fbpx

Italian Pro Tour: trionfo azzurro nel Memorial Giorgio Bordoni Perrino 1°, Bolognesi 2°

  19 Giugno 2015 News
Condividi su:

Il livornese Andrea Perrino ha vinto con 197 colpi (64 66 67, -13) il Memorial Giorgio Bordoni, torneo in calendario nell’Alps Tour e nell’Italian Pro Tour, disputato sul percorso comasco del Golf Club La Pinetina (par 70) nel ricordo del  tecnico federale scomparso nel 2013 all’età di 48 anni. Il successo italiano è stato completato dal secondo posto, con 198 colpi (68 62 68, -12), del romagnolo Andrea Bolognesi, alla pari con il francese Dominique Nouhailhac, e dal quinto con 200 (-10) del romano Enrico Di Nitto, del pugliese Francesco Laporta e dell’altoatesino Aron Zemmer.   Al quarto con 199 (-11) l’inglese Matt Wallace e al quinto anche l’olandese Darius Van Driel, l’inglese Harry Casey e lo scozzese Scott Stewart-Cation. Buone prove di Alessandro Grammatica, 12° con 202 (-8) – che nell’occasione ha lasciato momentaneamente il Sunshine Tour sudafricano, suo circuito di competenza, così come Laporta – e di Andrea Maestroni, Gregory Molteni e di Nunzio Lombardi, 15° con 203 (-7). Dei 140 concorrenti al via, 52 hanno superato il taglio dopo due turni. Tra costoro 21 italiani compresi due dilettanti, Andrea Saracino, 42° con 210 (par), e Riccardo Cellerino, 50° con 213 (+3).   Per Perrino, 31enne toscano, è la terza vittoria da professionista, dopo le due affermazioni nell’Alps Tour del 2009 in Spagna, nel Peugeot Loewe Tour Laukariz, e in Francia, nell’Allianz Open de Strasbourg, grazie alle quali s’impose anche nell’ordine di merito. Ha siglato il terzo titolo stagionale dei professionisti italiani (che gli ha fruttato un assegno di 5.800 euro su un montepremi di 40.000 euro) dopo quelli di Enrico Di Nitto (Alps Tour Colli Berici) e di Andrea Maestroni (Open de Saint-François Region Guadeloupe).   Grande la soddisfazione del vincitore: “E’ stata una settimana speciale – ha commentato Perrino – dove tutto è andato per il verso giusto. La sfida per il titolo con il mio amico Andrea Bolognesi è stata molto stimolante. Avrebbe meritato anche lui il successo. Questa vittoria è figlia dell’esperienza acquisita nel Challenge Tour. Spero di farvi ritorno  a fine stagione, magari senza dover passare per la Qualifying School”. Deluso per l’epilogo, ma soddisfatto per il gioco espresso (nel secondo giro con 62 colpi ha fissato il nuovo record del campo) Andrea Bolognesi: “Ho disputato un gran torneo. Ho provato a puntare al titolo, ma  un errore alla buca 10 mi ha penalizzato. Complimenti a Perrino. Cii siamo affrontati in un clima di sana rivalità, sempre con grande rispetto reciproco”.   Il Memorial Giorgio Bordoni è stato sostenuto dal title sponsor Aon e dagli sponsor Banca Mediolanum, Fondazione Novacaritas, Cegos, Cargo Nord, Peviani. L’Italian Pro Tour – il circuito allestito sul territorio nazionale dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di golf della FIG – ha il supporto per tutta la stagione di Colmar, Unopiù, Frosecchi, Martin Argenti e Konica Minolta. Media Partner: Sky; Charity Partner: Comitato Maria Letizia Verga. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, i giocatori usufruiscono del servizio di cura fisioterapica e riabilitazione fisica “Physio Team”, coordinato da Giuseppe Plebani.   La manifestazione è stata anticipata dalla Pro Am Memorial Giorgio Bordoni, vinta con 23 colpi sotto par dal team del professionista Corrado De Stefani, con i dilettanti Fabio De Martini, Erika De Martini ed Edoardo Rigamonti. Tanti gli amici di Giorgio Bordoni scesi in campo per ricordarlo, fra i quali, Matteo Manassero, Alessandro Tadini, Baldovino Dassù, Emanuele Canonica, Massimo Scarpa, Silvio Grappasonni, Massimo Scarpa, Alberto Binaghi e Roberto Zappa.   I risultati