, torneo del LPGA Tour disputato sul percorso del Ko Olina Golf Club (par 72), a Kapolei nell’isola hawaiana di Oahu. Si è imposta con 269 colpi la norvegese Suzann Pettersen (65 69 68 67, -19), nella foto, che dopo essere stata raggiunta nel giro finale della statunitense Lizette Salas (69 71 67 62) l’ha superata con un par alla prima buca di spareggio. Al terzo posto con 273 (-15) la 17enne thailandese Ariya Jutanugarn, neopro già vincitrice di una gara nel LET, al quarto con 275 (-13) le coreane Inbee Park, numero uno mondiale, e In-Kyung Kim, al sesto con 277 (-11) Jessica Korda, la giapponese Ai Miyazato e la coreana Na Yeon Choi. Tra le concorrenti al nono con 278 (-10) Stacy Lewis, la cinese Shanshan Feng e la 16enne dilettante neozelandese Lydia Ko, al 17° con 280 (-8) Paula Creamer e l’australiana Karrie Webb, al 38° con 285 (-3) la taiwanese Yani Tseng. La Pettersen, 32enne di Oslo, ha conquistato l’undicesimo titolo nel circuito, uno dei quali ottenuto in un major (LPGA Championship, 2007), ma vanta anche sei successi del Ladies European Tour oltre ad essere una delle colonne portati della compagine europea di Solheim Cup. Ha tenuto alti i ritmi nel turno conclusivo con un 67 (-5, con otto birdie e tre bogey), ma la Salas, 24enne californiana al secondo anno di tour, è rinvenuta con un ottimo 62 (-10, con un eagle, nove birdie e un bogey) salvo poi ad arrendersi con un doppio bogey di fronte all’esperienza dell’avversaria. La Sergas ha terminato con un 70 (-2), frutto di tre birdie e di un bogey, e con il rammarico di due colpi di penalità che le sono stati inflitti per gioco lento sull’ultima buca nel terzo giro, decisione che ha ritenuto assolutamente ingiusta. Alla vincitrice sono andati 225.000 euro su un montepremi di 1.700.000 dollari. Terzo giro – Giulia Sergas, 24ª con 213 (72 71 70, -3), ha guadagnato altre tredici posizioni anche a dispetto di due colpi di penalità subiti per gioco lento, nel terzo giro del Lotte Championship, torneo del LPGA Tour che termina con la disputa del quarto sul percorso del Ko Olina Golf Club (par 72), a Kapolei nell’isola hawaiana di Oahu. La norvegese Suzann Pettersen, numero sei del Rolex ranking e da 306 settimane tra le top ten, ha mantenuto la leadership con 202 colpi (65 69 68, -14), ma nel turno conclusivo non avrà vita facile per i presumibili attacchi della coreana Hee Kyung Seo, seconda con 203 (-13), della giapponese Ai Miyazato, terza con 205 (-11), dell’altra coreana Hyo Joo Kim, quarta con 206 (-10), e di Stacy Lewis, numero due mondiale, di Lizette Salas e della 17enne thailandese Ariya Jutanugarn, quinte con 207 (-9). E’ risalita dal 19° all’ottavo posto con 208 (-8) la coreana Inbee Park, che ha appena spodestato la Lewis dal trono più ambito, ma è difficile un suo rientro nella corsa al titolo così come per Jessica Korda e per l’inglese Jodi Ewart che l’affiancano.   Sono fuori, ma possono sicuramente provare a chiudere in posizione migliore, la coreana Na Yeon Choi, 15ª con 211 (-5), la sedicenne dilettante neozelandese Lydia Ko, 21ª con 212 (-4), l’australiana Karrie Webb e la cinese Shanshan Feng, che hanno lo stesso score della Sergas, la taiwanese Yani Tseng e Paula Creamer, 32.e con 214 (-2). La Pettersen ha girato in 68 (-4) colpi con cinque birdie e un bogey, la Seo in 66 (-6) con un eagle, sei birdie e due bogey. La Sergas è partita a grande andatura con sei birdie e un bogey nelle prime nove buche, ma nel finale è incappata in un bogey e in un doppio bogey (70, -2) che le hanno fatto perdere dodici posizioni. Il doppio bogey, però, è arrivato a tavolino perché i giudici le hanno inflitto due colpi di penalità alla buca 18 per gioco lento, stessa sorte toccata anche alla coreana Meena Lee, la sua compagna sul campo. Naturalmente la triestina è rimasta molto contrariata ritenendo la decisione assolutamente ingiusta. C’è comunque da dire che avrebbero potuto essere penalizzate anche altre concorrenti per lo stesso motivo, per le quali i giudici hanno chiuso un occhio. Incidente di percorso a parte, la Sergas ha comunque ancora l’opportunità di classificarsi per il quarto torneo consecutivo tra le prime dieci dopo il quarto posto nella Donnelley Cup, il nono nel Kia Classic e il settimo nel Nabisco Championship, primo major stagionale. Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Secondo giro – Giulia Sergas ha effettuato un ottimo recupero, portandosi dal 78° a 37° posto con 143 colpi (72 71, -1), nel secondo giro del Lotte Championship, torneo del LPGA Tour che si sta disputando sul percorso del Ko Olina Golf Club (par 72), a Kapolei nell’isola hawaiana di Oahu. E’ variata la classifica dove i primi sei posti sono occupati da proettes che alla vigilia erano indicate tra le favorite: la norvegese Suzann Pettersen, leader con 134 colpi (65 69, -10), la giapponese Ai Miyazato, seconda con 135 (67 68, -9), la spagnola Beatriz Recari e le coreane Hee Kyung Seo e Hyo Joo Kim, terze con 137 (-7), e Stacy Lewis, numero due mondiale, sesta con 138 (-6). Ha ceduto con un 75 (+3) la 17enne neo pro thailandese Ariya Jutanugarn, in vetta dopo il primo turno e ora settima con 139 (-5) alla pari con altre cinque concorrenti tra le quali la coreana So Yeon Ryu, altra candidata al successo. In rimonta la cinese Shanshan Feng, da 27ª a  13ª con 140 (-4), la coreana Inbee Park, nuova numero uno del Rolex Ranking, da 27ª a 19ª con 141 (-3), e la sedicenne dilettante neozelandese Lydia Ko, già vincitrice di tre gare professionistiche, da 52ª a 28ª con 142 (-2). Sono alla pari con Giulia Sergas la taiwanese Yani Tseng, l’australiana Karrie Webb e Paula Creamer e ha perso posizioni la coreana Na Yeon Choi, da 27ª a 47ª con 144 (par). Sono uscite al taglio per il colpo Cristie Kerr e l’inglese Laura Davies, 78.e con 147 (+3). La Pettersen ha realizzato un parziale di 69 (-3) colpi con quattro birdie e un bogey salendo in vetta soprattutto per la dote accumulata con il 65 (-7) del primo giro e approfittando anche di un piccolo calo delle avversarie più vicine. Un po’ irregolare, ma efficace Ai Miyazato che ha marciato in 68 (-4) con sette birdie e tre bogey, mentre la Sergas ha mantenuto alta la concentrazione, ha corso rischi relativi e ha concluso in 71 (-1) con tre birdie e due bogey.  Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Primo giro – Falsa partenza di Giulia Sergas, 78ª con 72 (par) colpi, nel Lotte Championship, torneo del LPGA Tour che si sta svolgendo sul percorso del Ko Olina Golf Club (par 72), a Kapolei nell’isola hawaiana di Oahu. E’ al comando, grazie a un ottimo giro in 64 (-8) colpi, la thailandese Ariya Jutanugarn, 17 anni, professionista da pochi mesi e già vincitrice di una gara nel Ladies European Tour (Lalla Meryem Cup a fine marzo), dove si era presentata dominando nella Qualifying School a dicembre. Seguono con 65 (-7) la norvegese Suzann Pettersen e la coreana Hee Kyung Seo e con 66 (-6) Danielle Kang e Hyo Joo Kim. Al sesto posto con 67 (-5) Stacy Lewis, numero due mondiale, Gerina Piller, Jane Park, Jane Rah, la giapponese Ai Miyazato, la coreana So Yeon Ryu, la spagnola Beatriz Recari e la canadese Rebecca Lee-Bentham, che si è imposta nella Qualifying School del LPGA Tour alla pari con Moriya Jutanugarn, sorella 18enne di Ariya anche lei tra le proettes dalla fine dello scorso anno e che occupa la 16ª posizione con 69 (-3) insieme all’australiana Karrie Webb. Hanno già un discreto ritardo dalla leader la cinese Shanshan Feng e le coreane Na Yeon Choi e Inbee Park, quest’ultima appena divenuta numero uno del Rolex ranking, 27.e con 70 (-2), Paula Creamer, Cristie Kerr e la taiwanese Yani Tseng, 52.e con 71 (-1). La Jutanugarn ha iniziato a ritmo elevatissimo mettendo a segno sei birdie sulle prime nove buche. Dopo aver rallentato con un bogey alla 10ª ha completato la sua galoppata con la sequenza eagle-birdie (14ª e 15ª). La Sergas, partita dalla buca 10, è scesa di un colpo sotto par alla 14, ma lo ha perso alla 17. Nuovo birdie alla prima buca di ritorno e bogey per il definitivo 72 alla terza (la 12ª giocata). Il montepremi è di 1.700.000 dollari. Prologo – Dopo tre top ten consecutive e una salutare settimana di riposo alle Hawaii, Giulia Sergas torna in campo proprio in una delle splendide isole statunitensi, Oahu, per la disputa del Lotte Championship (17-20 aprile), torneo del LPGA Tour in programma al Ko Olina Golf Club di Kapolei. Sarà un evento di altissima qualità tecnica per la presenza di ben nove delle prime dieci giocatrici del Rolex Ranking, compresa la coreana Inbee Park, neo numero uno mondiale. Ha vinto il Nabisco Championship, primo major stagionale, ma ha curiosamente superato la statunitense Stacy Lewis una settimana dopo, in cui non si è giocato, detronizzandola dopo un breve regno di appena un mese per quattro centesimi di punto. Oltre alle due di testa punteranno al titolo anche le altre proettes che le seguono nella graduatoria: la taiwanese Yani Tseng, le coreane Na Yeon Choi e So Yeon Ryu, la norvegese Suzann Pettersen, da 306 settimane tra le top ten, la cinese Shanshan Feng, la giapponese Ai Miyazato, campionessa uscente, e l’australiana Karrie Webb. Unica assente la coreana Jiyai Shin, che occupa la settima posizione. Tra le altre favorite ricordiamo Paula Creamer e Kristie Kerr, la spagnola Beatriz Recari, l’inglese Jodi Ewart e la stessa Sergas, peraltro entrata tra le prime 50 nella classifica mondiale (49ª). Il montepremi è di 1.700.000 dollari.   I risultati