fbpx

LET: nel Dubai Masters vince Pornanong Phatlum quarta Luna, 16ª Rigon

  07 Dicembre 2013 News
Condividi su:

Diana Luna (283 – 73 68 69 73, -5) ha concluso la stagione con un brillante quarto posto nel Dubai Ladies Masters, ultimo torneo nel calendario 2013 del Ladies European Tour disputato  sul percorso dell’Emirates Golf Course (par 72) a Dubai. Bel recupero di Margherita Rigon, da 39ª a 16ª con 289 (73 76 72 68, +1), e 39ª piazza per Veronica Zorzi con 296 (75 73 71 77, +8). Ha vinto con 273 colpi (68 70 69 66, -15) la thailandese Pornanong Phatlum (nella foto) in virtù di un 66 (-6) che le ha permesso di sorpassare la statunitense Stacy Lewis (274 – 70 65 70 69, -14), numero tre mondiale e leader nei due turni centrali. Al terzo posto con 281 (-7) la spagnola Carlota Ciganda, al quinto con 285 (-3) la cinese Shanshan Feng, numero quattro del Rolex Ranking, la pluridecorata inglese Laura Davies e la svedese Louise Larsson, all’ottavo con 286 (-2) la scozzese Vikki Laing, l’inglese Charley Hull e la dilettante cinese Jing Yan. E’ andata sicuramente bene alla sudafricana Connie Chen, anche se si è classificata 39ª come la Zorzi. Infatti nel corso del terzo giro ha effettuato una "hole in one" centrando con un solo colpo la buca 15 (par  di 160 yards) con l’ausilio di un ferro 6, e ha ricevuto per la prodezza una fiammante Mercedes E400 Convertible del valore di 70.000 dollari. La Phatlum, 24 anni, è al secondo successo nel circuito continentale, dopo aver vinto l’Indian Open (2012), ma vanta anche sette titoli nel Ladies Asian Tour. E’ stata gratificata con un assegno di 75.000 euro su un montepremi di 500.000 euro. Ha condotto il giro conclusivo con sette birdie e un bogey e ha mandato deluse le aspettative della Lewis, che dopo quattro birdie ha lasciato strada alla rivale con un bogey alla buca 15. Per la Luna 73 (+1) colpi con quattro birdie e cinque bogey; per la Rigon 68 (-4) con sei birdie e due bogey; per la Zorzi 77 (+5) con un birdie, quattro bogey e un doppio bogey. Non c’è stata suspense per il successo nell’ordine di merito nel quale si è imposta con largo anticipo la norvegese Suzann Pettersen, che non ha preso parte all’evento. Ha fatto il vuoto alle sue spalle con tre sole partecipazioni, grazie in particolare ai successi nel World Ladies Championship e nell’Evian Championship, il quinto major stagionale. Ha intascato 518.448 euro precedendo la sudafricana Lee-Anne Pace (E 250.927) e l’americana Lexi Thompson (E 228.794), anche loro assenti. Al quarto posto la francese Gwladys Nocera (E 221.287), al quinto Carlota Ciganda (E 173.328) e al 21° Diana Luna (E 68.450) che grazie ai 27.000 euro guadagnati è divenuta la prima italiana in graduatoria superando in extremis Veronica Zorzi, 38ª con E 55.708. Più indietro Stefania Croce, 73ª con E 25.375, Margherita Rigon, 80ª con E 23.785, e Giulia Sergas, 85ª con 22.487.   Terzo giro – Diana Luna, terza con 210 colpi (73 68 69, -6), si è avvicinata ulteriormente alla vetta nel terzo giro del Dubai Ladies Masters, torneo che conclude la stagione del Ladies European Tour sul percorso dell’Emirates Golf Course (par 72) a Dubai. Hanno recuperato Veronica Zorzi, da 45ª a 26ª con 219 (75 73 71, +3), e Margherita Rigon, da 50ª a 39ª con 221 (73 76 72, +5). La statunitense Stacy Lewis, numero tre mondiale, ha mantenuto la leadership con 205 colpi (70 65 70, -11) e si è portata in seconda posizione con 207 (-9) la thailandese Pornanong Phatlum. In terza la Luna è affiancata dalla scozzese Vikki Laing e dalla spagnola Carlota Ciganda, vincitrice della money list nel 2012, in sesta con 211 (-5) si trovano le svedesi Louise Larsson e Pernilla Lindberg, in ottava con 212 (-4) l’inglese