fbpx

Junior Invitational: titolo a Scottier Scheffler sesto Renato Paratore

  27 Aprile 2014 News
Condividi su:

Renato Paratore (nella foto) ha offerto una bella prova classificandosi al sesto posto, unico giocatore non statunitense tra i primi diciassette in graduatoria, con 218 colpi (72 73 72, +2) nel Junior Invitational, il prestigioso torneo giovanile svoltosi sul percorso del Sage Valley Golf Club (par 72) a Graniteville, negli Stati Uniti, e al quale sono stati ammessi i migliori 54 juniores del world ranking. Si è imposto con 211 colpi (71 69 71, -5) Scottier Scheffler, che ha tenuto a bada gli inseguitori con un 71 (-1) frutto di quattro birdie e con cinque bogey. Ha preceduto Champ Cameron, secondo con 212 (-4), Brad Dalke, terzo con 216, Kristian Caparros e Keenan Huskey, quarti con 217 (-1), mentre l’azzurro è stato affiancato daTheo Humphrey, Benjamin Griffin e Davis Riley. Nel primo giro Paratore si è espresso a un bel livello e il parziale di 72 (par) gli è andato un po’ stretto. Ha perso una palla nell’unica volta in cui ha sbagliato il drive e ha un po’ sofferto con il putter. Nel secondo turno, disputato sotto un cielo coperto e con vento forte a raffiche, il romano ha realizzato un “+2” sulle prime nove buche, dopo qualche drive sbilenco ed errori sui green. Nel rientro le cose sono andate bene fino alla buca 17, con tre birdie realizzati, poi una uscita dal bunker ha prodotto una palla in acqua e un doppio bogey per il 73 (+1). Stesso punteggio nel turno conclusivo dove i concorrenti hanno trovato un ostacolo in più nelle bandiere piuttosto difficili. Nuovamente qualche incertezza in uscita e parziale di “+1” con un birdie e due bogey, poi una sterzata con un eagle alla 10 e due colpi persi nel finale con altrettanti bogey. Il portacolori del Parco di Roma ha palesato un ottimo gioco da tee a green, in parte vanificato da un rapporto conflittuale con il putter. Un dato per tutti: nell’ultimo giro ha puttato dodici volte per il birdie, andando a bersaglio in una sola occasione. L’azzurro è stato accompagnato da Gianluca Baldasso.   Secondo giro – Renato Paratore è salito dall’ottavo al sesto posto con 145 colpi (72 73, +1) nel secondo giro del Junior Invitational, il prestigioso torneo che si sta svolgendo sul percorso del Sage Valley Golf Club (par 72) a Graniteville, negli Stati Uniti. L’azzurro è l’unico giocatore non americano tra i primi undici nella graduatoria guidata con 140 (71 69, -4) da Scottie Scheffler, che ha superato Theo Humphrey (141, -3) leader dopo un turno. Al terzo posto con 143 (-1) Brad Dalke, al quarto con 144 (par) Champ Cameron e Kristian Caparros e al sesto, insieme a Paratore, Davis Riley, Keenan Huskey, David Snyder, Wilson Furr e Andy Zhang. Scheffler ha chiuso con un parziale di 69 (.3) dovuto a un eagle, due birdie e a un bogey; il portacolori del Parco d Roma con un 73 (+1) segnando tre birdie, due bogey e un doppio bogey. La gara, alla quale sono stati ammessi 54 selezionati giocatori, si svolge sulla distanza di 54 buche. L’azzurro è accompagnato da Gianluca Baldasso.   Primo giro – Renato Paratore  ha concluso all’ottavo posto con 72 (par) colpi il giro iniziale del Junior Invitational, il prestigioso torneo che si sta disputando sul percorso del Sage Valley Golf Club (par 72) a Graniteville, negli Stati Uniti. I giocatori di casa, che sono in predominanza, occupano i primi sette posti della classifica: in vetta con 69 (-3) Theo Humphrey, al secondo posto con 70 (-2) Sam Horsfield e Brad Dalke, al quarto con 71 (-1) Champ Cameron, David Snyder, Austen Truslow e Scottie Scheffler. L’azzurro è affiancato da altri due americani, Andy Zhang e Keenan Huskey, dal canadese Matt Williams e dall’irlandese Robin Dawson. Il leader ha segnato sei birdie e tre bogey, Paratore cinque birdie, tre bogey e un doppio bogey. La gara, alla quale sono stati ammessi 54 selezionati giocatori, si svolge sulla distanza di 54 buche. L’azzurro è accompagnato da Gianluca Baldasso.   Prologo – Renato Paratore  partecipa al Junior Invitational, il prestigioso torneo in programma dal 24 al 26 aprile sul percorso del Sage Valley Golf Club a Graniteville, negli Stati Uniti. Nel field gli americani Kristian Caparros, Sam Burnes, Jorge Garcia, l’irlandese Paul McBride, gli inglesi Ashton Turner e Marco Penge, il messicano Aaron Terrazas e l’argentino Alejandro Tosti. La gara, alla quale sono ammessi 54 selezionati giocatori, si svolge sulla distanza di 54 buche. L’azzurro è accompagnato da Gianluca Baldasso.