fbpx

LET: Shanshan Feng domina nel Buick Championship Rigon quarta, Luna 27ª

  10 Maggio 2015 News
Condividi su:

Margherita Rigon, con un ottima prestazione tutta in alta classifica, ha ottenuto un gratificante quarto posto con 281 colpi (69 74 68 70, -7) nel Buick Championship, torneo del Ladies European Tour disputato sul percorso del Qizhong Garden Golf (par 72) a Shanghai in Cina, e dominato dalla proette di casa Shanshan Feng (271 – 65 67 69 70, -17), nella foto. Sicuramente positivo il ritorno alle gare, dopo la seconda maternità, di Diana Luna, 27ª con 287 (69 77 71 70, -1).   La Feng, 26 anni, ha conquistato il quarto successo nel LET per un palmares in cui figurano anche quattro titoli nel LPGA Tour, suo circuito di competenza, comprensivi di un major, e cinque nel Japan LPGA. La numero cinque mondiale, grande favorita dell’evento, ha preso il comando nel secondo giro e poi ha progressivamente aumentato il suo vantaggio che alla fine si è concretizzato in sei colpi sulla coreana Hyeon Seo Kang, seconda con 277 (-11), e in nove sulla danese Nicole Broch Larsen, terza con 280 (-8).   La Rigon ha condiviso la posizione con la thailandese Wichanee Meechai, con l’australiana Stacey Keating, con la gallese Amy Boulden e con la norvegese Marianne Skarpnord. Al  nono posto con 282 (-6) la finlandese Ursula Wikstrom e la taiwanese Ai-Chen Kuo e al 16° con 285 (-3) la giovanissima ed emergente cinese Xi Yu Lin.   La vincitrice, praticamente imprendibile dopo tre turni, ha affrontato il quarto un po’ più rilassata esprimendo momenti di ottimo golf, ma lasciandosi anche andare a qualche distrazione come testimoniano i sette birdie e i tre bogey e il doppio bogey che hanno fissato il 70 (-2). La Rigon, che ha iniziato al settimo posto, è scesa al 17° nel secondo, poi ha recuperato nel terzo portandosi al quinto e concludendo al quarto grazie a un 70 con quattro birdie e due bogey. La Luna, anche lei settima dopo 18 buche, ha evitato di misura il taglio nel secondo dopo un penalizzante 77 (+5), ma si è poi ripresa terminando con due punteggi sotto par, un 71 (-1) e un 70 (sei birdie, due bogey e un doppio bogey).   TERZO GIRO – Con un tonico giro in 68 (-4) colpi e lo score di 211 (69 74 68, -5) Margherita Rigon è balzata dal 17° al quinto posto nel Buick Championship, torneo del Ladies European Tour che si conclude sul percorso del Qizhong Garden Golf (par 72) a Shanghai in Cina. E’ risalita anche Diana Luna da 45ª a 33ª con 217 (69 77 71, +1), ripresasi dopo la defaillance del secondo turno.   La cinese Shanshan Feng (201 – 65 67 69, -15) ha ulteriormente incrementato il suo vantaggio e può probabilmente già programmare la passerella finale verso il quarto titolo nel LET. Infatti hanno chance di recuperare ridotte al lumicino la norvegese Marianne Skarpnord e la coreana Hyeon Seo Kang (208, -8), che accusano sette colpi di ritardo. Al quarto posto con 210 (-6) la danese Nicole Broch Larsen e al quinto, insieme alla Rigon, anche l’inglese Charley Hull, la gallese Amy Boulden. la taiwanese Ai-Chen Kuo, la coreana Bo Bea Kim e l’australiana Rebecca Artis. Ha ceduto la giovanissima cinese Xi Yu Lin, da seconda a 14ª con 213 (-3), frenata da un 75 (+3).   Shanshan Feng ha marciato con cinque birdie e due bogey per un parziale di 69 (-3), la Rigon ha segnato sei birdie e due bogey e la Luna, al ritorno alle gare dopo la seconda maternità, ha fissato il 71 (-1) con quattro birdie e tre bogey. Il montepremi è di 557.000 euro.   SECONDO GIRO – La cinese Shanshan Feng, numero cinque mondiale e grande favorita dell’evento, ha girato in 67 (-5) colpi e con il totale di 132 (65 67, -12) ha fatto il vuoto nel Buick Championship, torneo del Ladies European Tour che si sta svolgendo sul percorso del Qizhong Garden Golf (par 72) a Shanghai in Cina.   Hanno perso posizioni Margherita Rigon, da settima a 17ª con 143 (69 74, -1) e comunque rimasta in buona classifica, e Diana Luna, da settima a 45ª con 146 (69 77, +2), ultimo punteggio utile per superare il taglio,   La Feng, 26 anni, quattro titoli nel LPGA Tour, suo circuito di competenza, comprensivi di un major, cinque nel Japan LPGA e tre nel LET, ha sorpassato e ha lasciato a sei colpi l’australiana Stacey Keating, seconda con 138 (-6), affiancata dall’altra cinese Xi Yu Lin, giovanissima ed emergente. Al quarto posto con 139 (-5) la norvegese Marianne Skarpnord e la coreana Hyeon Seo Kang, al sesto con 140 (-4) l’australiana Rebecca Artis e la taiwanese Pei-Yun Chien, all’ottavo con 141 (-3) la thailandese Wichanee Meechai, la coreana Bo Bea Kim e le taiwanesi Ai-Chen Kuo e Tzu-Chi Lin, al 22° con 144 (par) la francese Jade Schaeffer e al 32° con 145 (+1), la connazionale Anne-Lise Caudal.   Sono uscite l’australiana Nikki Garrett, 54ª con 147 (+3), l’inglese Melissa Reid, 59ª con 148 (+4), la svedese Camilla Lennarth e la thailandese Titiya Plucksataporn, 70.e con 149 (+5), e la transalpina Sophie Giquel, 73ª con 150 (+6).   Shanshan Feng ha realizzato sei birdie e un bogey, la Rigon si è espressa in 74 (+2) colpi con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey, e la Luna, che probabilmente ha risentito della lunga inattività dovuta alla nascita in febbraio della seconda figlia Flavia, in 77 (+5) con tre birdie, quattro bogey e due doppi bogey. Il montepremi è di 557.000 euro.   PRIMO GIRO – Diana Luna e Margherita Rigon sono al settimo posto con 69 (-3) colpi nel Buick Championship, torneo del Ladies European Tour che si sta svolgendo sul percorso del Qizhong Garden Golf (par 72) a Shanghai in Cina.   L’australiana Stacey Keating è in vetta con un ottimo 63 (-9), ma sono sulla sua scia le due cinesi partite con i favori del pronostico, Shanshan Feng, numero cinque mondiale, seconda con 65 (-7), e la giovanissima Xi Yu Lin, terza con 66 (-6). Seguono al quarto posto con 68 (-4) la coreana So-Young Jang, la cinese Dan Li e la taiwanese Ai-Chen Kuo e affiancano le italiane sette concorrenti: la statunitense Beth Allen, la norvegese Marianne Skarpnord, le taiwanesi Pei-Yun Chien e Ssu-Chia Cheng e le thailandesi Rungthiwa Pangjan, Wichanee Meechai e Pavarisa Yoktuan.   In ritardo la francese Jade Schaeffer, 25ª con 71 (-1), l’inglese Charley Hull e la transalpina Anne-Lise Caudal, 38.e con 72 (par), la svedese Camilla Lennarth, l’australiana Nikki Garrett e la thailandese Titiya Plucksataporn, 53. con 73 (+1).   "Hole in one" – Piuttosto fortunata la brasiliana Victoria Lovelady. Ammessa al torneo grazie a un invito del circolo ospitante, ha centrato con un solo colpo la buca 16 (187 yards, par 3) utilizzando un ibrido 5 e ha avuto in premio un’auto Buick GL8 del valore di circa 60.000 euro. Ha lo stesso 71 della Schaeffer ottenuto unendo all’ace anche due birdie e tre bogey.   La Keating ha messo a segno dieci birdie e un bogey, la Feng un eagle e cinque birdie e la Lin otto birdie e un doppio bogey. La Luna, tornata alle gare dopo la seconda maternità (a febbraio è nata Flavia), e la Rigon hanno fatto cammino parallelo con quattro birdie e un bogey. Il montepremi è di 557.000 euro.  