Laura Davies, in nona con 214 (-2) la cinese Shanshan Feng, numero quattro del Rolex Ranking, e l’australiana Sarah Kemp e in 11ª con 215 (-1) la francese Gwladys Nocera. Ritmo più lento, rispetto al giro precedente, della Lewis alla quale comunque, per rimanere al vertice, è stato sufficiente il 70 (-2) con tre birdie e un bogey. La Phatlum le ha recuperato un colpo con un parziale di 69 (-3) dovuto a cinque birdie e a due bogey e ha ottenuto lo stesso punteggio Diana Luna con sei bridie e tre bogey. Per la Zorzi 71 (-1) colpi con cinque birdie e quattro bogey; per la Rigon 72 (par) con tre birdie e altrettanti bogey. Si compete solo per il titolo, mentre è già tutto deciso per quanto riguarda la money list dove la norvegese Suzann Pettersen (euro 518.448), assente nell’occasione, ha fatto il vuoto con tre sole partecipazioni, grazie in particolare ai successi nel World Ladies Championship e nell’Evian Championship, il quinto major stagionale. Assenti anche la sudafricana Lee-Anne Pace, seconda con euro 250.927, e l’americana Lexi Thompson (suo il titolo di questo torneo nel 2011 quando aveva soli 16 anni), terza con 228.794 euro, mentre la francese Gwladys Nocera, quarta con 214.371 euro, vincendo avrebbe avuto l’opportunità, ormai sfumata, di superare entrambe. Veronica Zorzi è al 33° posto con 52.415 euro e Diana Luna al 41° con 41.450.   Secondo giro – Diana Luna, quinta con 141 colpi (73 68, -3), ha guadagnato ventitre posizioni nel secondo giro del Dubai Ladies Masters, torneo che conclude la stagione del Ladies European Tour sul percorso dell’Emirates Golf Course (par 72) a Dubai. Ne ha recuperate undici Veronica Zorzi, 46ª con 148 (75 73, +4), e ne ha perse 18 Margherita Rigon, che l’affianca con lo stesso "+4", ma con una buca da giocare. Infatti sei giocatrici non hanno completato il giro per la sopravvenuta oscurità, ma non porteranno sostanziali variazioni alla graduatoria. Ha decisamente attaccato la statunitense Stacy Lewis, numero tre mondiale, che con un parziale di 65 (-7), miglior score di giornata, si è portata al comando con 135 colpi (70 65, -9). Precede la svedese Pernilla Lindberg (136, -8), la spagnola Carlota Ciganda (137, -7) e la thailandese Pornanong Phatlum (138, -6), mentre la Luna è affiancata dalla scozzese Vikki Laing, dalla tedesca Caroline Masson e dalla gloria inglese Laura Davies. Gran rimonta della cinese Shanshan Feng, numero quattro del Rolex Ranking, da 71ª a 12ª con 143 (-1), grazie a un 67 (-5), secondo punteggio del turno, e sei passi indietro per la francese Gwladys Nocera, 19ª con 144 (par). La Lewis si è espressa con otto bridie e un bogey; la Feng con cinque birdie senza bogey; la Luna ha realizzato il terzo score più basso del giro con un eagle, cinque birdie e tre bogey. Per la Zorzi 73 (+1) colpi con tre birdie, due bogey e un doppio bogey; per la Rigon un bogey e un doppio bogey sulle 17 buche giocate. Si è ritirata Sophie Sandolo. Il montepremi è di 500.000 euro. Si compete solo per il titolo, mentre è già tutto deciso per quanto riguarda la money list dove la norvegese Suzann Pettersen (euro 518.448), assente nell’occasione, ha fatto il vuoto con tre sole partecipazioni, grazie in particolare ai successi nel World Ladies Championship e nell’Evian Championship, il quinto major stagionale. Assenti anche la sudafricana Lee-Anne Pace, seconda con euro 250.927, e l’americana Lexi Thompson (suo il titolo di questo torneo nel 2011 quando aveva soli 16 anni), terza con 228.794 euro, mentre la francese Gwladys Nocera, quarta con 214.371 euro, avrebbe l’opportunità, vincendo, di superarle entrambe, ma ormai l’eventualità appare piuttosto difficile. Veronica Zorzi è al 33° posto con 52.415 euro e Diana Luna al 41° con 41.450.   