fbpx

Junior Solheim Cup alle statunitensi (14,5-9,5)

  17 Agosto 2013 News
Condividi su:

La selezione giovanile degli Stati Uniti ha vinto la Ping Junior Solheim Cup battendo per 14,5-9,5 quella europea della quale ha fatto parte l’azzurra Virginia Elena Carta (nella foto). Sul tracciato dell’Inverness Golf Club, a Denver in Colorado, nella tradizionale sfida giovanile che anticipa la Solheim Cup, dopo il pareggio nei doppi (6-6) le statunitensi hanno esercitato una netta superiorità nei singoli che si è espressa con un parziale di 8,5 a 3,5. Le americane, affidate a Kathy Whitworth un mito del golf femminile d’oltre Oceano, avevano ottenuto un 3,5–2,5 nei fourball che le continentali hanno recuperato con lo stesso score in loro favore nei foursome. La Carta nei doppi ha disputato il fourball con la spagnola Harang Lee impattando con Krystal Quihuis/Alexandra Kaui e il foursome insieme alla svedese Linnea Strom dividendo il punto in palio con le stesse avversarie. Nel singolo ha ceduto di misura (1 up) contro Krystal Quihuis, che ha incontrato per la terza volta. Sempre nei singoli le europee hanno raccolto tre pareggi e due sole vittorie con l’olandese Anne Van Dam (3/1 su Amy Lee) e con la tedesca Caroline Lampert (1 up su Ashlan Ramsey), al terzo successo su tre match. Delle ragazze diretta dalla scozzese Janice Moodie sono rimaste imbattute anche la svedese Linnea Strom (pari in singolo con Andrea Lee) con tre pareggi, e la danese Emily Pedersen (pari con Samantha Wagner), con una vittoria e due pareggi. Il bilancio della sfida è ora di quattro successi per le statunitensi, in precedenza a segno nel 2002, 2005 e 2009, contro due affermazioni europee (2003, 2007) e un pareggio nel confronto del 2011. Prima giornata –La selezione giovanile europea, della quale fa parte l’azzurra Virginia Elena Carta, e quella statunitense sono alla pari (6-6) dopo la prima giornata della Ping Junior Solheim Cup, che si sta disputando sul tracciato dell’Inverness Golf Club, a Denver in Colorado e che, come di consueto, anticipa la Solheim Cup (16-18 agosto), match tra le proettes continentali e americane in programma a Parker, in Colorado. Si sono svolti sei incontri fourball e altrettanti foursome: nei primi hanno preso vantaggio le statunitensi, dirette dalla mitica Kathy Whitworth, con un parziale di 3-2 e nei secondi le ragazze affidata alla capitana scozzese Janice Moodie hanno recuperato lo svantaggio con lo stesso punteggio. La Carta ha disputato il fourball con la spagnola Harang Lee impattando con Krystal Quihuis/Alexandra Kaui e il foursome insieme alla svedese Linnea Strom dividendo il punto in palio con le stesse avversarie. L’Europa ha vinto un match nei fourball con Shannon Aubert (Francia)/ Karolin Lampert (Germania) per 1 up su Alison Lee/Casey Danielson e tre nel foursome con Jessica Vasilic (Svezia)/Anne Van Dam (Olanda) per 2/1 su Alison Lee/Amy Lee, con Emily Pedersen (Danimarca)/Karoline Lampert per 1 up su Nicole Morales/Ashlan Ramsey e con le inglesi Bronte Law/Georgia Hall per 2 up su Casie Cathrea/Samantha Wagner. La Carta è una delle cinque giovani continentali rimaste imbattute nel primo turno insieme a Caroline Lampert (2 vittorie), Jessica Vasilic, Emily Pedersen e Bronte Law (un successo e un pari) e a Linnea Strom (due pareggi). Nel bilancio della sfida, iniziata nel 2002, vi sono tre vittorie statunitensi (2002, 2005, 2009) due affermazioni europee (2003, 2007) e un pareggio nell’ultimo confronto del 2011 al Knightsbrook Hotel Spa & Golf Resort, nella contea di Meath in Irlanda. Prologo – Sul tracciato dell’Inverness Golf Club, a Denver in Colorado, la Ping Junior Solheim Cup (13-14 agosto) farà da prologo alla Solheim Cup (16-18 agosto Parker, Colorado) dove nel team continentale ci sarà Giulia Sergas. Anche nella sfida giovanile tra giocatrici europee e statunitensi sarà presente un’azzurra, Virginia Elena Carta, che ha ricevuto una delle sei wild card a disposizione della capitala, la scozzese Janice Moodie. Hanno beneficiato delle altre cinque: la francese Anyssia Herbaut, l’inglese Bronte Law, la spagnola Harang Lee, la svedese Jessica Vasilic e l’olandese Anne van Dam.  Le altre componenti della formazione europea sono le prime sei classificate nell’European Ping Junior Solheim Cup Ranking del 2013 e rispondono ai nomi di: Emily Pedersen (Danimarca), Linnea Ström (Svezia), Karolin Lampert (Germania), Shannon Aubert (Francia), Georgia Hall (Inghilterra) e Amber Ratcliffe (Inghilterra), In totale sono rappresentate otto nazioni. Janice Moodie (che ha all’attivo 2 vittorie nel LPGA Tour e tre partecipazioni alla Solheim Cup con 2 successi nel 2000 e nel 2003) sarà coadiuvata dalla vice capitana Karine Mathiot, francese, e proverà a pareggiare il conto dei successi con gli USA. Dalla prima edizione disputata nel 2002, infatti, vi sono state tre vittorie statunitensi (2002, 2005, 2009) due affermazioni europee (2003, 2007) e un pareggio nell’ultimo confronto del 2011 al Knightsbrook Hotel Spa & Golf Resort, nella contea di Meath in Irlanda. Il team statunitense, di contro, cercherà di cogliere il quarto successo consecutivo nelle edizioni disputate in casa.