fbpx

LET: in Nuova Zelanda gran volata di Mi Hyang Lee

  02 Febbraio 2014 News
Condividi su:

La coreana Mi Hyang Lee (nella foto) con un giro finale in 63 (-9) colpi, nuovo record del campo, e con lo score di 207 (72 72 63, -9) ha bruciato sul filo di lana la neozelandese Lydia Ko (208 – 69 69 70, -8), campionessa uscente, nell’ISPS Handa New Zealand Women´s Open, gara inaugurale del Ladies European Tour 2014 disputata sul percorso del Clearwater Golf Club (par 71), ad Harewood in Nuova Zelanda, e alla quale non hanno preso parte giocatrici italiane. Al terzo posto con 209 (-7) l’altra coreana Seonwoo Bae e le statunitensi Beth Allen e Anya Alvarez, al sesto con 211 (-5) le australiane Bree Arthur e Sarah-Jane Smith e la francese Marion Recordeau. Mai in corsa per il successo l’inglese Charley Hull, 11ª con 213 (-3), l’australiana Lindsey Wright, 26ª con 216 (par), e le inglesi Laura Davies, 33ª con 217 (+1), e Melissa Reid, 40ª con 218 (+2). La vincitrice, ventuno anni nel prossimo marzo, ha conquistato il primo titolo nel LET grazie a una volata iniziata con un eagle e proseguita con sette birdie. Nello scorsa stagione ha svolto attività con poca fortuna nel LPGA Tour dove aveva avuto accesso con il sesto posto nell’ordine di merito del Symetra Tour 2012 in cui si era imposta anche nel Symetra Classic. Sull’ultima buca hanno avuto la possibilità di portarla al play off le giocatrici che sembravano destinare a contendersi la vittoria prima di essere sorpassate di un colpo dalla Lee, ossia Beth Allen, Anya Alvarez e Lydia Ko. Le prime due, però, hanno mancato il green e hanno segnato un bogey scendendo in terza posizione condivisa con Seonwoo Bae, mentre la Ko non è riuscita a centrare la buca da circa sei metri per il birdie. Da ricordare che la quasi diciassettenne Ko nella nottata precedente il secondo giro era stata colpita da violenti dolori di stomaco e costretta a una visita notturna in ospedale, rimanendo peraltro a digiuno per circa 24 ore. Pur debilitata ha comunque giocato al livello che le compete come numero quattro mondiale. Alla Lee è andato un assegno di 30.000 euro su un montepremi di 200.000 euro.   Secondo giro – Anya Alvarez, 24enne dell’Oklahoma con una ‘conditional card’ per il LPGA Tour conquistata alla recente Qualifying School, è la nuova leader con 136 colpi (70 66, -8) dell’ISPS Handa New Zealand Women´s Open, gara inaugurale del Ladies European Tour 2014 che si sta svolgendo sul percorso del Clearwater Golf Club (par 71), ad Harewood in Nuova Zelanda, e alla quale non partecipano giocatrici italiane. Il personaggio del giorno, però, è stata la neozelandese Lydia Ko, campionessa uscente, salita al secondo posto con 138 (69 69, -6), anche a dispetto di una visita notturna in ospedale e di un digiuno di quasi 24 ore a causa di problemi di stomaco con forti dolori. “Stavo per ritirarmi, ma per fortuna non l’ho fatto” ha detto la numero quattro mondiale, che quando si è imposta lo scorso anno era ancora dilettante divenendo nell’occasione la più giovane vincitrice nel tour (15 anni, otto mesi, 17 giorni). Nel giro finale proverà a concedere un bis che sarebbe sicuramente clamoroso. Hanno chances di titolo anche l’americana Beth Allen, e le coreane Kyu-Jung Baek e Seonwoo Bae, terze con 139 (-5), l’australiana Jessica Speechley e la coreana Hyun Soo Kim, seste con 140 (-4), mentre appare difficile un inserimento delle otto giocatrici all’ottavo posto con 142 (-2), tra le quali si trova l’inglese Charley Hull. Sono fuori gioco le australiane Lindsey Wright e Stacey Keating, 16.e con 143 (-1), la loro connazionale Nikki Garrett, 33ª con 145 (+1), le inglesi Laura Davies e Melissa Reid e la sudafricana Stacy Lee Bregman, 41.e con 146 (+2). Sono uscite al taglio, caduto a 146, la francese Gwladys Nocera, 55ª con 147 (+3), l’australiana Frances Bondad e la statunitense Cheyenne Woods, nipote di Tiger Woods, 63.e con 148 (+4). Il montepremi è di 200.000 euro.   Primo giro – L’australiana Stacey Tate e la coreana Seonwoo Bae hanno concluso in vetta alla graduatoria con 68 (-4) colpi il primo giro dell’ISPS Handa New Zealand Women´s Open, gara inaugurale del Ladies European Tour 2014 che si sta svolgendo sul percorso del Clearwater Golf Club (par 71), ad Harewood in Nuova Zelanda, e alla quale non partecipano giocatrici italiane. La coppia di testa ha un colpo di margine sull’inglese Charley Hull, sulla coreana Hyeji Lee, sull’australiana Sarah-Jane Smith, sulla francese Alexandra Vilatte e sulla giovanissima neozelandese Lydia Ko, numero quattro mondiale e campionessa uscente, la quale quando si è imposta lo scorso anno era ancora dilettante e che nell’occasione  è divenuta la più giovane vincitrice nel tour (15 anni, otto mesi, 17 giorni). Hanno temuto un discreto passo l’australiana Stacey Keating e la sudafricana Stacy Lee Bregman, 16.e con 71 (-1), le inglesi Laura Davies e Melissa Reid e l’australiana Nikki Garrett, 26.e con 72 (par), e sono più indietro, ma in grado di recuperare, le australiane Lindsey Wright e Frances Bondad, 42.e con 73 (+1), e la transalpina Gwladys Nocera, 61ª con 74 (+2). Il montepremi è di 200.000 euro.   Prologo – Inizia in Nuova Zelanda il Ladies European Tour con l’ISPS Handa New Zealand Women´s Open (31 gennaio-2 febbraio), primo dei 22 eventi in cui si dipanerà il circuito. Si gioca sul percorso del Clearwater Golf Club, ad Harewood, dove non saranno presenti giocatrici italiane. Difende il titolo la neozelandese Lydia Ko, diciassette anni nel prossimo aprile, da poco passata al professionismo e numero quattro mondiale, che quando si è imposta lo scorso anno era ancora dilettante e che nell’occasione  è divenuta la più giovane vincitrice nel tour (15 anni, otto mesi, 17 giorni). Pur dotata di grande classe e determinazione non le sarà facile concedere il bis e firmare il primo titolo nella nuova categoria perché la concorrenza sarà forte. In particolare saranno da seguire le prove delle australiane Lindsey Wright, Stacey Keating e Frances Bondad, delle inglesi Laura Davies, Melissa Reid e Charley Hull, della svedese Sophie Gustafson, della francese Gwladys Nocera, dell’olandese Christel Boeljon e della sudafricana Stacy Lee Bregman. Il montepremi è di 200.000 euro.   I risultati