Primo giro – Diana Luna e Margherita Rigon hanno concluso al 28° posto con 73 (+1) colpi il giro iniziale del Dubai Ladies Masters, torneo che conclude la stagione del Ladies European Tour sul percorso dell’Emirates Golf Course (par 72) a Dubai. Più attardata Veronica Zorzi, 57ª con 75 (+3). E’ al comando un terzetto con 67 colpi (-5) composto dalla svedese Pernilla Lindberg e dalle spagnole Carlota Ciganda e Mireia Prat, quest’ultima vincitrice dell’ordine di merito del LET Access, il secondo circuito femminile continentale. In quarta posizione con 68 (-4) la thailandese Pornanong Phatlum, in quinta con 69 (-3) la tedesca Caroline Masson, in sesta con 70 (-2) la statunitense Stacy Lewis, numero tre mondiale, le inglesi Laura Davies e Charley Hull, la russa Maria Balikoeva, la thailandese Patcharajutar Kongkraphan, l’australiana Sarah Kemp e la francese Valentine Derrey, in 13ª con 71 (-1) la transalpina Gwladys Nocera. Non ha brillato la cinese Shanshan Feng, numero quattro del Rolex Ranking, 72ª con 76 (+4). La Prat e la Lindberg si sono espresse con cinque birdie senza bogey, mentre la Ciganda ne ha trovato uno, ma i suoi birdie sono stati sei. Per la Luna due birdie e tre bogey; per la Rigon quattro birdie e cinque bogey; per la Zorzi due birdie e cinque bogey. Si è ritirata Sophie Sandolo. Si compete solo per il titolo, mentre è già tutto deciso per quanto riguarda la money list dove la norvegese Suzann Pettersen (euro 518.448), assente nell’occasione, ha fatto il vuoto con tre sole partecipazioni, grazie in particolare ai successi nel World Ladies Championship e nell’Evian Championship, il quinto major stagionale. Assenti anche la sudafricana Lee-Anne Pace, seconda con euro 250.927, e l’americana Lexi Thompson (suo il titolo di questo torneo nel 2011 quando aveva soli 16 anni), terza con 228.794 euro, mentre la francese Gwladys Nocera, quarta con 214.371 euro  ha l’opportunità, vincendo, di superarle entrambe. Veronica Zorzi è al 33° posto con 52.415 euro e Diana Luna al 41° con 41.450. Il montepremi è di 500.000 euro.   Prologo – Diana Luna, Veronica Zorzi, Margherita Rigon e Sophie Sandolo saranno sul tee di partenza dell’Omega Dubai Ladies Masters (4-7 dicembre), torneo che conclude la stagione del Ladies European Tour sul percorso dell’Emirates Golf Course a Dubai. "Stelle" del torneo saranno indubbiamente la statunitense Stacy Lewis, vincitrice del British Open e  numero tre mondiale, e la cinese Shanshan Feng, numero quattro, in un field di ottima qualità che comprende, tra le altre, le inglesi Laura Davies, Melissa Reid e Charley Hull, la spagnola Carlota Ciganda, le francesi Gwladys Nocera, Anne Lise Caudal e Jade Schaeffer, le svedesi Sophie Gustafson e Carin Koch e le thailandesi Pornanong Phatlum e Thidapa Suwannapura, a segno la scorsa settimana nell’Indian Open. Da segnalare la presenza della marocchina Maha Haddioui, prima donna di origine araba a giocare nel circuito. Non ci sarà suspense per la leadership nell’ordine di merito dove la norvegese Suzann Pettersen (euro 518.448), assente nell’occasione, ha fatto il vuoto con tre sole partecipazioni, grazie in particolare ai successi nel World Ladies Championship e nell’Evian Championship, il quinto major stagionale. Assenti anche la sudafricana Lee-Anne Pace, seconda con euro 250.927, e l’americana Lexi Thompson (suo il titolo di questo torneo nel 2011 quando aveva soli 16 anni), terza con 228.794 euro, mentre la francese Gwladys Nocera, quarta con 214.371 euro  ha l’opportunità, vincendo, di superarle entrambe. Veronica Zorzi è al 33° posto con 52.415 euro e Diana Luna al 41° con 41.450. Il montepremi è di 500.000 euro.   I risultati