fbpx

LET in Marocco: primo successo di Ariya Jutanugarn, 29ª Rigon

  31 Marzo 2013 News
Condividi su:

 

Nella Lalla Meyem Cup (Ladies European Tour), disputata sul tracciato del Golf de l’Ocean (par 71), ad Agadir in Marocco, il duello finale tra diciassettenni si è risolto con il successo di Ariya Jutanugarn, nella foto, (270 – 69 67 67 67, -14). La thailandese nell’ultimo giro ha sorpassato l’inglese Charley Hull (273, -11), che la precedeva di un colpo e che gliene ha resi tre, facendosi agganciare al secondo posto dalla statunitense Beth Allen. Ha perso posizioni Margherita Rigon, da 11ª a 29ª con 286 (71 70 71 74, +2), ne ha guadagnate 18 Stefania Croce, da 56ª a 38ª con 288 (74 69 77 68, +4), e sono rimaste in bassa classifica Veronica Zorzi, 57ª con 291 (72 74 73 72, +7), e Sophie Sandolo, 59ª con 292 (74 72 74 72, +8), che si era imposta in questa gara nel 2006 quando ancora non era nel calendario del LET, dove è entrata nel 2010. Dietro al terzetto di testa sono terminate l’americana Katie Burnett, quarta con 274 (-10), la svedese Mikaela Parmlid, quinta con 276 (-8), l’australiana Sarah Kemp e la norvegese Marianne Skarpnord, seste con 278 (-6), le inglesi Laura Davies e Melissa Reid, la sudafricana Lee-Anne Pace e la ceca Klara Spilkova, ottave con 279 (-5). La Jutanugarn, vincitrice della Qualifying School e già seconda nel Volvik RACV Masters d’inizio stagione, ha messo un punto fermo sul suo primo successo con tre birdie in avvio a cui ha fatto seguire quattro birdie, un bogey e un doppio bogey alla buca 15 quando ormai era tutto deciso (67, -4). Nel 74 (+3) della Rigon due birdie e cinque bogey; nel 68 (-3) della Croce quattro birdie e un bogey; nel 72 (+1) della Zorzi tre birdie e quattro bogey, in quello della Sandolo un eagle e tre bogey. La Jutanugarn ha guadagnato 48.750 euro su un montepremi di 325.000 euro. Terzo giro – Margherita Rigon, 11ª con 212 (71 70 71, -1), ha guadagnato altre tre posizioni nella Lalla Meyem Cup (Ladies European Tour) che si conclude sul tracciato del Golf de l’Ocean (par 71), ad Agadir in Marocco. Sono in bassa classifica Veronica Zorzi, 51ª con 219 (72 74 73, +6), Sophie Sandolo (74 72 74) e Stefania Croce (74 69 77) 56.e con 220 (+7). Per il titolo sarà lotta serrata tra due diciassettenni appena passate di categoria, con l’inglese Charley Hull che si è portata al comando con 202 colpi (68 70 64, -11), superando la thailandese Ariya Jutanugarn (203, -10), in vetta dopo due turni. Hanno chance di entrare nella corsa anche la sudafricana Lee-Anne Pace e le statunitensi Beth Allen e Katie Burnett, terze con 205 (-5), mentre appare molto difficile un recupero dell’inglese Laura Davies e della svedese Mikaela Parmlid, seste con 208 (-5), e dell’australiana Sarah Kemp, ottava con 209 (-4), Fuori gioco l’inglese Melissa Reid e l’americana Mallory Fraiche, none con 210 (-3). La Hull si è espressa con un 64 (-4) miglior score di giornata ottenuto con otto birdie e un bogey, ma la Jutanugarn ha risposto con un buon 67 (-4), terzo punteggio del giro, frutto di cinque birdie e un bogey. La Rigon ha marciato in par (71) con tre birdie e altrettanti bogey; per la Zorzi 73 (+2) colpi con tre birdie, tre bogey e un doppio bogey; per la Sandolo 74 (+3) con un birdie e quattro bogey; per la Croce 77 (+6) con un birdie, tre bogey e due doppi bogey. Il montepremi è di 325.000 euro. Secondo giro – Margherita Rigon, 14ª con 141 colpi (71 70), si è mantenuta in alta classifica nella Lalla Meyem Cup (Ladies European Tour) che si sta disputando sul tracciato del Golf de l’Ocean (par 71), ad Agadir in Marocco. Si è portata dal 52° al 25° posto con 143 (74 69, +1) Stefania Croce, è scivolata dal 21° al 