fbpx

LET: Artis a sorpresa Rigon 33ª, Luna 39ª

  26 Luglio 2015 News
Condividi su:

 L’australiana Rebecca Artis (nella foto) si è imposta a sorpresa con 210 colpi (75 69 66, -6) nell’Aberdeen Asset Management Ladies Scottish Open (Ladies European Tour), torneo che, sul percorso del Dundonald Links (par 72) a Troon in Scozia, ha anticipato di una settimana il Ricoh Womens British Open (Turnberry, 30 luglio-2 agosto), quarto dei cinque major stagionali femminili.   Nel giro finale la Artis ha sorpassato la norvegese Suzann Pettersen (212, -4), numero sette mondiale, e ritenuta la grande favorita dopo essere rimasta da sola al comando e aver distaccato l’altra “stella” del torneo, la neozelandese Lydia Ko, numero due del Rolex Ranking, quarta con 215 (-1), alla pari con la ceca Klara Spilkova. In terza posizione con 214 (-2) l’inglese Holly Clyburn, in sesta con 217 (+1) l’altra inglese Hannah Burke e in settima con 218 (+2) la statunitense Beth Allen.   E’ terminata al 33° posto Margherita Rigon con 223 (77 74 72, +7), ha segnato un colpo in più Diana Luna, 39ª con 224 (78 73 73, +8), ed ha finito al 52° Stefania Croce con 231 (75 76 80, +15). E’ uscita al taglio Sophie Sandolo, 73ª con 158 (76 82, +14).   La Artis, 27enne di Coonabarabran, ottava alla partenza, ha operato la sua rimonta con un 66 (-6), miglior punteggio del turno, nato da otto birdie e da un doppio bogey. La Pettersen, dopo un buon avvio, ha perso terreno e torneo nel finale. Per lei tre birdie e cinque bogey, di cui quattro nel rientro, per il 74 (+2). La Rigon ha recuperato tredici posizioni con cinque birdie, tre bogey e un doppio bogey per il 72 (par), la Luna è risalita di sette con due birdie e tre bogey per il 73 (+1) e la Croce ne ha perse sei con tre birdie, nove bogey e un doppio bogey per un 80 (+8).   Secondo giro – La norvegese Suzann Pettersen è rimasta da sola al comando con 138 (68 70, -6) colpi a un giro dal termine dell’Aberdeen Asset Management Ladies Scottish Open (Ladies European Tour), torneo che, sul percorso del Dundonald Links (par 72), a Troon in Scozia, anticipa di una settimana il Ricoh Womens British Open (Turnberry, 30 luglio-2 agosto), quarto dei cinque major stagionali femminili.   La Pettersen, numero sette mondiale, precede di due colpi l’inglese Holly Clyburn (140, -4) e di tre la neozelandese Lydia Ko (141, -3), numero due del Rolex Ranking, l’altra “stella” del torneo con cui condivideva la leadership dopo un turno. Al quarto posto con 142 (-2) la pluridecorata inglese Laura Davies e la francese Celine Herbin, al sesto con 143 (-1) la ceca Klara Spilkova e l’austriaca Christine Wolf.   Sono in bassa classifica, tutte in 46ª posizione con 151 (+7) ultimo punteggio utile per la qualifica, Diana Luna (78 73), Stefania Croce (75 76) e Margherita Rigon (77 74). Non ha superato il taglio Sophie Sandolo, 73ª con 158 (76 82, +14).   La Pettersen ha preso il largo con quattro birdie e due bogey per il 70 (+2) e la Clyburn è risalita di quattordici posizioni grazie a un 67 (-5) con cinque birdie, senza bogey. Parecchie difficoltà per la Ko, che ha girato in 73 (+1) con quattro birdie e cinque bogey. Anche per la Luna 73 colpi con quattro birdie, tre bogey e un doppio bogey, per la Croce 76 (+4) con un birdie, tre bogey e un doppio bogey e 74 (+2) per la Rigon con un birdie e tre bogey. Il montepremi è di 500.000 euro.   Secondo giro – Sono le due “stelle” del torneo e non si sono smentite la neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale, e la norvegese Suzann Pettersen, numero sette, che hanno subito preso il comando con 68 (-4) colpi nell’Aberdeen Asset Management Ladies Scottish Open (Ladies European Tour), torneo che anticipa di una settimana il Ricoh Womens British Open (Turnberry, 30 luglio-2 agosto), quarto dei cinque major stagionali femminili.   Sul percorso del Dundonald Links (par 72), a Troon in Scozia, è al terzo posto con 69 (-3) la francese Celine Herbin, sono al quarto con 70 (-2) la scozzese Kelsey MacDonald e l’austriaca Christine Wolf e occupano il sesto con 71 (-1) la sudafricana Nicole Garcia, la gallese Amy Boulden e le inglesi Laura Davies e Florentyna Parker.   Non è stata una giornata favorevole alla quattro italiane in gara: Stefania Croce è 40ª con 75 (+3), Sophie Sandolo 49ª con 76 (+4), Margherita Rigon 55ª con 77 (+5) e Diana Luna 65ª con 78 (+6) insieme all’inglese Trish Johnson, campionessa uscente.   La Ko ha fatto percorso netto con quattro birdie e la Pettersen è stata più fallosa, ma con sei birdie e due bogey ha ottenuto lo stesso score. Per la Croce due birdie e cinque bogey, per la Sandolo due birdie e sei bogey, per la Rigon un birdie, due bogey e due doppi bogey e per la Luna quattro bogey e un doppio bogey. Il montepremi è di 500.000 euro.   Prologo – Torna dopo tre settimana il Ladies European Tour, il cui calendario è abbastanza frammentato, con l’Aberdeen Asset Management Ladies Scottish Open (24-26 luglio, 54 buche), torneo che anticipa di una settimana il Ricoh Womens British Open (Turnberry, 30 luglio-2 agosto), quarto dei cinque major stagionali femminili.   Sul percorso del Dundonald Links, a Troon in Scozia, difenderanno i colori azzurri Diana Luna, Sophie Sandolo, Margherita Rigon e Stefania Croce in un evento le cui indiscusse “stelle” saranno la neozelandese Lydia Ko, numero due mondiale, e la norvegese Suzann Pettersen, numero sette. Da seguire le scozzesi Catriona Matthew, due volte vincitrice dell’evento, Kylie Walker e Carly Booth, tutte particolarmente motivate, le inglesi Trish Johnson, campionessa uscente, Charley Hull, Melissa Reid e Holly Clyburn, le francesi Gwladys Nocera, Valentine Derrey, Anne-Lise Caudal e Sophie Giquel, la danese Malene Jorgensen, l’australiana Stacey Keating e la thailandese Titiya Plucksataporn. Il montepremi è di 500.000 euro.   I risultati