fbpx

LPGA: gran finale della coreana Inbee Park Giulia Molinaro 45ª

  09 Giugno 2014 News
Condividi su:

​​

La coreana Inbee Park (nella foto), con una gran volata finale in 61 colpi (-10) e il punteggio di 261 (69 66 65 61, -23), si è imposta nel Manulife Financial LPGA Classic, torneo del LPGA Tour disputato al Grey Silo Golf Course (par 71) di Waterloo, nell’Ontario in Canada. Si è classifica 45ª Giulia Molinaro (278 – 71 70 70 67, -6), risalita di 15 posizioni con un 67 (-4). La Park, scesa dal trono mondiale la scorsa settimana per cederlo a Stacy Lewis, ha avuto una grandissima reazione imponendo un ritmo micidiale al quale ha provato a rispondere la navigata Cristie Kerr (264, -20), ma il 63 (-8) è bastato solo a garantirle la seconda piazza. In terza con 266 (-18) la cinese Shanshan Feng, leader dopo tre turni, e in quarta con 268 (-16) la spagnola Belen Mozo e la neozelandese Lydia Ko. La Lewis, in difficoltà per tre turni, ha risposto in maniera molto determinata alla Park: non poteva ormai più vincere, ma con un 63 e il sesto posto con 269 (-15), alla pari con Michelle Wie, ha quanto meno contenuto i danni. Nelle prime posizioni della graduatoria anche la coreana Chella Choi, e la norvegese Suzann Pettersen, ottave con 270 (-14), la tedesca Caroline Masson, la svedese Anna Nordqvist e le coreane So Yeon Ryu ed Hee Young Park, campionessa uscente, decime con 271 (-13), e l’altra coreana Na Yeon Choi, 14ª con 272 (-12). Non ha superato il taglio Silvia Cavalleri, 92ª con 145 (73 72, +3) e out per due colpi, mentre al termine del primo giro (78, +7) si è ritirata Giulia Sergas per misura precauzionale a seguito di problemi a un  gomito. La strada di Inbee Park, verso il decimo titolo nel circuito (nel suo palmares quattro major), è stata lastricata di dieci birdie. Ha fatto percorso pulito anche Cristie Kerr con otto birdie e Stacy Lewis ne ha realizzati nove, ma con un bogey. La Molinaro ha espresso il suo miglior parziale del torneo con cinque birdie e un bogey. Per la Park, 26enne di Seoul, un premio di 225.000 dollari su 1.500.000 dollari in palio.   Terzo giro – La cinese Shanshan Feng è rimasta da sola al comando con 198 colpi (66 65 67, -15) a un giro dal termine del Manulife Financial LPGA Classic, torneo del LPGA Tour che si sta svolgendo al Grey Silo Golf Course (par 71) di Waterloo, nell’Ontario in Canada, e dove Giulia Molinaro è al 60° posto con 211 (71 70 70, -2). Ha attaccato la coreana Inbee Park, ben decisa a riprendersi lo scettro mondiale strappatole la scorsa settimana da Stacy Lewis: con un ottimo giro in 65 (-6) e lo score di 200 (69 66 65, -13) è salita al secondo posto dove è affiancata da Michelle Wie, in ottima condizione e altra autorevole candidata al titolo. In corsa anche Cristie Kerr, quarta con 201 (-12), la neozelandese Lydia Ko, numero tre del Rolex Ranking, e la svedese Anna Nordqvist, quinte con 202 (-11), le coreane Na Yeon Choi ed Hee Young Park, campionessa uscente e leader dopo due turni, la spagnola Belen Mozo e la taiwanese Candie Kung, settime con 203 (-10), e la norvegese Suzann Pettersen, 11ª con 204 (-9).  E’ al 18° posto con 206 (69 69 68, -7) e in grossa difficoltà Stacy Lewis, che vede a rischio la sua fresca corona mondiale. La Feng, 25enne di Guangzhou con tre titoli nel circuito comprensivi di un major (LPGA Championship), due nel Ladies European Tour e cinque nel Japan Tour, ha girato in 67 (-4) colpi con un eagle, tre birdie e un bogey. La Park le ha recuperato due colpi con sei birdie, senza bogey, e la Wie gliene ha concesso uno con un 68 (-3) frutto di sei birdie e di tre bogey. Per la Molinaro secondo 70 (-1) consecutivo con sei birdie e cinque bogey. Non ha superato il taglio Silvia Cavalleri, 92ª con 145 (73 72, +3) e out per due colpi, mentre al termine del primo giro (78, +7) si è ritirata Giulia Sergas per misura precauzionale a seguito di problemi a un  gomito. Sono in palio 1.500.000 dollari con prima moneta di 225.000 dollari. Secondo giro – Giulia Molinaro, 46ª con 141 colpi (71 70, -1), è l’unica italiana rimasta in gara nel Manulife Financial LPGA Classic (LPGA Tour) che si sta svolgendo al Grey Silo Golf Course (par 71) di Waterloo, nell’Ontario in Canada. E’ uscita al taglio Silvia Cavalleri, 92ª con 145 (73 72, +3) e out per due colpi, mentre al termine del primo giro (78, +7) si è ritirata Giulia Sergas per misura precauzionale a seguito di problemi a un  gomito. La coreana Hee Young Park, campionessa uscente, è rimasta in vetta con 131 colpi (65 66, -11), ma ora è affiancata dalla cinese Shanshan Feng (66 65, -11) che ha preso il posto di Michelle Wie, scesa in terza posizione con 132 (65 67, -10). Al quarto posto con 133 (-9) la svedese