55° con 146 (72 74, +4) Veronica Zorzi e occupa la stessa posizione Sophie Sandolo (74 72), che ha evitato di uscire al taglio nelle ultime buche. E’ passata a condurre con 136 (69 67, -6) la 17enne thailandese Ariya Jutanugarn, al primo anno nel circuito e già una volta andata a un passo dal titolo, che precede di due colpi le statunitensi Beth Allen e Mallory Fraiche, la sudafricana Lee-Anne Pace e l’inglese Charley Hull (138, -4). Al sesto posto con 139 (-3) l’inglese Laura Davies e la svedese Mikaela Parmlid e tra le giocatrici all’ottavo con 140 (-2) l’inglese Melissa Reid e l’australiana Sarah Kemp. Al 18° con 142 (par) la norvegese Marianne Skarpnord, leader dopo un giro e scesa con un 76 (+5). La Jutanugarn ha firmato un 67 (-4) con cinque birdie e un bogey e la Rigon ha mantenuto un’andatura regolare con un 70 (-1) dopo cinque birdie e quattro bogey. La Croce ha realizzato un parziale di 69 (-2) con tre birdie e un bogey, la Zorzi è stata penalizzata da un 74 (+3) con due birdie, tre bogey e un doppio bogey e la Sandolo ha concluso con un 72 (+1) con tre birdie, di cui l’ultimo a tre buche dalla fine l’ha lasciata in gara, e quattro bogey. Il montepremi è di 325.000 euro. Primo giro – La norvegese Marianne Skarpnord  ha concluso al comando con 66 (-5) colpi il primo giro della Lalla Meyem Cup (Ladies European Tour) che si sta disputando sul tracciato del Golf de l’Ocean (par 71), ad Agadir in Marocco. La migliore delle italiane è stata Margherita Rigon, 15ª con 71 (par), ha un colpo in più Veronica Zorzi, 21ª con 72 (+1), e sono a metà classifica Stefania Croce e Sophie Sandolo, 52.e con 74 (+3). Quest’ultima ha vinto il torneo nel 2006 quando ancora non era nel calendario del LET, dove è entrato nel 2010. La Skarpnord, 27enne di Sarpsborg con due titoli nel circuito tra i quali un Open d’Italia femminile (2009), precede di un colpo la sudafricana Melissa Eaton (67, -4) e di due l’inglese Charley Hull (68, -3). Al quarto posto con 69 (-2) le inglesi Sophie Walker, Holly Clyburn, Melissa Reid, la thailandese Ariya Jutanugarn, all’ottavo con 70 (-1) le statunitensi Mallory Fraiche, Katie Burnett e Beth Allen, la sudafricana Lee-Anne Pace, la francese Valentine Derrey, la spagnola Emma Cabrera Bello e la dilettante scozzese Kelsey MacDonald. La Skarpnord ha segnato sei birdie e un bogey; la Rigon due birdie e altrettanti bogey; la Zorzi due birdie e tre bogey; la Sandolo un birdie e quattro bogey; la Croce due birdie e cinque bogey, di cui quattro di fila. Il montepremi è di 325.000 euro.Prologo – In concomitanza con il Trophée Hassan II dell’European Tour, il Marocco ospita anche le proettes del Ladies European Tour impegnate nella Lalla Meyem Cup (28-31 marzo) che avrà luogo sempre ad Agadir, ma sul tracciato del Golf de l’Ocean. Quattro le azzurre in campo – Veronica Zorzi (nella foto di Davide Da Ponte), Stefania Croce, Margherita Rigon e Sophie Sandolo – in un field che comprende le inglesi Laura Davies, Trish Johnson, Melissa Reid e Florentyna Parker, la spagnola Tania Elosegui, le francesi Gwladys Nocera e Anne-Lise Caudal, la scozzese Carly Booth, la sudafricana Stacy Lee Bregman e l’australiana Karen Lunn, campionessa uscente. Sono attese alla prova Veronica Zorzi e Stefania Croce, rispettivamente  sesta e 18ª nella classifica individuale del World Ladies Championship. una nuova proposta di Coppa del Mondo femminile che si è tenuta in Cina due settimane addietro. Sarà particolarmente motivata Sophie Sandolo, che vinse questa gara nel 2006 quando ancora non era nel calendario del LET, dove è entrata nel 2010, e proverà a cambiare passo Margherita Rigon, piuttosto altalenante. Il montepremi è di 325.000 euro.   I risultati