PROLOGO – Torna alle gare Diana Luna (nella foto), dopo la seconda maternità (a febbraio è nata Flavia), che sarà in campo insieme a Margherita Rigon nel Buick Championship (7-10 maggio), torneo del Ladies European Tour che avrà luogo sul percorso del Qizhong Garden Golf a Shanghai in Cina.

  Guidano la folta pattuglia delle giocatrici di casa Shanshan Feng, numero cinque mondiale, e la giovanissima Xi Yu Lin, con la prima in veste di grande favorita, ma sono numerose le proettes in grado di imporsi tra le quali ricordiamo le inglesi Charley Hull, Melissa Reid e Holly Clyburn, le scozzesi Carly Booth e Kylie Walker, la svedese Camilla Lennarth, le australiane Stacey Keating e Nikki Garrett, le francesi Anne Lise Caudal, Jade Schaeffer e Sophie Giquel, le sudafricane Connie Chen e Stacy Lee Bregman, la danese Malene Jorgensen e la thailandese Titiya Plucksataporn.   “Ho potuto riprendere gli allenamenti un poco alla volta – ha detto recentemente Diana Luna, 33 anni nel prossimo settembre, romana e cinque titoli nel LET – e solo nell’ultimo mese li ho intensificati. Non sono al top, tuttavia il gioco corto va abbastanza bene, in quello lungo sto ritrovando potenza, ma potrei avere qualche problema con la resistenza fisica”. Il montepremi è di 557.000 euro.   I risultati