Anna Nordqvist, al quinto con 134 (-8) la cinese Xi Yu Lin e al sesto con 135 (-7) la spagnola Belen Mozo e le coreane Na Yeon Choi, So Yeon Ryu e Inbee Park, numero due mondiale, che cerca di riprendersi il trono strappatole alla fine della scorsa settimana da Stacy Lewis. La statunitense non è riuscita a mantenere il passo della rivale ed è rimasta indietro di tre colpi: è in 19ª posizione con 138 (-4) dove è stata raggiunta dalla neozelandese Lydia Ko, numero tre del Rolex ranking. Ha un colpo in meno Suzann Pettersen, numero quattro, 16ª con 137 (-5). Il trio di testa ha fatto percorso netto: la Feng in 65 (-6) colpi con sei birdie, la Park in 66 (-5) con cinque birdie e la Wie in 67 (-4) con quattro birdie. La Molinaro ha girato in 70 (-1) con tre birdie e due bogey e la Cavalleri in 72 (+1) con tre birdie, due bogey e un doppio bogey. Sergas ha spiegato così il suo ritiro: “A volte – ha detto – se si fa troppa pratica si sovraccaricano i tendini e così, per non aggravare il male al gomito, ho preferito abbandonare per fare intense sessioni di fisioterapia e prepararmi bene per l’US Open”. Nel Manulife Financial LPGA Classic sono in palio 1.500.000 dollari con prima moneta di 225.000 dollari.   Primo giro – Michelle Wie e la coreana Hee Young Park, campionessa uscente, sono al comando con 65 (-6) colpi nel Manulife Financial LPGA Classic (LPGA Tour) che si sta svolgendo al Grey Silo Golf Course (par 71) di Waterloo, nell’Ontario in Canada. Naviga a metà classifica Giulia Molinaro, 54ª con 71 (par), e poco oltre Silvia Cavalleri, 87ª con 73 (+2), mentre ha dato forfait Giulia Sergas, che aveva comunque terminato il turno con un 78 (+7), per problemi a un gomito. La coppia di testa ha un colpo di vantaggio sulla cinese Shanshan Feng (66, -5) e due su Cristie Kerr e sulla cinese Xi Yu Lin (67, -4). Al sesto posto con 68 (-3) Kristiy McPherson, Moira Dunn, l’australiana Sarah Kemp, la giapponese Haru Nomura e le coreane Jee Young Lee, So Yeon Ryu e Na Yeon Choi. Si marcano strette Stacy Lewis, nuova numero uno mondiale, e la coreana Inbee Park, che le ha ceduto il trono dopo 59 settimane di regno, 18.e con 69 (-2). Più indietro, ma in grado di recuperare la norvegese Suzann Pettersen, 34ª con 70 (-1), e la neozelandese Lydia Ko, numero tre del Rolex Ranking, 54ª come la Molinaro, mentre ha l’arduo compito di evitare il taglio la giapponese Ai Miyazato, 101ª con 74 (+3) e sempre più lontana dalla condizione migliore. Hee Young Park ha offerto una prestazione molto attenta con sei birdie, così come la Wie che però ha macchiato i suoi sette birdie con un bogey. La Molinaro ha realizzato tre birdie, un bogey e un doppio bogey e la Cavalleri quattro bridie e sei bogey. Per la Sergas due birdie, sei bogey e un triplo bogey. La triestina è stata costretta a dare l’addio al torneo, come detto, per problemi al gomito, che l’hanno infatsidita per tutto il giro e influenzato lo score:” A volte – ha detto – se si fa troppa pratica si sovraccaricano i tendini e così, per non aggravare il male, ho preferito abbandonare per fare intense sessioni di fisioterapia e prepararmi bene per l’US Open”. Il montepremi è di 1.500.000 dollari con prima moneta di 225.000 dollari.   Prologo – Non fanno calcoli Giulia Sergas, Silvia Cavalleri e Giulia Molinaro e, quindi, non si concedono pause nel LPGA Tour dove saranno impegnate nel Manulife Financial LPGA Classic (5-8 giugno) al Grey Silo Golf Course di Waterloo, nell’Ontario in Canada. Fari obbligatoriamente puntati su Stacy Lewis, che grazie al successo di domenica scorsa nello ShopRite Classic, è divenuta nuova numero uno mondiale, scalzando dal trono la coreana Inbee Park dopo 59 settimane di regno. E’ la seconda volta che 29enne di Toledo (Ohio) sale al vertici mondiali dove era stata per quattro settimane nel 2013. Inutile dire che la Park cercherà immediata rivincita, ma non le sarà certamente facile perché al momento non riesce ad opporre una tenuta adeguata alla straripante condizione di forma della rivale. Difenderà il titolo la coreana Hee Young Park, impresa quasi proibitiva in un lotto di concorrenti di ottima qualità che, oltre alla Lewis e alla Park, comprende Michelle Wie, Cristie Kerr, la rigenerata Christina Kim, la norvegese Suzann Pettersen,  la scozzese Catriona Matthew, la svedese Anna Nordqvist, la giapponese Ai Miyazato e le coreane Na Yeon Choi e So Yeon Ryu. Verifica dei progressi palesati la scorsa settimana per Giulia Sergas, che non ha problemi di money list (56ª) e solita caccia ai dollari per Giulia Molinaro (107ª) e per Silvia Cavalleri (122ª) ancora lontane dalla zona sicurezza. Il montepremi è di 1.500.000 dollari con prima moneta di 225.000 dollari.   I risultati